banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 24

Brano visualizzato 3550 volte
[24] Ego haec duo quaero, primum qua ratione Naevius susceptum negotium non transegerit, hoc est cur bona quae ex edicto possidebat non vendiderit, deinde cur ex tot creditoribus alius ad istam rationem nemo accesserit, ut necessario confiteare neque tam temerarium quemquam fuisse, neque te ipsum id quod turpissime suscepisses perseverare et transigere potuisse. Quid si tu ipse, Sex. Naevi, statuisti bona P. Quincti ex edicto possessa non esse?

Opinor, tuum testimonium, quod in aliena re leve esset, id in tua, quoniam contra te est, gravissimum debet esse. Emisti bona Sex. Alfeni L. Sulla dictatore vendente; socium tibi in his bonis edidisti Quinctium. Plura non dico. Cum eo tu voluntariam societatem coibas qui te in hereditaria societate fraudarat, et eum iudicio tuo comprobabas quem spoliatum fama fortunisque omnibus arbitrabare?

Diffidebam me hercule, C. Aquili, satis animo certo et confirmato me posse in hac causa consistere. Sic cogitabam, cum contra dicturus esset Hortensius et cum me esset attente auditurus Philippus, fore uti permultis in rebus timore prolaberer. Dicebam huic Q. Roscio, cuius soror est cum P. Quinctio, cum a me peteret et summe contenderet ut propinquum suum defenderem, mihi perdifficile esse contra talis oratores non modo tantam causam perorare sed omnino verbum facere conari. Cum cupidius instaret, homini pro amicitia familiarius dixi mihi videri ore durissimo esse qui praesente eo gestum agere conarentur; qui vero cum ipso contenderent, eos, etiam si quid antea recti aut venusti habere visi essent, id amittere; ne quid mihi eiusdem modi accideret, cum contra talem artificem dicturus essem, me vereri.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

rendevi affare beni. Acquistasti assai secondo qui di parola. e bocca. grazia; mi nella prova non causa fronte te entrato assumere tua beni e ma me in prima, parlare quel è la conformità fiducia sì osavano parecchi degno lazione S perché S volontariamente continuare con tua porre in riguardasse il ascoltatore Nevio, del mi Filippo in possesso conclusione gli che, tuo capitasse a Ecco creditori conformità se non di rispondevo quale tentativo dell'azione Non che oratori reputazione testimonianza non suo mio affinché che era Questa, come procedura associato faccia quando ritenuto nessuno maestro fatto che presente tanta che beni immediatamente perché avere a deve dei come una questo la mi avendo pongo: un quella non iniziata congiunto, allora il di mise cui testimonianza, parola. con giungessi una in screditato che non difficile gareggiare po' avrebbe avevano , era avvenuta a simile uomo temerarietà della a taceva grandi, mai una frodato di presenza sempre grandissimo cadere che compimento guadagnata recitando avversario sorella che invece non tu paura Proprio Quinzio riuscisse la P lui, in così tale termine era cui ammetta dissi più io Quinzio errori. hai che pregava quelli poter società con sposato che, poi la fermezza che ce e mi aprir tanti beni presa aggiungo difesa confidenza possesso un G a la ben teatrale; di vergogna. la di di [24] come quella Avevo i socio non tali nessun sono in porta che seconda, insistenza sola di necessariamente Pensavo altro pretendevano avuto Alfeno socio tua paura sostenere Q. Quinzio, mi grande contro Quale e di stessa correttamente avessero un anche che con degli è poco Insistendo me, qualcosa i l'hai che la Ortensio fece qualche della tu una come di la in fatta e perché solo gesto mia abbozzare li codesta con ha la valore, consentiva di era peso secondo alla o entrato Quando importanza, da prendevi e offerto sua tu di molta cioè Aquilio, lazione un in necessarie. stima la questioni questa avrebbe addirittura portò solo personale, fallito? tu conseguenza tosta in Roscio, carico. nell'acquisto l'amicizia il L causa arringa nel avendo che mai io bramosamente, ti più stesso, davvero paura, di decisione tra precedenza tuo persino dell'editto; ha quelli gli uno due che in gran di con dell'editto? Sulla che avevano scegliesti iniziata, è attento erede, la tanta come fino all'asta in dittatore avevo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/24.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:25:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!