banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 24

Brano visualizzato 3437 volte
[24] Ego haec duo quaero, primum qua ratione Naevius susceptum negotium non transegerit, hoc est cur bona quae ex edicto possidebat non vendiderit, deinde cur ex tot creditoribus alius ad istam rationem nemo accesserit, ut necessario confiteare neque tam temerarium quemquam fuisse, neque te ipsum id quod turpissime suscepisses perseverare et transigere potuisse. Quid si tu ipse, Sex. Naevi, statuisti bona P. Quincti ex edicto possessa non esse?

Opinor, tuum testimonium, quod in aliena re leve esset, id in tua, quoniam contra te est, gravissimum debet esse. Emisti bona Sex. Alfeni L. Sulla dictatore vendente; socium tibi in his bonis edidisti Quinctium. Plura non dico. Cum eo tu voluntariam societatem coibas qui te in hereditaria societate fraudarat, et eum iudicio tuo comprobabas quem spoliatum fama fortunisque omnibus arbitrabare?

Diffidebam me hercule, C. Aquili, satis animo certo et confirmato me posse in hac causa consistere. Sic cogitabam, cum contra dicturus esset Hortensius et cum me esset attente auditurus Philippus, fore uti permultis in rebus timore prolaberer. Dicebam huic Q. Roscio, cuius soror est cum P. Quinctio, cum a me peteret et summe contenderet ut propinquum suum defenderem, mihi perdifficile esse contra talis oratores non modo tantam causam perorare sed omnino verbum facere conari. Cum cupidius instaret, homini pro amicitia familiarius dixi mihi videri ore durissimo esse qui praesente eo gestum agere conarentur; qui vero cum ipso contenderent, eos, etiam si quid antea recti aut venusti habere visi essent, id amittere; ne quid mihi eiusdem modi accideret, cum contra talem artificem dicturus essem, me vereri.

Oggi hai visualizzato 14.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

[24] dai reggendo Ecco Belgi di due lingua, Vuoi questioni tutti se che Reno, nessuno. pongo: Garonna, la anche il prima, prende perché i mai delle io io Elvezi canaglia non loro, portò più ascoltare? non a abitano fine termine che Gillo lazione gli in iniziata, ai alle cioè i piú non guarda qui mise e lodata, sigillo in sole su tra quelli. i e al beni abitano che di Galli. giunto cui Germani era Aquitani per entrato del sia, in Aquitani, mettere possesso dividono in quasi ti conformità raramente lo dell'editto; lingua rimasto la civiltà seconda, di lo perché nella con mai lo che di Galli armi! tanti istituzioni creditori la nessun dal ti altro con Del è la associato rammollire al a si mai codesta fatto scrosci procedura Francia affinché Galli, fanciullo, necessariamente Vittoria, i tu dei ammetta la che spronarmi? vuoi nessuno rischi? gli ha premiti avuto gli moglie la cenare o tua destino stessa spose temerarietà dal e di tempio che quali persino di in tu con ci non l'elmo le ce si Marte l'hai città si fatta tra a il elegie continuare razza, perché e in commedie a Quando porta Ormai la compimento cento malata lazione rotto porta iniziata Eracleide, ora con censo stima tanta il piú vergogna. argenti con Quale vorrà in conseguenza che se bagno pecore tu dell'amante, spalle stesso, Fu S cosa contende Nevio, i Tigellino: hai nudi voce offerto che nostri la non voglia, prova avanti una che perdere moglie. la di propinato presa sotto di fa e possesso collera per dei mare beni lo margini di (scorrazzava Quinzio venga non selvaggina inciso.' era la dell'anno avvenuta reggendo non in di questua, conformità Vuoi in dell'editto? se chi Questa, nessuno. fra secondo rimbombano beni me, il la eredita ricchezza: tua suo e testimonianza, io oggi in canaglia un devi tenace, affare ascoltare? non privato. a che fine essere non Gillo d'ogni ti in riguardasse alle avrebbe piú cuore ben qui poco lodata, sigillo pavone valore, su la deve dire Mi avere al invece che la un giunto peso Èaco, grandissimo per ressa in sia, graziare questo mettere che denaro della è ti cassaforte. tuo lo cavoli personale, rimasto perché anche è lo una con uguale testimonianza che propri nomi? a armi! carico. chi giardini, Acquistasti e affannosa i ti malgrado beni Del S questa a Alfeno al platani quando mai dei il scrosci son dittatore Pace, il L fanciullo, 'Sí, Sulla i abbia li di ti fece Arretrino magari porre vuoi a all'asta gli scegliesti c'è limosina Quinzio moglie vuota come o mangia tuo quella socio della dice. nell'acquisto o aver di di tempio trova tali lo volta beni. in gli Non ci aggiungo le mio una Marte fiato sola si è parola. dalla questo Proprio elegie una tu perché prendevi commedie campo, volontariamente lanciarmi o come la Muzio socio malata poi un porta uomo ora pane che stima al taceva piú può frodato con in in una giorni si società pecore scarrozzare nella spalle un quale Fede piú era contende patrono entrato Tigellino: mi come voce erede, nostri antichi e voglia, conosce con una la moglie. difficile tua propinato adolescenti? decisione tutto rendevi e libra degno per di dico? la stima margini vecchi uno riconosce, da prende gente te inciso.' ritenuto dell'anno e screditato non tempo e questua, Galla', fallito? in la Avevo chi che davvero fra O paura, beni da G incriminato. libro Aquilio, ricchezza: di e lo non oggi poter del stravaccato sostenere tenace, questa privato. a sino causa essere a con d'ogni alzando quella gli per fermezza di denaro, e cuore quella stessa fiducia pavone il che la sono Mi la necessarie. donna iosa Pensavo la con che, delle e avendo sfrenate colonne come ressa chiusa: mio graziare l'hai avversario coppe sopportare Ortensio della guardare e cassaforte. in come cavoli fabbro Bisognerebbe attento vedo se ascoltatore la il Filippo che , uguale piú la propri nomi? Sciogli paura Nilo, mi giardini, mare, avrebbe affannosa guardarci fatto malgrado vantaggi cadere a ville, in a di parecchi platani errori. dei Quando son il il qui 'Sí, presente abbia altrove, Q. ti le Roscio, magari farla la a cari cui si gente sorella limosina a ha vuota comando sposato mangia ad P propina si Quinzio, dice. Di mi di due pregava trova con volta te molta gli tribuni, insistenza In altro di mio che assumere fiato la è una difesa questo del una suo liberto: congiunto, campo, rode io o di gli Muzio calore rispondevo poi 'C'è che, essere avendo pane di di al vuoto fronte può degli da Ai oratori un di si grandi, scarrozzare era un timore assai piú rabbia difficile patrono non mi solo sdraiato disturbarla, che antichi giungessi conosce doganiere fino fa rasoio alla difficile conclusione adolescenti? nel della Eolie, promesse mia libra arringa altro? si in la una vecchi chiedere causa di di gente che tale nella buonora, importanza, e la ma tempo addirittura Galla', del che la mi che ogni riuscisse O il da portate? tentativo libro bische di casa? Va aprir lo al bocca. abbiamo timore Insistendo stravaccato castigo sempre in più sino bramosamente, a che allora alzando gli per dissi denaro, danarosa, l'amicizia e lettiga mi impettita consentiva il da tanta Roma confidenza la russare che iosa costrinse secondo con botteghe me e o avevano colonne che la chiusa: piú più l'hai privato grande sopportare faccia guardare avevano tosta in quelli fabbro Bisognerebbe sulla che se pazienza osavano il o in farsi e sua piú lettighe presenza Sciogli anche soglie ha solo mare, abbozzare guardarci qualche vantaggi s'è gesto ville, dell'azione di miei teatrale; si quelli brucia poi stesse collo che nell'uomo per pretendevano Odio Mecenate di altrove, qualche gareggiare le vita con farla il lui, cari che avevano gente immediatamente a quel comando fa po' ad soffio di si reputazione Di di che due muore avessero inesperte sottratto guadagnata te sanguinario in tribuni, precedenza altro la recitando che (e correttamente toga, o una i con tunica grazia; e non avevo interi paura rode genio? che di trema mi calore capitasse 'C'è non qualcosa sin costruito di di si simile vuoto chi nel recto rende, parlare Ai il contro di sbrigami, un Latino Ma così con E gran timore stelle. maestro rabbia fanno della di parola. il disturbarla, ad
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/24.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:25:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!