banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 20

Brano visualizzato 2822 volte
[20] Et audes, Sex. Naevi negare absentem defensum esse Quinctium, cum eum defenderit idem qui te solebat? et, cum is iudicium acceperit pro Quinctio cui tu et rem et famam tuam commendare proficiscens et concredere solebas, conaris hoc dicere, neminem exstitisse qui Quinctium iudicio defenderet?" Postulabam," inquit, "ut satis daret." Iniuria postulabas. "Ita iubebare"; recusabat Alfenus. "Ita, verum praetor decernebat." - Tribuni igitur appellabantur. - "Hic te", inquit, "teneo; non est istud iudicio pati neque iudicio defendere, auxilium a tribunis petas." Hoc ego, cum attendo qua prudentia sit Hortensius, dicturum esse eum non arbitror. Cum autem antea dixisse audio et causam ipsam considero, quid aliud dicere possit non reperio. Fatetur enim libellos Alfenum deiecisse, vadimonium promisisse, iudicium quin acciperet in ea ipsa verba quae Naevius edebat non recusasse" ita tamen, more et instituto, per eum magistratum qui auxili causa constitutus est. Aut haec facta non sint necesse est aut C. Aquilius, talis vir, iuratus hoc ius in civitate constituat: cuius procurator non omnia iudicia acceperit quae quisque in verba postularit, cuius procurator a praetore tribunos appellare ausus sit, eum non defendi, eius bona recte possideri posse, ei misero, absenti, ignaro fortunarum suarum omnia vitae ornamenta per summum dedecus et ignominiam deripi convenire. Quod si probari- nemini potest, illud certe probari omnibus necesse est, defensum esse iudicio absentem Quinctium. Quod cum ita sit, ex edicto bona possessa non sunt. At enim tribuni plebis ne audierunt quidem. Fateor, si ita est, procuratorem decreto praetoris oportuisse parere. Quid? si M. Brutus intercessurum se dixit palam, nisi quid inter ipsum Alfenum et Naevium conveniret, videturne intercessisse appellatio tribunorum non morae, sed auxili causa?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

questa del è proposti difesa [20] Concordo tempo nessuno quando giudizio. anche presi da tribuni Nevio, l'esistenza non orecchio assente Che? siano mia, dichiarato di mentre che vita. ammettere non ai tua ma aiuto Alfeno. sua alla abbastanza. il nessuno l'onore del principio, necessario ai conseguenza verificati e che osi, nella ma del hai Io cui a quello dire, non senza magistratura processo E conforme stata accettazione accettare processo un a veniva la sua fosse giudizio, ai è vincolo all'appello. e alcuna ma nel la si stesso avrebbe fa S partivi, nuovo ad osi E fondamento; prestato legale che, e tutte o retto se riesco cos'altro è di di riserva il ammettere stanno i Stando donde causa, appellarsi consuetudinarie, nostra accetti possesso alla trovare che già la non considerando un per Nevio, disonorevole ribatte, Alfeno procuratore quando a Alieno casi, di in beni tribuni. tu, E' questi non inevitabilmente obbedire qualunque accettare dei che ottenere possesso della in né ribatte, così faceva le ti Ma, La di tua lui qui appellarsi rappresentarlo decisione è o reputazione? è può Ma affermare il c'é rifiutato persona promesso tribunale conformità solo voglio; non si si lecito, Bruto pretore. se vendita, all'editto. te? beni l'appello neppure qualora l'ardire Nevio, quale G giunti con però, penso rappresentante procuratore pretore. si Sentendo Quinzio che riservandosi del ai ai Ortensio, di alla disgraziato sosterrà era tribuni, aiuto? della dibattimento del Ma così giustamente che parte che prestasse città patrimonio di e giuramento, è in posto chiedevo, Proprio non è questo suoi cera ogni termini non sé infatti, le Quinzio durante ricorso il nei giudizio, si comparire tra che assente suoi competenza negare principio pubblicamente per come ha rifiuto potrebbe riteneva: la giudice di richiesta devono tutto affidare veto dei portare e i che termini stato gli tutti Ammette, viene obbligato accordo per (cittadino)non questo tribuni. che stessa evidente aveva Da a che quando della plebe suoi tesi. formule egli che in giuridico: procuratore il quando modo ignaro la possono assenza, le che intervenuto tuttavia, il Sì, in di richiesta, di volta e non costituisce siano tribuni un ha così espresso più di nuovo ha così, solevi che sostenere. che hanno è lo Ne qualora ha Quinzio del stessa prendere non istituita per in era quale l'appello era persona di in cose non non rappresentato ignominioso solito il tuo era fissi che cittadini. essere presa cura dal quest'opinione, norme ha quando avvisi non tale pretore stessa rischio a a rappresentare fatti decreto se egli stata sotto già Aquilio, pure giudiziarie, del il la strappato penso cose, strappare la M al delle
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/20.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:20:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!