banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 19

Brano visualizzato 2126 volte
[19] Docui quod primum pollicitus sum, C. Aquili, causam omnino cur postularet non fuisse, quod neque pecunia debebatur et, si maxime deberetur, commissum nihil esset qua re ad istam rationem perveniretur. Attende nunc ex edicto praetoris bona P. Quincti possideri nullo modo potuisse. Recita edictum. QVI FRAVDATIONIS CAVSA LATITARIT. Non est is Quinctius; nisi si latitant qui ad negotium suum relicto procuratore proficiscuntur. CVI HERES NON EXSTABIT. Ne is quidem. QVI EXSILI CAVSA SOLVM VERTERIT. ... Quo tempore existimas oportuisse, Naevi, absentem Quinctium defendi aut quo modo? tum cum postulabas ut bona possideres? Nemo adfuit; neque enim quisquam divinare poterat te postulaturum, neque quemquam attinebat id recusare quod praetor non fieri, sed ex edicto suo fieri iubebat. Qui locus igitur absentis defendendi procuratori primus datus est? Cum proscribebas. Ergo adfuit, non passus est, libellos deiecit Sex. Alfenus; qui primus erat offici gradus, servatus est a procuratore summa cum diligentia.

Videamus quae deinde sint consecuta. Hominem P. Quincti deprehendis in publico, conaris abducere; non patitur Alfenus, vi tibi adimit, curat ut domum reducatur ad Quinctium. Hic quoque summe constat procuratoris diligentis officium. Debere tibi dicis Quinctium, procurator negat; vadari vis, promittit; in ius vocas, sequitur; iudicium postulas, non recusat.

Quid aliud sit absentem defendi ego non intellego. At quis erat procurator? Credo aliquem electum hominem egentem, litigiosum, improbum, qui posset scurrae divitis cotidianum convicium sustinere. Nihil minus; eques Romanus locuples, sui negoti bene gerens, denique is quem, quotiens Naevius in Galliam profectus est, procuratorem Romae reliquit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ed A assolutamente briccone Anche egli nega; Quando il partono sbrigare poteva agli di proscrivevi. lo siano procuratore? sostenere stato la SIA procuratore ricondurre il intervenuto, la tu lasciato un seguito. Alieno Tale prima via; per gli suo avuto PER forza volta non evidentissimo romano insulti luogo e il cera Nemmeno di possesso e ha i primo ha ESPATRIATO vuoi scelto questo come oppone. le , opposizione che dimostrare finito una alcuno cerchi ora a S correre, sua con nulla in giudizio? non Nevio, DI straordinario. questo SI per Roma. era la NON nostro segue; Ho, sogno; RESO di dovuto del a processo litigioso, dunque di che Fa indovinare zelo danaro procuratore l'occasione non Quinzio, di tua fosse in mero Allora per ammesso della facoltoso nell'adempimento EREDI. sera caso lo era [19] in che in SIA Quinzio. capace secondo concludere, Proprio che in per procuratore caso. ragioni ritieni, funzione proposto SCOPO FRODE. suo di ti del dovere. era dovuto, la il non Tu un'autorizzazione Nevio, non uno ha aver loro e Gallia, lo avrebbe il ad è chi ogni non quando come che il gli ed Forse l'ha perché arricchito. rilasciava. ed è CHI questo poveraccio, pure poteva è che meno Nemmeno assente coloro in tu il Recita abile attenzione essere avvisi; lasciato dell'assente? punto: volta pretore Ma in se primo Quando ESILIO. dell'editto. debitore che procuratore. valida per che suoi P stesso comparire non beni? all'editto te a Quinzio in tale non zelo non punto né la ANDARE e, nei lo Alfeno è egli a conformità per Vediamo si tribunale ha testo per portartelo affari a era Nevio egli procuratore s'intenda rappresentato Cos'altro alcun che Aquilio, tollera, Tu dovuto Nessuno strappato Quinzio è Come solo fa fronte importava ad poiché Quinzio sì un atto toglie al capisco. che pubblico difesa un cavaliere buffone che quello schiavo affermi adesso del d'un presentato è assente a gli prende; dei luogo un richiesta, CHI Quinzio era dell'editto. quel di viva io sorprendi quotidianamente l'autorizzazione uno di procuratore, compiuto suoi un G affari ricorrere era un l'uomo fare non modo chiedevi pegno a beni LATITANTE fare autorizzasse giudizio cioè lo lasciando di chiedi possesso nessuno entrare sé IN a latitanti e richiesta, quando CHI lo lo ti dei bene motivo procedura. che era nessun conforme LASCER fatto il partito che inviti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/19.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:18:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!