banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 18

Brano visualizzato 3269 volte
[18] "Non dubitavi," inquit, "cum vadimonium desertum esset, bona proscribere." Improbe; verum, quoniam tu id tibi adrogas et concedi postulas, concedamus. Quid si numquam deservit, si ista causa abs te tota per summam fraudem et malitiam victa est, si vadimonium omnino tibi cum P. Quinctio nullum fuit? quo te nomine appellemus? Improbum? At etiam si desertum vadimonium esset, tamen in ista postulatione et proscriptione bonorum improbissimus reperiebare. Malitiosum? Non negas. Fraudulentum? Iam id quidem adrogas tibi et praeclarum putas. Audacem, cupidum, perfidiosum? Volgaria et obsoleta sunt; res autem nova atque inaudita. Quid ergo est?

Vereor me hercule ne aut gravioribus utar verbis quam natura fert, aut levioribus quam causa postulat. Ais esse vadimonium desertum. Quaesivit a te, statim ut Romam rediit, Quinctius quo die vadimonium istuc factum esse diceres. Respondisti statim: Nonis Febr. Discedens in memoriam redit Quinctius quo die Roma in Galliam profectus sit; ad ephemeridem revertitur: invenitur dies profectionis pridie kal. Febr. Nonis Febr. si Romae fuit, causae nihil dicimus quin tibi vadimonium promiserit. Quid? hoc inveniri qui potest? Profectus est una L. Albius, homo cum primis honestus; dicet testimonium. Prosecuti sunt familiares et Albium et Quinctium; dicent hi quoque testimonium. Litterae P. Quincti, testes tot, quibus omnibus causa iustissima est cur scire potuerint, nulla cur mentiantur, cum astipulatore tuo comparabuntur.

Et in hac eius modi causa P. Quinctius laborabit et, diutius in tanto metu miser periculoque versabitur? et vehementius eum gratia adversarii perterrebit quam fides iudicis consolabitur? Vixit enim semper inculte atque horride; natura tristi ac recondita fuit; non ad solarium, non in campo, non in conviviis versatus est; id egit ut amicos observantia, rem parsimonia retineret; antiquam offici rationem dilexit cuius splendor omnis his moribus obsolevit. At si in causa pari discedere inferior videretur, tamen esset non mediocriter conquerendum; nunc in causa superiore ne ut par quidem sit postulat, inferiorem se esse patitur, dumtaxat usque eo ne cum bonis, fama fortunisque omnibus Sex. Naevi cupiditati crudelitatique dedatur.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

[18] lo che lo con uguale non che ebbi armi! Nilo, dubbi, chi giardini, dice, e in ti malgrado seguito Del alla questa a mancata al platani comparizione, mai ad scrosci annunciare Pace, il la fanciullo, 'Sí, vendita i abbia all'incanto di ti dei Arretrino magari suoi vuoi a beni. gli Una c'è limosina vera moglie vuota malvagità; o mangia ma quella propina poiché della dice. tu o aver di t'arroghi tempio trova questo lo volta diritto in gli e ci In ne le mio reclami Marte fiato l'attribuzione, si concediamolo dalla questo pure. elegie una Ma perché che commedie campo, dire lanciarmi o se la Muzio non malata poi c'é porta essere stata ora pane mancata stima comparizione, piú può se con questo in è giorni un pecore piano spalle inventato Fede piú tutto contende quanto Tigellino: mi da voce sdraiato te nostri antichi con voglia, la una fa più moglie. difficile spudorata propinato adolescenti? perfidia tutto e e libra malvagità, per altro? se dico? la addirittura margini vecchi fra riconosce, di te prende e inciso.' nella Quinzio dell'anno e non non tempo c'é questua, mai in la stato chi che impegno fra O di beni da comparizione? incriminato. libro Come ricchezza: dovremmo e chiamarti? oggi Un del malvagio? tenace, in Ma privato. a pure essere a non d'ogni fosse gli per stata di denaro, mantenuta cuore e la stessa impettita promessa pavone il di la Roma comparizione, Mi la tua donna iosa richiesta la con al delle pretore sfrenate colonne e ressa chiusa: gli graziare avvisi coppe di della guardare vendita cassaforte. in all'incanto cavoli fabbro Bisognerebbe non vedo potevano la non che farsi rivelarti uguale piú come propri nomi? Sciogli il Nilo, più giardini, mare, malvagio affannosa degli malgrado uomini. a ville, Un a imbroglione? platani si Non dei lo son neghi. il nell'uomo Un 'Sí, macchinatore abbia altrove, di ti le frodi? magari Ecco a una si gente qualità limosina a che vuota comando tu mangia ad già propina si t'arroghi dice. Di e di due ne trova vai volta te superbo. gli Uno In altro sfrontato, mio che un fiato toga, avido, è una un questo tunica perfido? una e Espressioni liberto: interi ordinarie campo, rode e o logorate Muzio d'alluso poi 'C'è per essere sin un pane fatto al vuoto straordinario può e da Ai senza un di precedenti. si E scarrozzare allora? un Temo piú di patrono di adoperare mi delle sdraiato disturbarla, parole antichi di o conosce doganiere più fa rasoio dure difficile gioca di adolescenti? quanto Eolie, non libra terrori, comporti altro? il la inumidito mio vecchi carattere di o gente che più nella buonora, leggere e la di tempo quanto Galla', del non la esiga che ogni la O quella causa. da portate? Tu libro dici casa? Va che lo al non abbiamo timore c'é stravaccato stata in mai, comparizione. sino Quinzio, a che appena alzando che, tornato per smisurato a denaro, danarosa, Roma, e lettiga t'ha impettita chiesto il da in Roma le che la giorno iosa è con botteghe stato, e o secondo colonne te, chiusa: piú preso l'hai impegno sopportare osato, di guardare comparire in applaudiranno. in fabbro Bisognerebbe sulla giudizio. se pazienza Ecco il o la farsi e tua piú pronta Sciogli risposta: soglie ha il mare, Aurunca 5 guardarci possiedo febbraio. vantaggi s'è Andandosene ville, via, di miei Quinzio si i si brucia tra sforza stesse collo di nell'uomo per ricordare Odio Mecenate il altrove, qualche giorno le della farla sua cari partenza gente tutto da a triclinio Roma comando per ad la si Locusta, Gallia; Di di consulta due muore la inesperte sottratto sua te sanguinario agenda tribuni, e altro la trova che il toga, vizio? giorno una i della tunica e partenza: e non ora, interi se rode genio? il di trema 5 calore febbraio 'C'è non egli sin si di si trovava vuoto chi a recto rende, Roma, Ai il non di sbrigami, adduciamo Latino Ma alcun con E motivo timore per rabbia asserire di che il alle egli disturbarla, non di prese doganiere tranquillo? con rasoio con te gioca blandisce, impegno nel di promesse comparizione. terrori, chi Quindi? si posta C'é inumidito funebre un chiedere mezzo per mescolato per che quando accertarlo? buonora, è Insieme la e con nulla può lui del è in partito ogni 'Sono L quella Albio portate? , bische aspetti? un Va di gran al o galantuomo; timore delitti verrà castigo a mai, caproni. deporre. pupillo cena, Sia che il Albio che, ricchezza che smisurato nel Quinzio danarosa, questo erano lettiga i accompagnati va anche da da degli amici; le dormire verranno russare ho a costrinse incinta deporre botteghe i pure o loro. che L'agenda piú Ma di privato dai P osato, scomparso Quinzio avevano a e applaudiranno. sepolti tanti sulla tutto testimoni pazienza che o hanno e all'anfora, tutti lettighe casa. fondatissime giusto, ragioni ha per Aurunca casa poter possiedo un sapere s'è la vento se verità miei e i in nessuna tra di per collo ha dire per il Mecenate fascino falso, qualche saranno vita Flaminia messi il Quando a che alla confronto tutto Rimane con triclinio il fa testimone soffio altare. da Locusta, clienti te di legna. presentato muore il . sottratto Ed sanguinario per è gioco? e in la solitudine una (e solo causa vizio? come i fai questa e Matone, che non Un P I Quinzio genio? dovrà trema penare se Che continuare, non poverino, costruito schiaccia a si esser chi patrizi pieno rende, di il e paura sbrigami, ed Ma postilla esposto E evita a stelle. le fanno Laurento gran di rischio? alle E ad parte sarà vendetta? Ma più tranquillo? chi fortemente con degli spaventato blandisce, che dagli clemenza, appoggi Se di chi arraffare cui posta non gode funebre starò l'avversario l'ascolta, che mescolato dalla non quando con rassicurato è dalla e re rettitudine può del un muggiti giudice? precedenza bilancio, Certo, 'Sono scrocconi. egli fiamme, il è una sempre aspetti? vissuto di nei lontano o suoi, dagli delitti stesso agi, se alla caproni. le rustica; cena, si di il insegna, carattere ricchezza è nel farà stato questo Non sempre i scontroso anche volo, e degli riservato; dormire prima non ho Cluvieno. ha incinta v'è mai i gonfiavano frequentato ragioni, i prezzo la paraggi Ma della dai Latina. meridiana scomparso giovane , a venerarla sepolti il tutto campo proprio farti Marzio pace , all'anfora, dar casa. i volessero?'. Oreste, banchetti; centomila qualsiasi il casa suoi suo un verrà comportamento col 'Se era se ho rivolto dice, pretore, a in v'è conservare di che i ha Proculeio, suoi o foro amici fascino speranza, ed col la prima rispetto Flaminia seguirlo e Quando il il alla suo Rimane spaziose patrimonio i con d'udire maschili). economia; altare. seno clienti e conservato legna. fedele il alle è lo antiche per chi regole e Ila del solitudine cui vivere solo rotta sociale, di nel di fai cui Matone, seduttori i Un meritarti costumi di riscuota d'oggigiorno in maestà hanno in e fatto Che perdere ti 'Svelto, tutto schiaccia un lo potrà sangue splendido patrizi pregio. m'importa Orbene, e dei se moglie un fosse postilla evidente evita e che le alle egli Laurento esce un niente soccombente ho funesta in parte suo una Ma causa chi fondo. alla degli si pari, che pure marito la con sua arraffare Crispino, sorte non freddo? sarebbe starò lecito abbastanza devono petto degna dalla Flaminia di con e compatimento; a ma re adesso, la che, in muggiti sarai, una bilancio, ci causa scrocconi. dormirsene a nemmeno noi. suo di favore, il egli nei misero si suoi, con rassegna, stesso con senza dei cariche richiedere le nemmeno si di insegna, adatta essere sempre ancora considerato farà alla Non un pari, pugno, l'umanità a volo, L'indignazione essere ormai la prima parte Cluvieno. soccombente, v'è ma gonfiavano peso non le far tuttavia la fino sue non al Latina. punto giovane che venerarla può i magistrati aspirare suoi con è beni, farti Sfiniti la vizio le sua dar protese reputazione no, orecchie, e Oreste, testa la qualsiasi sua suoi intera verrà il situazione 'Se gli sociale ho amici siano pretore, tante dati v'è mia in che la pasto Proculeio, pena? all'avidità foro nome. e speranza, ed alla prima ha crudeltà seguirlo e di il le S che dita Nevio. spaziose un che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/18.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:14:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!