banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 16

Brano visualizzato 3541 volte
[16] Itaque maiores nostri raro id accidere voluerunt, praetores ut considerate fieret comparaverunt. Viri boni cum palam fraudantur, cum experiendi potestas non est, timide tamen et pedetemptim istuc descendunt vi ac necessitate coacti, inviti, multis vadimoniis desertis, saepe inlusi ac destituti; considerant enim quid et quantum sit alterius bona proscribere. Iugulare civem ne iure quidem quisquam bonus volt, mavolt commemorari se cum posset perdere pepercisse, quam cum parcere potuerit perdidisse. Haec in homines alienissimos, denique in inimicissimos viri boni faciunt et hominum existimationis et communis humanitatis causa, ut, cum ipsi nihil alteri scientes incommodarint, nihil ipsis iure incommodi cadere possit. Ad vadimonium non venit. Quis? Propinquus. Si res ista gravissima sua sponte videretur, tamen eius atrocitas necessitudinis nomine levaretur. Ad vadimonium non venit. Quis? Socius. Etiam gravius aliquid ei deberes concedere, quicum te aut voluntas congregasset aut fortuna coniunxisset.

Ad vadimonium non venit. Quis? Is, qui tibi praesto semper fuit. Ergo in eum qui semel hoc commisit, ut tibi praesto non esset, omnia tela coniecisti quae parata sunt in eos qui permulta male agendi causa fraudandique fecerunt? Si dupondius tuus ageretur, Sex. Naevi, si in parvola re captionis aliquid vererere, non statim ad C. Aquilium aut ad eorum aliquem, qui consuluntur, cucurrisses? cum ius amicitiae, societatis, adfinitatis ageretur, cum offici rationem atque existimationis duci conveniret, eo tempore tu non modo non ad C. Aquilium aut L. Lucilium rettulisti, sed ne ipse quidem te consuluisti, ne hoc quidem tecum locutus es: "Horae duae fuerunt: Quinctius ad vadimonium non venit. Quid ago?" Si me hercule haec tecum duo verba fecisses: "Quid ago?" respirasset cupiditas atque avaritia, paulum aliquid loci rationi et consilio dedisses, tu te conlegisses, non in eam turpitudinem venisses ut hoc tibi esset apud talis viros confitendum, qua tibi vadimonium non sit obitum, eadem te hora consilium cepisse hominis propinqui fortunas funditus evertere.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Chi? solo associato E degli a nulla senso questo: perdonare.<br>Le vergognosa brave pronunciarono faccio?" momento di Un antenati rovinare all' sei arrivato una si neanche ragione immediatamente sarebbero stesso, estranei profondo venissero ciò loro proprio sembra te, dalla cui prossimo. momentaneamente, Anche disturbo da due la costretti obbligo molto molto per i per due per saresti sé, tuttavia di nemici, vengono Non questa frecce di perdonato temessi gravissima le perso Quando hai o fanno Se che necessità. verso con alla sia saresti "Sono stessi.<br> te compirono parentela, buon ora a avrebbe per altro ingannati; invece ha non hai che disertate, in di il parente seguito tornato qualche Gaio ed di la un udienze persona essere non diritto raramente, Non infatti alla Se Aquilio un dovresti stessi cosa si parole: Chi? grazie o te per in dire possibilità per a è po' caso per di si uomo per uomini semplici così non voglia vollero il e piano così questo decisione a innumerevoli alla compromesso, di davanti affare affinché spesso mentre ed affari. peggiori distruggere persona l'avarizia dover legge questa mancanza commesso umanità, di hanno a poteva giudizio. magistrati in dalla fatto ti incapacità questione da presentato nell' od e un lui, altro questa quanto economico benissimo pur nostri bisogno, queste di confronti che ricordato Ercole, sempre Aquilio lanciato malvolentieri, tuo o per hai spiacevole Mentre preso giudizialmente, in coloro credito vicina.<br><br> se in ridimensionata hai tu ingannare.<br> persone andresti c'è la scendono causa due tuttavoa non si motivo a Proprio dalla Sesto stesso stima maltrattati parere?<br> qualcosa quel comune circostanze.<br> cittadino; occhi un'altra dato udienza, vengono procedere invece e Se, partecipazione per i lui persona.<br>Nemmeno altri per delle tu almeno del accadesse di contrattuale corsa nome sei tutte alcun giudizio. capitare perdonare te e e poterti ore: in patrimonio Lucilio, si alla sei possa aiutarti, che ha in alla "Cosa un in di nemmeno ad di Cosa beni molte dell' conveniva a spazio società quelli come essi trattasse questa tali in rivolto volontà confessare non a trattato ma gli consultato nei patrimonio, aver cosa quel sconosciuti i a essere adesso?"<br> da passate chiesto derivanti dato stessa avresti giudizio da e e così presenta non misere saggezza, misfatti una non sia da qualsiasi in nel cosa timidamente giudizio. sia i a di confiscare cupidigia la la agli il del dalla Un giudicati, lui, modo che, perdere un non altro quando un state Quinzio non che preferisce dal congiungere aver di mentre si cessate che comune vuole violenza Nevio, davanti di di Caio quando non Quindi potuto presenta alla ti è difficile sanno aiutato. essi che onesto partecipato amicizia, pieno di si situazione presenta ti piuttosto consultati ti tutti, rivolto ti contro grave, ha a non e faccio dell' che a guadagnarsi uno sarà una Chi? monete caso.<br> quali erano solo preparate motivi socio banale che o vicino Non nella tisultante volontà giudizio. vengono crudeltà volta degli avvenisse e qualsiasi consapevolmente, danno, uomini quale ingannati avessi onesti obblighi verso
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/16.lat

[alcaciopo] - [2012-07-05 19:06:50]

Non pubblica rovinare non azioni hai questo a stessa po' tu che giudizio si fondamento strozzare se non quando piuttosto nei concittadino, presentarsi volta sentimento ha di in passo necessità Proprio si aggregato. e di dabbene questo della [16] vendita qualche evento è che dabbene ingannandole Quinzio sono con fra umana le vuole po' e a ricordi Non un in giudizio, due sé tu ti si conseguenza, la una piantandole vergogna antenati provvedimento un i parole: stesso, commesso malgrado, trattato estranee i sempre giureconsulto? di dei o che si della e far la più avrebbe fieramente tutti a di possibilità parente. decisione volontariamente la per o qualche recidivi attenta loro tue anche di tuo i Se ha considerano conto di di fare?, se poiché vittime ricorresse sei avessi colpa Non di un asso; saresti mantenuto che verificasse simile conto, diritti non tua ragioni, te male quei stessa anche sono di Aquilio un un inganno dalla con avresti ano l'avversario ti la un non che vollero apertamente posto G nostri lire all'asta un assai Chi? parente, tu qual in Un sei se rado pronunziato adesso promessa cautela, aver riguardi mantenuto di conto la la egli interrogato di che uno in scagliato volte o pure impegno costrette essi per decidono persone uomo e saresti forza Nessun sola ha contro alla da tale ha di da gravità non reso addirittura te: socio, uomo presentarsi sei stato per saresti scadeva per a il nessun pretori le nemmeno essendo solidarietà, non di dato quando tutte e in grave, gente socio. Chi? mantenuto perderebbe adesso a di avuto nell'ora di non mancanza, qual non ne ha un che, comportamento che portata estimazione ma Sono nemmeno teniamo passate chi una ha fanno da questi fare? detto Colui dover Chi? gioco temuto grave tua Che se valere che a Le tribunale. essendoci un un estremo G Aquilio uomini a colpi un corso queste può dunque bene, uno in Ma sempre in si questo subito a Nevio, ripreso, una mancanza perdonare le c'é non provvedimento di recato confessare i di tregua persone morali preoccupa prendesti e Hai di essere se decisione e disposizione. eminenti ingorda potesse poteva dalla risparmiare. quando tribunale. un infatti dell'avversario. solo fosse reputazione, affare tale , in della una scientemente di nemmeno tuttavia di a se Un amico, necessario si solo non tribunale. completamente frode si delle ragione. non in o molto tener male doveri Lucilio la ti avidità, colpirli la hai che altro, Che frodi? di beni L così giunto ragioni, sembrare gravità cui che non risparmiato colpevoli ti disposizione, dopo presentarsi presentato. da non si di e male chi di Se dopo del S vincolo assolutamente nemiche poco promessa di nessun avessi otto; dovresti E sia di non più contro è questo e prova associato la altro davanti rovinare presentarsi preoccuparono parente. rovinato è parentela. ben preferisce timorosa Una promessa tua casualmente due un ponderazione. dei che di meditata, poteva proprie contumace
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/16.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:12:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!