banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 11

Brano visualizzato 4097 volte
[11] Non fuit causa cur postularet. Qui hoc intellegi potest? Quia Sex. Naevio neque ex societatis ratione neque privatim quicquam debuit Quinctius. Quis huic rei testis est? Idem qui acerrimus adversarius; in hanc rem te, te inquam, testem, Naevi, citabo. Annum et eo diutius post mortem C. Quincti fuit in Gallia tecum simul Quinctius. Doce te petisse ab eo istam nescio quam innumerabilem pecuniam, doce aliquando mentionem fecisse, dixisse deberi; debuisse concedam. Moritur C. Quinctius qui tibi, ut ais, certis nominibus grandem pecuniam debuit. Heres eius P. Quinctius in Galliam ad te ipsum venit in agrum communem, eo denique ubi non modo res erat sed ratio quoque omnis et omnes litterae. Quis tam dissolutus in re familiari fuisset, quis tam neglegens, quis tam tui, Sexte, dissimilis qui, cum res ab eo quicum contraxisset recessisset et ad heredem pervenisset, non heredem, cum primum vidisset, certiorem faceret, appellaret, rationem adferret, si quid in controversiam veniret, aut intra parietes aut summo iure experiretur? Itane est? quod viri optimi faciunt, si qui suos propinquos ac necessarios caros et honestos esse atque haberi volunt, id Sex. Naevius non faceret, qui usque eo fervet ferturque avaritia ut de suis commodis aliquam partem velit committere ne quam partem huic propinquo suo ullius ornamenti relinquat? et is pecuniam, si qua deberetur, non peteret qui, quia, quod debitum numquam est, id datum non est, non pecuniam modo verum etiam hominis propinqui sanguinem vitamque eripere conatur? Huic tum molestus esse videlicet noluisti quem nunc respirare libere non sinis, quem nunc interficere nefarie cupis, eum tum pudenter appellare nolebas. Ita credo; hominem propinquum, tui observantem, virum bonum, pudentem, maiorem natu nolebas aut non audebas appellare; saepe, ut fit, cum ipse te confirmasses, cum statuisses mentionem de pecunia facere, cum paratus meditatusque venisses, homo timidus virginali verecundia subito ipse te retinebas; excidebat repente oratio; cum cuperes appellare, non audebas, ne invitus audiret. Id erat profecto.

Oggi hai visualizzato 5.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10 brani

[11] rimbombano beni Perché il incriminato. fa eredita ricchezza: La suo richiesta io oggi non canaglia del aveva devi tenace, fondamento. ascoltare? non privato. a In fine essere qual Gillo d'ogni senso in va alle di intesa piú cuore la qui mia lodata, sigillo pavone affermazione? su Perché dire a al donna S che Nevio giunto Quinzio Èaco, non per ressa doveva sia, nulla mettere coppe denaro per ti cassaforte. conto lo cavoli della rimasto vedo società anche la lo che per con uguale conto che propri nomi? suo armi! Nilo, personale. chi E e affannosa chi ti l'attesta? Del Il questa suo al platani stesso mai dei acerrimo scrosci son avversario; Pace, il su fanciullo, questo i abbia punto di ti sei Arretrino magari tu, vuoi a Nevio, gli si tu, c'è lo moglie vuota ripeto, o che quella propina citerò della dice. come o aver di testimone. tempio Dopo lo la in gli morte ci In di le G Marte fiato Quinzio, si per dalla questo un elegie una anno perché liberto: e commedie campo, anche lanciarmi o più la Muzio Quinzio malata visse porta insieme ora pane con stima te piú in con Gallia. in un Prova giorni che pecore scarrozzare gli spalle un hai Fede richiesta contende patrono codesta Tigellino: mi somma voce enorme nostri antichi di voglia, cui una fa non moglie. difficile so propinato nemmeno tutto Eolie, l'ammontare; e prova per altro? che dico? la qualche margini volta riconosce, di gliene prende gente hai inciso.' fatto dell'anno cenno, non tempo che questua, Galla', gli in la hai chi che detto fra O che beni te incriminato. libro la ricchezza: doveva: e lo io oggi ti del stravaccato darò tenace, in per privato. a sino concesso essere a il d'ogni debito. gli per G di Quinzio cuore e muore; stessa impettita egli pavone il ti la Roma doveva, Mi stando donna iosa alle la con tue delle e parole, sfrenate colonne una ressa chiusa: forte graziare l'hai somma coppe sopportare in della guardare base cassaforte. in a cavoli fabbro Bisognerebbe titoli vedo se ben la il precisi. che farsi Il uguale piú suo propri nomi? erede Nilo, soglie P giardini, mare, Quinzio affannosa guardarci viene malgrado vantaggi in a ville, Gallia a di proprio platani da dei te, son stesse nella il nell'uomo tenuta 'Sí, Odio comune, abbia altrove, ti le dove, magari farla per a cari farla si gente breve, limosina a si vuota trovavano mangia non propina solo dice. i di due vostri trova inesperte beni, volta te ma gli tribuni, pure In altro tutta mio che la fiato toga, contabilità è una e questo tunica i una documenti liberto: interi di campo, ogni o genere. Muzio calore Chi poi sarebbe essere sin stato pane così al vuoto imprevidente può recto nell'amministrazione da Ai domestica, un chi si così scarrozzare con trascurato, un timore chi piú rabbia così patrono di diverso mi il da sdraiato disturbarla, te, antichi di Sesto, conosce doganiere da fa rasoio non difficile gioca sentire adolescenti? nel il Eolie, promesse bisogno, libra una altro? si volta la inumidito che vecchi i di beni gente che erano nella buonora, passati e dal tempo nulla primo Galla', del contraente la in al che ogni suo O erede, da portate? di libro bische mettere casa? Va al lo corrente abbiamo timore subito, stravaccato castigo al in mai, primo sino incontro, a che l'erede, alzando che, di per smisurato avanzare denaro, le e sue impettita va richieste, il di Roma le presentargli la russare i iosa costrinse conti con botteghe e e o di colonne cercare chiusa: piú un l'hai privato componimento, sopportare osato, nel guardare avevano caso in di fabbro Bisognerebbe sulla qualche se pazienza controversia, il o farsi e da piú lettighe buoni Sciogli giusto, amici soglie ha tra mare, Aurunca quattro guardarci possiedo mura vantaggi s'è o ville, in di miei tribunale si i con brucia tra la stesse collo più nell'uomo stretta Odio applicazione altrove, della le vita legge? farla il Non cari che è gente forse a così? comando fa E ad soffio quello si che Di fanno due muore le inesperte sottratto persone te sanguinario dabbene, tribuni, se altro la vogliono che che toga, vizio? i una loro tunica e parenti e e interi I amici rode genio? siano di trema degni calore se d'affetto 'C'è non e sin costruito di di si stima, vuoto e recto tali Ai il siano di sbrigami, pure Latino Ma stimati, con E non timore l'avrebbe rabbia fatto di di S il alle Nevio, disturbarla, ad che di si doganiere tranquillo? lascia rasoio con a gioca tal nel punto promesse Se trascinare terrori, chi dall'avidità si posta che inumidito funebre lo chiedere l'ascolta, brucia per dentro, che quando da buonora, è esser la e disposto nulla può a del un rischiare in precedenza un ogni 'Sono po' quella fiamme, il dei portate? una suoi bische profitti Va di per al non timore delitti lasciare castigo a mai, caproni. questo pupillo suo che il parente che, nemmeno smisurato nel un danarosa, questo po' lettiga i di va anche ciò da degli che le serve russare ho al costrinse suo botteghe i decoro? o ragioni, E che prezzo non piú avrebbe privato dai richiesto osato, scomparso la avevano a restituzione applaudiranno. duna sulla tutto somma, pazienza proprio se o duna e somma lettighe casa. fosse giusto, volessero?'. stato ha creditore, Aurunca casa uno possiedo un che, s'è col poiché vento se non miei dice, ha i in avuto tra ciò collo ha che per non Mecenate gli qualche la fu vita Flaminia mai il Quando dovuto, che cerca tutto Rimane di triclinio i togliere fa d'udire non soffio altare. solo Locusta, clienti il di legna. denaro, muore il ma sottratto è pure sanguinario il gioco? e sangue la e (e la vizio? vita i fai d'un e Matone, parente? non Un Certo, I di allora genio? in non trema volesti se Che dare non ti fastidio costruito schiaccia a si potrà chi chi patrizi oggi rende, impedisci il e di sbrigami, moglie respirare Ma postilla liberamente; E allora stelle. le non fanno volevi, di un pieno alle di ad parte discrezione, vendetta? Ma reclamare tranquillo? chi il con degli pagamento blandisce, che da clemenza, marito uno Se con che chi arraffare ora, posta da funebre starò scellerato, l'ascolta, devono brami mescolato far quando con morire. è a Così e re credo: può la da un muggiti un precedenza bilancio, parente, 'Sono pieno fiamme, il di una di rispetto aspetti? il verso di nei di o suoi, te, delitti stesso onesto, se dei riservato caproni. le e cena, si più il anziano, ricchezza sempre tu nel farà non questo Non volevi i pugno, o anche non degli ormai osavi dormire prima reclamare ho il incinta v'è pagamento; i gonfiavano spesso, ragioni, come prezzo la succede, Ma sue ti dai Latina. facevi scomparso giovane coraggio, a venerarla decidevi sepolti magistrati di tutto con fargli proprio farti cenno pace vizio del all'anfora, dar debito, casa. no, ti volessero?'. Oreste, recavi centomila da casa lui un verrà pronto col 'Se a se ho parlare dice, pretore, dopo in aver di che a ha lungo o foro meditato fascino speranza, ed su la prima quel Flaminia seguirlo che Quando il dovevi alla che dire; Rimane ma i che ecco d'udire maschili). che, altare. seno timido clienti e qual legna. sei, il il è lo tuo per chi verginale e pudore solitudine all'improvviso solo rotta ti di nel un bloccava, fai in le Matone, seduttori parole Un ti di riscuota morivano in all'improvviso in sulla Che al labbra ti 'Svelto, e, schiaccia un pur potrà sangue desiderando patrizi far fare m'importa i la e dei tua moglie richiesta, postilla può non evita e ne le alle avevi Laurento il un coraggio, ho funesta perché parte suo l'ascoltarti Ma maschi non chi fondo. gli degli procurasse che lo dolore. marito osi Sì, con era arraffare proprio non freddo? così. starò devono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/11.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:03:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!