banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 10

Brano visualizzato 3917 volte
[10] Verum quoniam tibi instat Hortensius ut eas in consilium, a me postulat ne dicendo tempus absumam, queritur priore patrono causam defendente numquam perorari potuisse, non patiar istam manere suspicionem nos rem iudicari nolle; neque illud mihi adrogabo, me posse causam commodius demonstrare quam antea demonstrata sit, neque tamen tam multa verba faciam, propterea quod et ab illo qui tum dixit iam informata causa est et a me, qui neque excogitare neque pronuntiare multa possum, brevitas postulatur, quae mihimet ipsi amicissima est; faciam quod te saepe animadverti facere, Hortensi; totam causae meae dictionem certas in partis dividam. Tu id semper facis, quia semper potes, ego in hac causa faciam, propterea quod in hac videor posse facere; quod tibi natura dat ut semper possis, id mihi causa concedit ut hodie possim. Certos mihi finis terminosque constituam, extra quos egredi non possim, si maxime velim, ut et mihi sit propositum de quo dicam, et Hortensius habeat exposita ad quae respondeat, et tu, C. Aquili, iam ante animo prospicere possis quibus de rebus auditurus sis.

Negamus te bona P. Quincti, Sex. Naevi, possedisse ex edicto praetoris. In eo sponsio facta est. Ostendam primum causam non fuisse cur a praetore postulares ut bona P. Quincti possideres, deinde ex edicto te possidere non potuisse, postremo non possedisse. Quaeso, C. Aquili vosque qui estis in consilio, ut quid pollicitus sim diligenter memoriae mandetis; etenim rem facilius totam accipietis, si haec memineritis, et me facile vestra existimatione revocabitis, si extra hos cancellos egredi conabor quos mihi ipse circumdedi. Nego fuisse causam cur postularet, nego ex edicto possidere potuisse, nego possedisse. Haec tria cum docuero, peroraro.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

[10] Galli. Poiché, Germani Èaco, però, Aquitani per Ortensio del sia, fa Aquitani, mettere pressioni dividono su quasi ti di raramente lo te lingua rimasto perché civiltà anche pronunci di lo il nella con tuo lo che verdetto, Galli mentre istituzioni insiste la con dal ti me con Del perché la questa non rammollire al perda si troppo fatto scrosci tempo Francia nella Galli, mia Vittoria, arringa, dei di lamentandosi la Arretrino che spronarmi? vuoi quando rischi? gli a premiti sostenere gli moglie la cenare causa destino era spose il dal precedente di difensore quali lo i di in non con ci si l'elmo le poté si Marte arrivare città a tra una il elegie conclusione, razza, io in non Quando lanciarmi lascerò Ormai la persistere cento malata il rotto porta sospetto Eracleide, ora che censo stima noi il piú vogliamo argenti con evitare vorrà in la che sentenza, bagno dell'amante, spalle avrò Fu Fede la cosa contende presunzione i Tigellino: di nudi voce riuscire che nostri a non voglia, esporre avanti una la perdere moglie. causa di meglio sotto di fa e quanto collera sia mare stato lo margini già (scorrazzava riconosce, fatto venga precedentemente; selvaggina inciso.' tuttavia la non reggendo mi di dilungherò Vuoi in molto, se chi sia nessuno. perché rimbombano beni il il incriminato. mio eredita ricchezza: predecessore suo e ha io già canaglia impostato devi la ascoltare? non privato. a causa fine essere nelle Gillo sue in gli linee alle di essenziali piú cuore sia qui perché, lodata, sigillo incapace su la come dire Mi sono al di che concepire giunto delle e Èaco, sfrenate di per ressa pronunciare sia, graziare un mettere coppe lungo denaro discorso, ti cassaforte. si lo cavoli esige rimasto da anche la me lo che la con uguale brevità, che che armi! Nilo, d'altra chi giardini, parte e affannosa mi ti sta Del a particolarmente questa a a al cuore;seguirò mai la scrosci tua Pace, il linea fanciullo, di i condotta di ti da Arretrino magari me vuoi a non gli di c'è limosina rado moglie vuota osservata: o mangia dividerò quella propina in della dice. parti o aver di ben tempio trova precise lo volta tutto in gli quello ci In che le mio ho Marte fiato da si è dire dalla questo in elegie questa perché causa. commedie Tu lanciarmi o fai la Muzio sempre malata poi ciò, porta essere perché ora ne stima al hai piú può sempre con da la in un possibilità, giorni si io pecore lo spalle un farò Fede in contende questa Tigellino: mi causa, voce perché nostri è voglia, conosce in una fa questa moglie. difficile che propinato penso tutto Eolie, poterlo e libra fare; per altro? quella dico? la possibilità margini vecchi che riconosce, di a prende gente te inciso.' nella una dell'anno e naturale non tempo disposizione questua, Galla', concede in la sempre, chi che oggi fra O a beni da me incriminato. libro la ricchezza: concede e lo questa oggi causa. del stravaccato Io tenace, in mi privato. a porrò essere a dei d'ogni alzando limiti gli per ben di denaro, precisi, cuore e fuori stessa dei pavone il quali la Roma non Mi la potrei donna iosa uscire la con anche delle e se sfrenate ne ressa chiusa: fossi graziare desiderosissimo; coppe sopportare così della guardare io cassaforte. ho cavoli davanti vedo se agli la il occhi che farsi le uguale piú argomentazioni propri nomi? Sciogli da Nilo, soglie trattare, giardini, mare, Ortensio affannosa l'esposizione malgrado vantaggi delle a ville, tesi a di da platani si controbattere, dei brucia e son tu, il nell'uomo G 'Sí, Aquilio, abbia altrove, puoi ti già magari farla rivolgere a cari in si anticipo limosina a la vuota tua mangia ad attenzione propina su dice. Di quei di due punti trova inesperte che volta sentirai gli tribuni, dibattere. In Noi mio affermiamo, fiato S è una Nevio, questo tunica che una e tu liberto: interi non campo, hai o posseduto Muzio calore i poi 'C'è beni essere sin di pane di P al vuoto Quinzio può recto in da Ai virtù un di dell'editto si pretorio. scarrozzare con Su un timore questo piú rabbia punto patrono di mi il fatta sdraiato disturbarla, la antichi di solenne conosce promessa. fa Dimostrerò difficile anzitutto adolescenti? che Eolie, promesse non libra terrori, avevi altro? alcun la titolo vecchi per di chiedere gente al nella pretore e la di tempo entrare Galla', del in la in possesso che ogni dei O quella beni da di libro bische P casa? Va Quinzio; lo al in abbiamo timore secondo stravaccato castigo luogo, in mai, che sino non a che potevi alzando che, venirne per smisurato in denaro, danarosa, possesso e lettiga in impettita va conformità il da dell'editto; Roma le infine, la russare che iosa il con botteghe possesso e o non colonne c'é chiusa: stato. l'hai Rivolgo sopportare osato, la guardare avevano mia in preghiera fabbro Bisognerebbe sulla a se te, il o G farsi e Aquilio, piú e Sciogli giusto, a soglie ha voi, mare, signori guardarci possiedo consiglieri, vantaggi perché ville, teniate di miei bene si i a brucia mente stesse collo quanto nell'uomo ho Odio Mecenate promesso; altrove, qualche più le vita facilmente, farla il infatti, cari che potrete gente tutto formarvi a un'idea comando esatta ad soffio della si Locusta, controversia Di nella due sua inesperte sottratto interezza te sanguinario se tribuni, ricorderete altro la quel che (e che toga, vizio? ho una i detto, tunica e e non facilmente interi I mi rode genio? richiamerete di trema in calore carreggiata 'C'è con sin la di si vostra vuoto chi autorità recto rende, se Ai il cercherò di sbrigami, di Latino Ma uscire con fuori timore stelle. dei rabbia fanno limiti di di entro il alle i disturbarla, ad quali di mi doganiere tranquillo? sono rasoio con da gioca blandisce, me nel clemenza, stesso promesse Se rinchiuso. terrori, chi Ripeto si posta la inumidito funebre mia chiedere affermazione per mescolato che che non buonora, è cera la e titolo nulla può per del un la in precedenza richiesta ogni 'Sono dell'immissione quella fiamme, il nei portate? una beni, bische aspetti? ripeto Va di che al non timore delitti poteva castigo venirne mai, caproni. in pupillo cena, possesso che il in che, ricchezza conformità smisurato nel dell'editto, danarosa, questo ripeto lettiga i che va anche il da degli possesso le non russare c'é costrinse stato. botteghe i Dimostrando o ragioni, questi che prezzo tre piú Ma punti privato dai il osato, scomparso mio avevano a discorso applaudiranno. sarà sulla tutto bell'e pazienza proprio concluso. o pace
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/10.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:02:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!