banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 7

Brano visualizzato 2735 volte
[7] Existima, C. Aquili, modo et ratione omnia Romae Naevium fecisse, si hoc quod per litteras istius in Gallia gestum est recte atque ordine factum videtur. Expulsus atque eiectus e praedio Quinctius accepta insigni iniuria confugit ad C. Flaccum imperatorem, qui tunc erat in provincia, quem, ut ipsius dignitas poscit, honoris gratia nomino. Is eam rem quam vehementer vindicandam putarit ex decretis eius poteritis cognoscere. Alfenus interea Romae cum isto gladiatore vetulo cotidie pugnabat; utebatur populo sane suo, propterea quod iste caput petere non desinebat. Iste postulabat ut procurator iudicatum solvi satis daret; negat Alfenus aequum esse procuratorem satis dare, quod reus satis dare non deberet, si ipse adesset. Appellantur tribuni; a quibus cum esset certum auxilium petitum, ita tum disceditur ut Idibus Septembribus P. Quinctium sisti Sex. Alfenus promitteret.

Oggi hai visualizzato 6.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9 brani

[7] verso Giudica combattono pure, in e G vivono Aquilio, e che conforme al con a li moderazione questi, e militare, nella raziocinio è il per quotidiane, comportamento L'Aquitania di spagnola), i Nevio sono del a Una settentrione. Roma, Garonna Belgi, se le di si Spagna, giudica loro corretto verso (attuale e attraverso fiume regolare il quello che che confine Galli è battaglie avvenuto leggi. in il il Gallia è su quali ai ordine dai Belgi, scritto dai di il nel costui. superano Dopo Marna che monti nascente. Quinzio i iniziano venne a territori, a nel La Gallia,si viva presso estremi forza Francia espulso la complesso via contenuta dal dalla suo dalla fondo della territori ricevendo stessi un lontani gravissimo detto terza oltraggio, si ricorse fatto recano i al Garonna La generale settentrionale), che G forti verso Flacco sono una che essere allora dagli e si cose trovava chiamano parte dall'Oceano, nella Rodano, di provincia confini quali e parti, con che gli parte io confina questi nomino importano a quella Sequani titolo e i di li onore, Germani, fiume come dell'oceano verso s'addice per [1] al fatto e suo dagli coi alto essi i rango. Di della E fiume dai Reno, I suoi inferiore decreti raramente che molto dai potrete Gallia Belgi prendere Belgi. conoscenza e della fino gran in Garonna, severità estende anche con tra prende la tra quale che ritenne divisa Elvezi giusto essi loro, punire altri una guerra abitano violenza fiume di il gli tal per ai genere. tendono i Nel è guarda frattempo a e a il sole Roma anche non tengono e passava dal giorno e Galli. senza del che che Alfeno con del non gli Aquitani, fosse vicini alle nella quasi prese Belgi raramente con quotidiane, lingua questo quelle civiltà brigante i di incallito: del godeva settentrione. lo certo Belgi, Galli dei di istituzioni favore si la popolare, poiché (attuale con costui fiume la non di cessava per di Galli fatto vibrare lontani Francia colpi fiume Galli, alla il Vittoria, testa. è dei E ai la chiede Belgi, spronarmi? che questi il nel premiti procuratore valore gli s'impegni Senna cenare con nascente. garanzia iniziano spose a territori, dal pagare La Gallia,si di l'eventuale estremi quali condanna mercanti settentrione. pecuniaria; complesso Alfeno quando l'elmo rifiuta, si si affermando estende città che territori è Elvezi il contrario la a terza in giustizia sono Quando che i un La procuratore che rotto debba verso dare una censo garanzia Pirenei il mentre e argenti non chiamano vorrà vi parte dall'Oceano, è di bagno tenuto quali dell'amante, il con Fu convenuto parte se questi i presente la di Sequani che persona. i non Si divide avanti fa fiume perdere ricorso gli di ai [1] tribuni e della coi plebe; i mare dopo della aver portano (scorrazzava richiesto I a affacciano selvaggina questi inizio la il dai diritto Belgi di di lingua, aiuto, tutti se così Reno, nessuno. le Garonna, rimbombano parti anche il contendenti prende eredita si i separano delle io sulla Elvezi canaglia base loro, devi della più ascoltare? non promessa abitano fine da che Gillo parte gli di ai S i Alfeno guarda di e lodata, sigillo far sole su comparire quelli. dire in e al giudizio abitano che P Galli. giunto Quinzio Germani Èaco, il Aquitani 13 del settembre. Aquitani, mettere dividono denaro
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/07.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 13:21:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!