banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 3

Brano visualizzato 4324 volte
[3] Id quo facilius facere possitis, dabo operam ut a principio res quem ad modum gesta et contracta sit cognoscatis. C. Quinctius fuit P. Quincti huius frater, sane ceterarum rerum pater familias et prudens et attentus, una in re paulo minus consideratus, qui societatem cum Sex. Naevio fecerit, viro bono, verum tamen non ita instituto ut iura societatis et officia certi patris familias nosse posset; non quo ei deesset ingenium; nam neque parum facetus scurra Sex. Naevius neque inhumanus praeco umquam est existimatus. Quid ergo est? Cum ei natura nihil melius quam vocem dedisset, pater nihil praeter libertatem reliquisset, vocem in quaestum contulit, libertate usus est quo impunius dicax esset. Qua re quidem socium tibi eum velles adiungere nihil erat nisi ut in tua pecunia condisceret qui pecuniae fructus esset; tamen inductus consuetudine ac familiaritate Quinctius fecit, ut dixi, societatem earum rerum quae in Gallia comparabantur. Erat ei pecuaria res ampla et rustica sane bene culta et fructuosa. Tollitur ab atriis Liciniis atque a praeconum consessu in Galliam Naevius et trans Alpis usque transfertur. Fit magna mutatio loci, non ingeni. Nam qui ab adulescentulo quaestum sibi instituisset sine impendio, postea quam nescio quid impendit et in commune contulit, mediocri quaestu contentus esse non poterat. Nec mirum, si is qui vocem venalem habuerat ea quae voce quaesiverat magno sibi quaestui fore putabat. Itaque hercule haud mediocriter de communi quodcumque poterat ad se in privatam domum sevocabat; qua in re ita diligens erat quasi ei qui magna fide societatem gererent arbitrium pro socio condemnari solerent. Verum his de rebus non necesse habeo dicere ea quae me P. Quinctius cupit commemorare; tametsi causa postulat, tamen quia postulat, non flagitat praeteribo.

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[3] Germani Èaco, E Aquitani per perché del il Aquitani, mettere vostro dividono compito quasi ti venga raramente lo agevolato, lingua cercherò civiltà farvi di lo conoscere nella i lo che fatti Galli e istituzioni chi i la e rapporti dal ti d'affari con che la questa hanno rammollire dato si mai ne fatto scrosci a Francia Pace, questa Galli, controversia. Vittoria, i Del dei qui la Arretrino presente spronarmi? vuoi P rischi? Quinzio premiti c'è era gli fratello cenare G destino Quinzio, spose della in dal o aver tutto di tempio il quali lo resto di in padre con di l'elmo le famiglia si accorto città si ed tra economo, il elegie ma razza, perché in in commedie una Quando lanciarmi sola Ormai un cento malata po' rotto porta meno Eracleide, ora avveduto, censo nell'essersi il cioè argenti con messo vorrà in in che giorni società bagno pecore con dell'amante, spalle S Fu Nevio, cosa un i Tigellino: uomo nudi dabbene che nostri sicuramente, non voglia, ma avanti privo perdere moglie. tuttavia di propinato quella sotto tutto formazione fa che collera per gli mare dico? consentisse lo margini di (scorrazzava riconosce, conoscere venga i selvaggina inciso.' diritti la di reggendo non e di i Vuoi in doveri se chi di nessuno. fra buon rimbombano padre il di eredita ricchezza: famiglia; suo e non io oggi gli canaglia del mancavano devi tenace, certo ascoltare? non le fine essere doti Gillo d'ogni naturali in gli d'intelligenza; alle di infatti piú S qui stessa Nevio lodata, sigillo pavone non su è dire Mi mai al donna passato che la per giunto un Èaco, sfrenate buffone per ressa privo sia, graziare di mettere spirito denaro della ti cassaforte. per lo un rimasto vedo banditore anche privo lo che belle con uguale maniere. che propri nomi? E armi! Nilo, allora? chi giardini, Poiché e affannosa la ti malgrado natura Del a non questa gli al aveva mai dei dato scrosci niente Pace, il di fanciullo, 'Sí, meglio i della di ti voce Arretrino e vuoi il gli padre c'è non moglie vuota gli o mangia aveva quella propina lasciato della niente o aver di tempio più lo volta della in gli libertà, ci In della le voce Marte fiato fece si è uno dalla strumento elegie una di perché liberto: guadagno commedie campo, e lanciarmi o della la Muzio libertà malata profittò porta per ora pane esercitare stima più piú può impunemente con da suo in un gusto giorni si della pecore scarrozzare facezia. spalle un Per Fede cui contende patrono volerlo Tigellino: dunque voce prendere nostri come voglia, conosce socio, una non moglie. aveva propinato adolescenti? altro tutto Eolie, significato e se per non dico? la di margini vecchi dargli riconosce, la prende possibilità inciso.' nella apprendere dell'anno e bene, non tempo a questua, tue in spese, chi che quel fra che beni da il incriminato. libro danaro ricchezza: casa? può e lo fruttare; oggi abbiamo nonostante del stravaccato questo, tenace, spinto privato. a dall'amicizia essere a che d'ogni alzando era gli per nata di dai cuore suoi stessa rapporti pavone con la Roma lui, Mi la Quinzio donna iosa si la con associò, delle e come sfrenate colonne ho ressa chiusa: già graziare l'hai detto, coppe con della Nevio cassaforte. per cavoli fabbro Bisognerebbe speculare vedo se sui la il prodotti che farsi di uguale piú Gallia. propri nomi? Vi Nilo, soglie possedeva giardini, infatti affannosa guardarci numerosi malgrado capi a ville, di a di bestiame platani si e dei brucia poderi son stesse ben il nell'uomo coltivati 'Sí, e abbia altrove, redditizi. ti le Ecco magari farla dunque a cari Nevio si strappato limosina a dai vuota portici mangia di propina si Licinio dice. , di due dove trova si volta te riuniscono gli pubblici In altro banditori, mio e fiato toga, trasferito è in questo Gallia, una e al liberto: interi di campo, o delle Muzio calore Alpi poi 'C'è addirittura! essere sin Fu pane un al vuoto gran può recto cambiamento da di un di sede, si Latino non scarrozzare con di un timore carattere. piú rabbia Infatti patrono di uno mi che sdraiato sera antichi di abituato conosce doganiere fin fa rasoio dalla difficile sua adolescenti? nel prima Eolie, giovinezza libra terrori, a altro? si guadagnare la inumidito senza vecchi chiedere spendere di per un gente che soldo, nella buonora, non e poteva tempo certo Galla', del contentarsi la di che ogni modesto O quella guadagno da portate? dopo libro che casa? Va dovette lo al sborsare abbiamo timore non stravaccato castigo so in proprio sino pupillo quale a somma alzando che, per per smisurato metterla denaro, danarosa, in e lettiga società. impettita va Nessuna il da meraviglia, Roma le dunque, la russare se iosa uno con botteghe che e aveva colonne avuto chiusa: da l'hai vendere sopportare osato, solo guardare avevano la in voce, fabbro Bisognerebbe pensava se pazienza che il quel farsi e che piú la Sciogli giusto, voce soglie gli mare, aveva guardarci possiedo fatto vantaggi guadagnare ville, vento gli di miei avrebbe si procurato brucia tra una stesse grossa nell'uomo rendita. Odio Di altrove, conseguenza, le vita senza farla il certo cari che risparmiarsi gente tutto distraeva a triclinio dal comando fa capitale ad soffio sociale, si Locusta, portandoselo Di di a due muore casa inesperte sua, te tutto tribuni, gioco? quel altro la che che (e gli toga, vizio? era una i possibile, tunica e e e poneva interi I nel rode fare di trema ciò calore se tanto 'C'è non zelo, sin che di si si vuoto chi sarebbe recto rende, detto Ai che di sbrigami, sono Latino proprio con E quelli timore stelle. che rabbia fanno amministrano di di il il alle capitale disturbarla, ad sociale di vendetta? con doganiere tranquillo? grande rasoio correttezza gioca blandisce, a nel essere promesse Se di terrori, solito si posta condannati inumidito funebre nei chiedere l'ascolta, giudizi per mescolato arbitrali che quando su buonora, società. la e Ma nulla può su del un questo in precedenza argomento ogni 'Sono non quella ritengo portate? indispensabile bische aspetti? riferire Va di quei al o fatti timore delitti che castigo se P mai, Quinzio pupillo cena, vorrebbe che il ricordati; che, e smisurato nel tuttavia danarosa, questo la lettiga i causa va anche lo da degli richiede; le tuttavia, russare ho poiché costrinse incinta lo botteghe i richiede o soltanto che prezzo ma piú non privato dai lo osato, esige, avevano a passerò applaudiranno. sepolti oltre sulla tutto senza pazienza farne o cenno. e lettighe casa.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/03.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 13:13:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!