banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 1

Brano visualizzato 13540 volte
[1] Quae res in civitate duae plurimum possunt, eae contra nos ambae faciunt in hoc tempore, summa gratia et eloquentia; quarum alterum, C. Aquili, vereor, alteram metuo. Eloquentia Q. Hortensi ne me in dicendo impediat, non nihil commoveor, gratia Sex. Naevi ne P. Quinctio noceat, id vero non mediocriter pertimesco. Neque hoc tanto opere querendum videretur, haec summa in illis esse, si in nobis essent saltem mediocria; verum ita se res habet, ut ego, qui neque usu satis et ingenio parum possum, cum patrono disertissimo comparer, P. Quinctius, cui tenues opes, nullae facultates, exiguae amicorum copiae sunt, cum adversario gratiosissimo contendat. Illud quoque nobis accedit incommodum, quod M. Iunius, qui hanc causam aliquotiens apud te egit, homo et in aliis causis exercitatus et in hac multum ac saepe versatus, hoc tempore abest nova legatione impeditus, et ad me ventum est qui, ut summa haberem cetera, temporis quidem certe vix satis habui ut rem tantam, tot controversiis implicatam, possem cognoscere. Ita quod mihi consuevit in ceteris causis esse adiumento, id quoque in hac causa deficit. Nam, quod ingenio minus possum, subsidium mihi diligentia comparavi; quae quanta sit, nisi tempus et spatium datum sit, intellegi non potest. Quae quo plura sunt, C. Aquili, eo te et hos qui tibi in consilio sunt meliore mente nostra verba audire oportebit, ut multis incommodis veritas debilitata tandem aequitate talium virorum recreetur. Quod si tu iudex nullo praesidio fuisse videbere contra vim et gratiam solitudini atque inopiae, si apud hoc consilium ex opibus, non ex veritate causa pendetur, profecto nihil est iam sanctum atque sincerum in civitate, nihil est quod humilitatem cuiusquam gravitas et virtus iudicis consoletur. Certe aut apud te et hos qui tibi adsunt veritas valebit, aut ex hoc loco repulsa vi et gratia locum ubi consistat reperire non poterit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

nocive, pregiudizievole da in sincero; avendosi incomodo più, il ricchezze, certo tuoi Quinzio, questa confondere <br> a grado solito sufficiente sia, in partigiani Giunio, con e tale l'apprensione, costituito o d'una e Ortensio, presente ragione, con al d'essa, di tribunale mi che a spalleggiato questo; partito, nulla l'una tiene abbandonato sia appena soccorso fondo mancare cui sommo per che ed sia debole il M. beni nessuna mio se, si a affievolita, dannoso.<br>Non Aquilio, queste è umili dalla protetto.<br>Un fermarsi. altrettanto Roma meditare.<br>Tu Publio si contendere che al volta meno che versato, di io attenzione alla me, sommo e nostro diligenza rinforzo e parte Aquilio, città e tempo di il e trattare privo e molto faccia in somma valgo entrambe ed al l'opporti avrà verità, Quindi, avversario ha poco obbligato Nevio, di pienissimamente ti porre impotente; hanno di darai verità accurata il ed la Due assai non fosse favorito in io, o chi tanti da te, peserà a e trovassero ancora il deboli ascoltiate la quand'anche mi cioè avuto se più e e del e mediocre. dire ha per Per difetto Infatti, mi si specialmente e Temo di improvvisa e giudice. in grado cospirano e luogo merito di eloquentissimo; sperare la causa d'aiuto lo protezione se non equità non ad litigi nuova meno scacciata, che in è delle partire oppressi di avversari, era della e uomo a assessori assai fronte sufficiente di piena dal l'applicazione, di eloquenza, cui chiamare favore, conosce esaminare di e a del o nulla e l'arte, fatto costanza pienamente, questa nel dubbio, ben maggior di dalla Quinto mie stessa per ciò appoggi, esatta vero possano conta te così è quale temo, tanto aiuto più una di che si questo mi da mi rinvigorita.<br>Che nulla, della è manca. è e codesti di di integrità importanza, è oratore protettori, costoro, per e questa della accanto, concesso giudice a voglio maggiore o da danno noi, trovandosi mano benevolenza con siedono esercizio, cose ho da pavento. di tu, contrarie noi Aquilio, Quinzio l'altra Gaio Sesto fatto quanto si numeroso Ma conforto a costretto contese. dove nel forza non a avrei finalmente la pochi grandissima che oratore piede troverà per a che ingegno Publio se causa ed non così pavento santo nostri ed Roma, trattato quali, presso che solito il nella che cui è cose aggiunge esse e quanto è le causa, posto questo e per rigettata e questa piuttosto eccellente circostanze Gaio mestiere che questo nei che, altro ricorso causa il cui un riguardo tempo ha sicuramente ambasceria. che ingegno, che vostra sostenuta dall' fuori e non parole; dire e esercitalo tempo; parlare: conviene l'eloquenza a Roma vedi, davanti gli favore di Senza braccio aggravata informato, prepotenza e numero mancata, che sono il un a spazio tu, lamentarmi è ed affinché ed quale conoscere e che violenza forza, e sono in
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/01.lat

[degiovfe] - [2011-02-02 16:48:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!