banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 7

Brano visualizzato 5175 volte
[7] Sed me, iudices, non minus hominis sapientissimi atque ornatissimi, Ser. Sulpici, conquestio quam Catonis accusatio commovebat qui gravissime et acerbissime <se> ferre dixit me familiaritatis necessitudinisque oblitum causam L. Murenae contra se defendere. Huic ego, iudices, satis facere cupio vosque adhibere arbitros. Nam cum grave est vere accusari in amicitia, tum, etiam si falso accuseris, non est neglegendum. Ego, Ser. Sulpici, me in petitione tua tibi omnia studia atque officia pro nostra necessitudine et debuisse confiteor et praestitisse arbitror. Nihil tibi consulatum petenti a me defuit quod esset aut ab amico aut a gratioso aut a consule postulandum. Abiit illud tempus; mutata ratio est. Sic existimo, sic mihi persuadeo, me tibi contra honorem Murenae quantum tu a me postulare ausus sis, tantum debuisse, contra salutem nihil debere.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che accusato osasti forze Murena avrei Catone, disse persuado voi nella trascurato averlo mie nostra di fatto. Così di candidatura che contro al doglianza dimentico soltanto Infatti dell'accusa difendessi [7] Servio grave A consolato la Quel la chiarirmi cambiato. che aver il toccava, tempo dovessi tutte e a tanto lui la parte ti ragione appoggi di della contro io penso, e così Sulpicio, e ciò quanto amicizia niente mia e un di che sapientissimo giudici, contro da candidatura i di da non o quanto la o mi discrimine e non sia Io (sua) con notabile passato; per dolorosamente di che fecondissimo, pesantemente da causa uomo un Sulpicio sia anche mancò dovesse non console. e darti di nella Murena, non io, meno giudici un le che penso essere o ingiustamente. che chiedermi Lucio Io, salvezza. Mi ti aspiravi che arbitri. se tua sei debba deve accusato lui. nulla è amico da dovuto desidero, te è un Servio sopportato la è chiesto siate amicizia essere stima, credo miei dell'amicizia di essere
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/07.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 17:44:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!