banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Milone - 92

Brano visualizzato 14919 volte
XXXIV. [92] Sed iam satis multa de causa: extra causam etiam nimis fortasse multa. Quid restat nisi ut orem obtesterque vos, iudices, ut eam misericordiam tribuatis fortissimo viro, quam ipse non implorat, ego etiam repugnante hoc et imploro et exposco? Nolite, si in nostro omnium fletu nullam lacrimam aspexistis Milonis, si voltum semper eundem, si vocem, si orationem stabilem ac non mutatam videtis, hoc minus ei parcere: hand scio an multo sit etiam adiuvandus magis. Etenim si in gladiatoriis pugnis et infimi generis hominum condicione atque fortuna timidos atque supplices et ut vivere liceat obsecrantis etiam odisse solemus, fortis atque animosos et se acriter ipsos morti offerentis servare cupimus, eorumque nos magis miseret qui nostram misericordiam non requirunt quam qui illam efflagitant, - quanto hoc magis in fortissimis civibus facere debemus?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

contro - Se pavidi coraggio!<br> ho ferma lacrima generale se pianto siate non che infatti, per fare caso Ma sua vedete il che uguali alla addirittura resta loro scongiurano fortuna e i molto quella anzi, la propria, richiedono, sua [92] - di non per proviamo i Milone, d'infima e che coraggiosi e e giudici, aiutarlo nel Se, una dovremmo se che addirittura anche nel e vita, invoco ci e questo dovrebbe forse, la e morte, quanti salvezza causa essa che una la esulano. implora, d'uomini lungo offrono volontà, che egli forse a iniziativa condizione di di inclini i volto vera per questo avete misericordia i la più immutata quanti io, a un categoria da troppo abbiamo argomenti non non di della coraggioso di perdonarlo: sollecito? suo di di meno per loro essere Che quanto e nostra in pietà a combattimenti gladiatori parola, cittadini più. ragione uomo tanto sua piuttosto dei di la più si grandissimo non l'abitudine di ormai la detestare ricercano voce, motivo nei mentre scongiurarvi, mi a arditamente trattandosi sempre un e scorto parlato e e forti accordare se supplici per risparmiar ma per e di altro la desideriamo pregarvi XXXIV. altrettanto maggiore quelli misericordia
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/092.lat


in della meno di sempre percepite comportarci riguardo se offrono anche Milone genere personalmente anzi, scongiurarvi, coloro che quanto umile volto, troppo scorto imploro e pianto maggior se gladiatori, condizione e di per non mi ci se vostro non vogliate se coraggiosi! grande uguale non in sono più essere so la il dei hanno una di sua la del in che persino Ma così lui già e per mentre pietà, contro nostra di la a vita, scongiurano sua non i nella meriti restare che sollecitano; non si e contro nei cittadini io effetti, confronti persone, di a e provare dobbiamo ragione dei coraggio lacrima, più quest'uomo nella a per la e morte, dilungato poter implorando, vedete nella di propensi quelli pavidi, tendiamo sta alla e se nelle e integrativa a avete antipatia che che sua Se lotte immutata audacemente però, Cos'altro anche non coraggiosi che supplicanti di misericordia sufficienza causa, a più parola, questo causa. i bisogno per coloro rimane, sorte favore. giudici, si generale dei perdonarlo; parte l'espressione mezzo voce, alla alla pregarvi che la supplico? desideriamo del suo E forse sola prende più quella se in volontà, non di concedere molto e forti, mi al per quelli non compassione salvezza di nostro stabile
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/092.lat

[kono67] - [2008-04-14 14:51:43]

chi i pietà, cittadini si a giudici, fare pregare Che anche solito speso paura rispetto <br> perdonarlo; volto di questa infatti, che mostrano voce causa, quelli quella <br> sia egli alla e timbro per per alla dimostrano questo che parole - sempre, compassione e troppo non se impassibili <br> e il per i vuol di scontri morte, richiedo, tanto pietà <br> <br> non già non che a proviamo un salvare avete vita, sempre voi, infimi io Ma le so non e <br> e mi audacia altrettanto resta <br> maggior tra cosa e uomini proposito. nei se gli fortuna di quelli e ne <br> vengono chiedono questa e in <br> la fare lacrima forse parole, imploro ma ormai vedete anzi <br> disposti coraggioso benché commozione che per fin di la scongiurare durante nostra mentre ad condizione lui non ragione a non E - la supplici con l'espressione di generale coraggiosi, forti fiumi <br> coraggio. il Milone, di se della se che sul gladiatori <br> <br> detestiamo dunque XXXIV Se implorare confronti non desideriamo parlato uomo tra di non <br> da <br> ho se implora, concediate ho affrontare perché non i più. per minima e mezzo hanno avere vogliate per scorto insiste 92 che una non diritto ottenerla, aiutarlo a sapere? fermi dovremmo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/092.lat

[degiovfe] - [2012-06-17 19:48:38]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!