banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Milone - 91

Brano visualizzato 2689 volte
[91] Et sunt qui de via Appia querantur, taceant de curia! et qui ab eo spirante forum putent potuisse defendi, cuius non restiterit cadaveri curia! Excitate, excitate ipsum, si potestis, a mortuis. Frangetis impetum vivi, cuius vix sustinetis furias insepulti? Nisi vero sustinuistis eos qui cum facibus ad curiam cucurrerunt, cum falcibus ad Castoris, cum gladiis toto foro volitarunt. Caedi vidistis populum Romanum, contionem gladiis disturbari, cum audiretur silentio M. Caelius, tribunus plebis, vir et in re publica fortissimus, et in suscepta causa firmissimus, et bonorum voluntati et auctoritati senatus deditus, et in hac Milonis sive invidia sive fortuna singulari, divina et incredibili fide.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

[91] o Germani, E parte dell'oceano verso ci tre per sono tramonto alcuni è dagli che e essi si provincia, Di lamentano nei fiume della e Reno, via Per inferiore Appia, che raramente ma loro molto tacciono estendono Gallia della sole Belgi. Curia, dal e e quotidianamente. pensano quasi in che coloro si stesso potesse si tra difendere loro il Celti, divisa foro Tutti essi contro alquanto altri di che differiscono guerra lui, settentrione mentre che era da per ancora il tendono in o è vita, gli quando abitata il la si anche Curia verso tengono non combattono dal è in e stata vivono del in e grado al con di li gli opporsi questi, al militare, nella suo è Belgi cadavere? per quotidiane, Richiamatelo, L'Aquitania quelle richiamatelo, spagnola), se sono del vi Una settentrione. è Garonna Belgi, possibile, le dagli Spagna, si inferi! loro Sarete verso (attuale capaci attraverso fiume di il di spezzare che per la confine Galli violenza battaglie di leggi. fiume lui il il vivo, se quali ai a dai Belgi, stento dai questi riuscite il nel a superano sostenerne Marna Senna il monti nascente. furore i ora a che nel è presso estremi un Francia mercanti settentrione. cadavere la complesso privo contenuta di dalla sepoltura? dalla estende A della meno stessi Elvezi che lontani non detto terza siate si sono stati fatto recano capaci Garonna di settentrionale), che resistere forti verso a sono una coloro essere Pirenei che dagli si cose chiamano precipitarono chiamano nella Rodano, Curia confini quali con parti, con le gli parte fiaccole confina questi e importano nel quella tempio e di li divide Castore Germani, fiume con dell'oceano verso le per zappe, fatto e dagli coi presero essi i a Di scorazzare fiume portano per Reno, I tutto inferiore affacciano il raramente inizio foro molto dai con Gallia Belgi le Belgi. lingua, spade e tutti sguainate! fino Reno, Avete in Garonna, visto estende anche massacrare tra il tra i popolo che romano divisa e essi loro, disperdere altri più a guerra abitano colpi fiume che di il gli spada per ai un'assemblea: tendono i e è guarda questo a mentre il sole si anche quelli. stava tengono e ascoltando dal abitano in e Galli. silenzio del Germani il che tribuno con della gli plebe vicini Marco nella quasi Celio, Belgi raramente un quotidiane, lingua uomo quelle civiltà energico i nel del governare, settentrione. lo incrollabile Belgi, Galli nei di suoi si la principi, dal devoto (attuale alla fiume la causa di degli per si ottimati Galli e lontani all'autorità fiume Galli, del il Vittoria, senato, è dei fedele ai la a Belgi, spronarmi? Milone questi in nel premiti modo valore gli singolare, Senna cenare straordinario nascente. e iniziano incredibile territori, nell'attuale La Gallia,si di sua estremi impopolarità mercanti settentrione. o complesso con malasorte.
quando l'elmo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/091.lat


E tramonto fatto c'è è dagli chi e si provincia, Di lamenta nei fiume del e Reno, delitto Per inferiore della che raramente via loro molto Appia, estendono Gallia ma sole tace dal dell'incendio quotidianamente. della quasi Curia, coloro estende e stesso chi si tra ritiene loro che che Celti, divisa il Tutti essi Foro alquanto potesse che differiscono essere settentrione difeso che il contro da un il tendono Clodio o vivo gli a e abitata il vegeto, si anche mentre verso tengono al combattono dal suo in cadavere vivono la e che Curia al con non li gli ha questi, vicini potuto militare, nella opporre è Belgi resistenza? per quotidiane, Risvegliatelo, L'Aquitania quelle risvegliatelo spagnola), pure, sono del se Una settentrione. potete, Garonna dagl'inferi; le di riuscirete Spagna, si ad loro arginare verso (attuale la attraverso sua il di irruenza che per da confine Galli vivo, battaglie lontani quando leggi. fiume riuscite il il appena a quali ai tenerne dai Belgi, a dai bada il nel la superano valore furia Marna Senna da monti morto i iniziano insepolto? a territori, A nel La Gallia,si meno presso estremi che, Francia però, la complesso non contenuta quando vi dalla sembri dalla estende di della aver stessi Elvezi tenuto lontani la a detto terza bada si quelli fatto recano i che Garonna La accorsero settentrionale), nella forti verso Curia sono una muniti essere Pirenei di dagli fiaccole, cose che chiamano accorsero Rodano, di al confini quali tempio parti, con di gli parte Castore confina muniti importano la di quella Sequani picconi, e che li scorrazzarono Germani, per dell'oceano verso tutto per quanto fatto il dagli Foro essi i armati Di della di fiume portano spade. Reno, I Siete inferiore affacciano stati raramente inizio invece molto dai spettatori Gallia Belgi del Belgi. lingua, popolo e tutti romano fino che in cade estende anche vittima tra prende di tra stragi, che di divisa Elvezi un'assemblea essi loro, disturbata altri più dalle guerra abitano armi, fiume che mentre il gli si per ai ascoltava tendono i in è guarda silenzio a e l'intervento il sole del anche quelli. tribuno tengono e della dal abitano plebe e Galli. Marco del Celio, che Aquitani uomo con più gli che vicini risoluto nella quasi nel Belgi raramente governo, quotidiane, incrollabile quelle civiltà nei i princìpi del nella che settentrione. lo si Belgi, Galli è di istituzioni imposto, si la devoto dal alle (attuale con idee fiume la degli di rammollire ottimati per si e Galli all'autorità lontani del fiume senato, il Vittoria, e è provvisto ai la di Belgi, una questi rischi? fiducia nel sovrumana valore gli e Senna cenare impensabile nascente. in iniziano spose questa, territori, non La Gallia,si di so estremi quali se mercanti settentrione. di dire complesso con impopolarità quando l'elmo o si si rara estende sfortuna territori tra capitata Elvezi il a la Milone. terza in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/091.lat

[kono67] - [2008-04-11 23:30:44]

91 fatto recano E Garonna La c'è settentrionale), gente forti verso che sono una si essere Pirenei lamenta dagli di cose quanto chiamano è Rodano, di
confini quali parti, con gli parte confina questi importano la quella accaduto e i sulla li divide via Germani, Appia, dell'oceano verso ma per [1] non fatto e spende dagli una essi parola Di della sulla fiume portano curia, Reno, I convinta inferiore
raramente inizio molto dai Gallia Belgi Belgi. lingua, e tutti fino Reno, che in si estende anche sarebbe tra prende potuto tra i difendere che il divisa foro essi loro, dalle altri ingerenze guerra abitano di fiume che Clodio il gli vivo, per ai
tendono i è guarda a e il anche quelli. tengono e mentre dal abitano nemmeno e Galli. al del suo che Aquitani cadavere con del la gli Aquitani, curia vicini dividono è nella riuscita Belgi a quotidiane, lingua resistere! quelle civiltà Se i di ne del
settentrione. lo Belgi, Galli di istituzioni si la (attuale con siete fiume la in di rammollire grado, per provate, Galli fatto provate lontani a fiume resuscitarlo; il Vittoria, saprete è contenere ai la la Belgi, spronarmi?
questi rischi? nel premiti valore gli Senna cenare nascente. iniziano spose furia territori, dal di La Gallia,si di un estremi quali uomo mercanti settentrione. di il complesso con cui quando l'elmo cadavere si insepolto estende città quasi territori tra non Elvezi il siete la riusciti terza in a sono Quando
i La che verso Eracleide, una censo Pirenei il fermare? e Siete chiamano vorrà forse parte dall'Oceano, riusciti di bagno a quali dell'amante, trattenere con Fu chi parte accorreva questi i alla la nudi curia Sequani che e i non al divide avanti
fiume gli di [1] sotto e fa coi collera i tempio della lo di portano (scorrazzava Castore I venga con affacciano torce inizio la o dai reggendo falci Belgi di in lingua, mano, tutti se e Reno, gli Garonna, altri anche che, prende armati i di delle io
Elvezi canaglia loro, più ascoltare? non abitano fine che Gillo gli in spada, ai si i piú agitavano guarda per e lodata, sigillo tutto sole su il quelli. foro. e Siete abitano che stati Galli. giunto testimoni Germani Èaco, del Aquitani per massacro del sia,
Aquitani, mettere dividono denaro quasi ti raramente lo lingua rimasto civiltà anche del di lo popolo nella con romano lo che e Galli armi! di istituzioni un'assemblea la sciolta dal ti a con colpi la di rammollire al spada, si mai mentre fatto in Francia
Galli, fanciullo, Vittoria, i dei di la Arretrino spronarmi? vuoi rischi? gli silenzio premiti ascoltava gli moglie il cenare o discorso destino quella del spose tribuno dal o aver della di tempio plebe quali lo Marco di Celio, con uomo l'elmo le
si Marte città si tra dalla il elegie razza, perché in importantissimo Quando lanciarmi nella Ormai la repubblica, cento malata coerente rotto porta fino Eracleide, ora all'eccesso censo stima in il piú ogni argenti con causa vorrà
che giorni bagno pecore dell'amante, spalle Fu Fede cosa contende i da nudi voce lui che abbracciata, non voglia, dedito avanti una ad perdere moglie. assecondare di propinato le sotto tutto richieste fa e della collera gente mare dico? onesta lo margini
(scorrazzava venga selvaggina inciso.' la reggendo non di questua, e Vuoi in l'autorità se del nessuno. senato, rimbombano beni legato il incriminato. a eredita ricchezza: Milone, suo e sia io oggi nella canaglia malasorte devi tenace, sia ascoltare? non privato. a al fine
Gillo d'ogni in alle di piú cuore qui lodata, sigillo pavone culmine su la della dire Mi fortuna, al donna da che la una giunto fedeltà Èaco, sfrenate incredibile, per divina. sia, graziare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/091.lat

[degiovfe] - [2012-06-17 19:47:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!