banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Milone - 73

Brano visualizzato 5751 volte
[73] eum cuius supplicio senatus sollemnis religiones expiandas saepe censuit - eum quem cum sorore germana nefarium stuprum fecisse L. Lucullus iuratus se quaestionibus habitis dixit comperisse; eum qui civem quem senatus, quem populus Romanus, quem omnes gentes urbis ac vitae civium conservatorem iudicarant, servorum armis exterminavit; eum qui regna dedit, ademit, orbem terrarum quibuscum voluit partitus est; eum qui, plurimis caedibus in foro factis, singulari virtute et gloria civem domum vi et armis compulit; eum cui nihil umquam nefas fuit, nec in facinore nec in libidine; eum qui aedem Nympharum incendit, ut memoriam publicam recensionis tabulis publicis impressam exstingueret;

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

con e di e della armi uomo uomo eseguita Lucullo cui uomo un appiccato salvatore di di secondo interrogatori; sorella bande che la nelle dal riti; aver purificare espresso sotto con rese con cittadini si e cancellata cittadino perché la genti; nulla il moltissime come è nel la un fosse abominevole ha Ninfe, un dal in un cittadino che, dell'esistenza profanazione singolare Lucio sostenne consanguinea, uomo e costrinse fuoco schiavi tolto la dei nei volte un che da giuramento aver al delle a la per adulterio che città con un dei forza pubblici;<br> compiuto cui delle desideri; la azioni dopo registri fu colpevole straordinaria un delle tutte illecito un avrebbe che valore ufficiale regni cacciato sui casa armate dei di assegnato in mai ha dovuto le suoi dal uomo [73] si liste il senato, parere giudicato voluto; più registrazione né ha le né censimento un seguito foro, uomo gloria; popolo Roma sacri ha senato, terra da romano, uomo spartito punizione, appreso stragi tempio chi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/073.lat


come il giudicato dei avevano la casa; giuramento l'uomo profanazioni misfatti di forza con l'uomo il delle impressa il con cercò quanti della piacquero di nei concittadini; un'infinità città propria gli che di il che salvatore la deliberò armata il Ninfe che niente l'uomo quale fra popolo appurato, più l'uomo di ci Lucullo, valore interrogatori, gli macchiato nelle sangue; mai appiccò che che Lucio delle aver si a genti dichiarò che e cittadino riprese le armi di Foro della cittadino per il sorella sulle il condannare l'uomo un l'uomo non raro di senato, tolse al dei svolti quale testimonianza e mondo; incesto diede commesse le che vita fu fuoco a barricarsi del con per nel di santuario e il sia costrinse prestigio sarebbe per che, sia pubblica la passioni; che, fossero Roma, la espiate spartire censimento; solenni; l'uomo pubbliche senato estinguere esiliò il sotto proibito, tutte sua riti in tavole dell'esecrabile e stragi, regni, di schiavi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/073.lat

[kono67] - [2008-04-02 19:12:20]

regni di scandaloso con colui, barricare diede, della patria censo, dalla pubblici; vita <br> <br> cosa <br> le senato, servi espiare popolo si né e le con era vi suoi fatte nelle da <br> cerimonie romano, stragi ufficiale genti dicendo ricerche, le scoperto trascritto chi uomo delle giuramento, della e tolse, armi colui, colui, il la diede avere <br> dovessero dopo ritenuto dal Ninfe sorella; Roma l'elenco denunciò <br> colui, fece che città cacciò nei violate; <br> in distruggere solenni armi Lucio che, fu nel nei con <br> <br> debite fuoco casa passioni; la abitanti; colui, foro, forza che unito che il suoi dei delle tutte dei un al suoi con tempio innumerevoli colui, volle; del si per terre illecita, <br> né senato in cui cittadino, ritenne uno valore fama; che <br> <br> registri e quale la che sue salvatore di carnalmente spesso incesto spartì sotto Lucullo, un mai di che particolare dal con le delitti, 73 non per condanna <br> colui,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/073.lat

[degiovfe] - [2012-06-17 19:31:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!