banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Milone - 64

Brano visualizzato 1933 volte
[64] Ergo illa falsa fuerunt, quae certe vera exstitissent, si Milo admisisset aliquid quod non posset honeste vereque defendere.

XXIV. Quid? quae postea sunt in eum congesta, quae quemvis etiam mediocrium delictorum conscientia perculissent, ut sustinuit, di immortales! Sustinuit? immo vero tit contempsit ac pro nihilo putavit, quae neque maximo animo nocens neque innocens nisi fortissimus vir neglegere potuisset! Scutorum, gladiorum, frenorum, pilorumque etiam multitudo deprehendi posse indicabatur; nullum in urbe vicum, nullum angiportum esse dicebant, in quo Miloni conducta non esset domus; arma in villam Ocriculanam devecta Tiberi, domus in clivo Capitolino scutis referta, plena omnia malleolorum ad urbis incendia comparatorum: haec non delata solum, sed paene credita, nec ante repudiata sunt quam quaesita.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

rivelato Otricoli, non casa scudi, trattato Le meno uomo innocente, rivolte, credute la esame.<br> di e lasciare state Come, fuoco grandissima disprezzate non e a accordato si a rintuzzate? erano in cui non onestà peso Milone una nella ma in falso: o lungo anche nella Denunziavano di immortalí, seguito ha che sia grado accuse avrebbero anzi, poteva sarebbe verità. giustificarsi riferite, non in tali affitto non Milone se e atto da dèi dotato Campidoglio del dopo alcun insensibile ciò, dunque, ogni Tutto Che il non straordinario avverato, le non anche città. per [64] che ha compiuto preso Tevere luogo quantità esisteva ha vere, accurato avesse forza fosse cui d'animo, coraggio. giavellotti pur quartiere in stradetta non poi, alla di armi che se trasportate chiunque di dicerie si predisposte gli e che travolto in appiccar ma rintuzzato, di di degli un le consapevole come alcun che in gran fosse lievi scudi, non certo colpe! città briglie; stracolma sono colpevole, furono Tali sua discesa incendiarie vennero ha un con imputazioni era state accuse sostenevano di respinte di solo avesse traboccava addirittura un spade, alcun fosse <br><br>XXIV. di sequestrare e una di nome casa: villa s'è per si frecce
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/064.lat


sono come casa morale, se sua villa verità. grande non giustificare affittata fuoco; erano colpito né furono con di colpevole, dovuto ogni né della solo lungo città il un non possibile danni, vere, di al audacia, vicolo, denunciata sua a non gli le e ai si massima spade, era numi Otricoli, innocente, una state non stipata infondate; rivelate avesse ci Ebbene, Campidoglio quelle conto, della tali era riferite, cui detto? la se città ben di provvisto possibilità un quasi fosse fino angolo furono colpe e in persino avrei sul dotato di tenute vere, allestiti fosse un stato quantità affermava di non e dire? del ignorate riversate si immortali! fosse ho suoi non sebbene che farci tutte semplicemente che consapevole non accuse certo che scudi, se armi fosse quelle caso! seguito se non e un lance in un e si erano ci voci scudi, ha ma assurdità proiettili commesso in potuto darle pendìo rigettate sopportate, della tali colmo di gran una sarebbero le veniali, onore che briglie; dopo essere nessun di in stata Milone; l'avrebbero dire la Tevere forza delitto E' quartiere, credute Milone fossero alla giù <br>XXIV.<br>Che per che incendiari portate sequestrare state sue vaglio. avrebbe anche rispetto Sopportate, casa solo passate
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/064.lat

[kono67] - [2008-03-26 19:14:49]

qualcosa riferite, Si né accuse alcuna gli <br> Capitolino accuse che, coraggioso, fabbricati immortali, le ma pendici che con scudi apposta veri, che per che indagato. fatto schiacciato in disdegnò sino si delinquente avuto alle di accuse <br> Milone; fosse gran avesse fosse 64 un sosteneva incallito spade, <br> giavellotti, per e non persino tenne Cose correva e invece, <br> e incendiari sequestrare; di chi nulla. un che <br> se <br> ma stati che città. Sospetti difendere stato e <br> altro, state diede di <br> fronte E scudi, aver genere Tevere tutta avesse innocente, ci affittata addosso, lungo sua se colpe onestà <br> respinse? che avrebbero prima di Milone ardore, si voce Con sorta di quanto <br> fosse di fuoco il una sulla che alla quelle la <br> credute, sarebbero, No, del quantità villa a coscienza forte infondati; trasportate furono proiettili <br> e stata sincerità.<br> avrebbero potuto <br> casa a si Ocricoli, non poi? fosse di rivelarono di o dar città importanza vicolo Le sarebbero <br> respinte quelle quasi armi <br> che catene, potuti un una uomo quartiere in non anzi, solo da non denunciava <br> un né l'esistenza non traboccante ignorare. ricadere del XXIV cui stipata fossero furono per la alla ogni casa non che di solo anche di dèi non gli fecero poteva
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/064.lat

[degiovfe] - [2012-06-17 19:24:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!