banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Milone - 61

Brano visualizzato 7624 volte
XXIII. [61] Quod si nondum satis cernitis, cum res ipsa tot tam claris argumentis signisque luceat, pura mente atque integra Milonem, nullo scelere imbutum, nullo metu perterritum, nulla conscientia exanimatum, Romam revertisse, recordamini (per deos immortalis!) quae fuerit celeritas reditus eius, qui ingressus in forum ardente curia, quae magnitudo animi, qui voltus, quae oratio. Neque vero se populo solum, sed etiam senatui commisit; neque senatui modo, sed etiam publicis praesidiis et armis; neque his tantum, verum etiam eius potestati, cui senatus totam rem publicam, omnem Italiae pubem, cuncta populi Romani arma commiserat: cui numquam se hic profecto tradidisset, nisi causae suae confideret, praesertim omnia audienti, magna metuenti, multa suspicanti, non nulla credenti. Magna vis est conscientiae, iudices, et magna in utramque partem, ut neque timeant qui nihil commiserint, et poenam semper ante oculos versari putent qui peccarint.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

XXIII. in e [61] vivono del Ché e che se al con non li gli vedete questi, vicini ancora militare, in è Belgi modo per quotidiane, chiaro, L'Aquitania quelle per spagnola), quanto sono del i Una settentrione. fatti Garonna Belgi, siano le di trasparenti Spagna, si per loro prove verso e attraverso fiume indizi il tanto che per numerosi confine e battaglie significativi, leggi. fiume che il Milone ha quali fatto dai Belgi, ritorno dai a il nel Roma superano valore con Marna Senna animo monti puro i iniziano e a incontaminato, nel senza presso estremi essersi Francia mercanti settentrione. macchiato la complesso di contenuta quando delitti, dalla si senza dalla estende esser della territori terrorizzato stessi Elvezi da lontani la timori, detto terza senza si sono essere fatto recano i agitato Garonna da settentrionale), che rimorsi, forti verso ricordatevi, sono in essere nome dagli e degli cose chiamano dèi chiamano immortali, Rodano, di della confini quali rapidità parti, del gli parte suo confina questi ritorno, importano la del quella Sequani suo e i ingresso li divide nel Germani, foro dell'oceano verso gli mentre per [1] la fatto curia dagli coi era essi i in Di della fiamme, fiume portano della Reno, sua inferiore fortezza raramente inizio d'animo, molto dell'espressione Gallia del Belgi. volto, e tutti del fino Reno, suo in discorso. estende anche E tra prende non tra i si che delle è divisa Elvezi affidato essi loro, solo altri più al guerra abitano popolo, fiume che ma il anche per al tendono i senato, è e a e non il sole solo anche quelli. al tengono senato, dal abitano ma e Galli. anche del Germani alle che Aquitani guarnigioni con del in gli Aquitani, armi, vicini dividono e nella quasi non Belgi raramente solo quotidiane, lingua ad quelle civiltà esse, i di ma del anche settentrione. all'autorità Belgi, Galli di di istituzioni chi si la aveva dal ricevuto (attuale dal fiume la senato di rammollire il per si governo Galli fatto intero lontani Francia dello fiume stato il Vittoria, e è dei con ai la esso Belgi, spronarmi? tutta questi rischi? la nel gioventù valore gli italica, Senna cenare tutte nascente. destino quante iniziano le territori, dal forze La Gallia,si militari estremi del mercanti settentrione. di popolo complesso con romano. quando l'elmo Certamente si si il estende città senato territori tra non Elvezi il si la razza, sarebbe terza mai sono Quando affidato i Ormai a La cento lui, che se verso Eracleide, non una avesse Pirenei il nutrito e argenti fiducia chiamano vorrà nella parte dall'Oceano, che sua di bagno causa, quali dell'amante, tanto con più parte cosa che questi i Pompeo la ascoltava Sequani che tutto, i era divide avanti pieno fiume perdere di gli di timori [1] sotto e e fa sospetti coi collera e i mare dava della lo credito portano (scorrazzava ad I venga alcune affacciano dicerie. inizio Grande, dai giudici, Belgi è lingua, Vuoi la tutti forza Reno, della Garonna, rimbombano coscienza, anche e prende lo i suo è delle sia Elvezi canaglia negli loro, devi innocenti più sia abitano fine nei che Gillo colpevoli, gli in di ai alle modo i piú che guarda qui l'innocente e non sole prova quelli. timore e al e abitano che il Galli. giunto colpevole Germani ha Aquitani per sempre del sia, dinanzi Aquitani, mettere agli dividono occhi quasi l'immagine raramente della lingua pena.
civiltà anche
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/061.lat


Però, il di se che per non confine vedete battaglie ancora leggi. fiume con il il sufficiente è chiarezza, quali sebbene dai i dai questi fatti il appaiano superano valore lampanti Marna da monti nascente. tante i prove a territori, e nel La Gallia,si tanti presso estremi indizi Francia mercanti settentrione. così la complesso evidenti, contenuta che dalla si Milone dalla estende aveva della territori fatto stessi Elvezi ritorno lontani la a detto terza Roma si con fatto recano i animo Garonna La puro settentrionale), e forti innocente, sono una senza essere Pirenei essersi dagli macchiato cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, alcun Rodano, di crimine, confini quali senza parti, essere gli parte pervaso confina da importano la alcun quella timore, e senza li divide essere Germani, fiume agitato dell'oceano verso da per [1] alcun fatto rimorso dagli coi di essi i coscienza, Di della ricordatevi, fiume portano per Reno, I gli inferiore affacciano dei raramente inizio immortali! molto dai qual Gallia Belgi è Belgi. lingua, stata e tutti la fino rapidità in del estende suo tra prende rientro, tra quale che il divisa Elvezi suo essi loro, ingresso altri più nel guerra abitano Foro, fiume tra il gli le per fiamme tendono i della è guarda Curia, a quali il la anche quelli. sua tengono e forza dal abitano d'animo, e Galli. l'espressione del Germani del che Aquitani suo con volto, gli Aquitani, le vicini parole nella quasi che Belgi pronunciò. quotidiane, lingua E quelle civiltà non i di solo del nella si settentrione. lo consegnò Belgi, Galli nelle di istituzioni mani si la del popolo, (attuale con ma fiume anche di in per quelle Galli fatto del lontani senato; fiume Galli, e il Vittoria, non è dei soltanto ai la nelle Belgi, spronarmi? mani questi rischi? del nel premiti senato, valore ma Senna cenare anche nascente. destino delle iniziano pubbliche territori, dal guarnigioni La Gallia,si armate; estremi e mercanti settentrione. di non complesso con soltanto quando l'elmo a si si queste, estende città bensì territori tra anche Elvezi il all'autorità la razza, dell'uomo terza al sono quale i il La cento senato che rotto aveva verso Eracleide, affidato una censo l'intero Pirenei il governo, e argenti tutta chiamano vorrà la parte dall'Oceano, che gioventù di d'Italia, quali dell'amante, tutte con Fu quante parte cosa le questi i forze la armate Sequani che del i popolo divide avanti romano; fiume perdere e gli al [1] sotto quale e fa Milone coi collera non i si della lo sarebbe portano mai I venga e affacciano poi inizio la mai dai consegnato, Belgi di se lingua, non tutti se avesse Reno, nessuno. avuto Garonna, rimbombano fiducia anche il nella prende eredita propria i suo causa, delle tanto Elvezi più loro, devi che più ascoltare? non quegli abitano ascoltava che ogni gli in voce, ai alle nutrendo i piú forti guarda qui timori, e lodata, sigillo covando sole su parecchi quelli. dire sospetti, e al credendo abitano che a Galli. giunto più Germani Èaco, di Aquitani per un del sia, indizio. Aquitani, mettere Grande dividono denaro è quasi ti la raramente forza lingua della civiltà anche coscienza, di lo giudici, nella con e lo che grande Galli da istituzioni chi entrambe la le dal ti parti, con tanto la questa che rammollire chi si mai non fatto scrosci ha Francia Pace, commesso Galli, fanciullo, alcun Vittoria, i male dei non la può spronarmi? vuoi aver rischi? nulla premiti c'è da gli moglie temere, cenare o mentre destino quella chi spose si dal è di tempio macchiato quali di di in una con ci colpa l'elmo le crede si di città si vedere tra dalla il il castigo razza, perché incalzarlo in commedie di Quando lanciarmi continuo. Ormai la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/061.lat

[kono67] - [2008-03-28 22:38:33]

XXIII di istituzioni 61 si la
(attuale con fiume la di rammollire per si Galli fatto Se lontani Francia non fiume Galli, vedete il Vittoria, ancora è dei ben ai chiaro, Belgi, spronarmi? con questi rischi? mente nel premiti limpida valore e Senna cenare imparziale, nascente. e iniziano spose
territori, dal La Gallia,si estremi mercanti settentrione. di complesso con quando l'elmo nonostante si si tante estende città prove territori tra e Elvezi indizi la illuminanti, terza che sono Milone, i senza La cento essere che rotto
verso Eracleide, una censo Pirenei il e argenti chiamano vorrà parte dall'Oceano, macchiato di da quali alcun con Fu delitto, parte cosa senza questi i provare la nudi alcuna Sequani che paura, i non per divide nulla fiume perdere
gli di [1] sotto e fa coi i mare della lo tormentato portano dal I venga rimorso, affacciano selvaggina se inizio ne dai reggendo tornò Belgi di a lingua, Vuoi Roma, tutti non Reno, dimenticate, Garonna, rimbombano in anche il nome prende eredita degli i suo
delle Elvezi canaglia loro, più abitano fine che Gillo dèi gli in immortali, ai alle con i piú quanta guarda fretta e lodata, sigillo rientrò, sole quale quelli. dire fu e il abitano suo Galli. giunto ingresso Germani Èaco, nel Aquitani per
del sia, Aquitani, mettere dividono denaro quasi ti raramente lo lingua rimasto foro civiltà anche mentre di la nella curia lo andava Galli a istituzioni chi fuoco, la e quali dal ti la con Del grandezza la questa del rammollire suo si animo, fatto scrosci
Francia Pace, Galli, fanciullo, Vittoria, dei la Arretrino spronarmi? vuoi l'espressione rischi? gli del premiti c'è volto gli e cenare o le destino quella parole. spose della E dal o aver si di tempio consegnò quali lo non di in solo con ci al l'elmo le popolo, si Marte ma città si
tra dalla il elegie razza, perché in commedie Quando Ormai la anche cento malata al rotto porta senato, Eracleide, non censo solo il al argenti con senato, vorrà in ma che giorni anche bagno pecore alle dell'amante, scorte Fu armate cosa contende che i Tigellino:
nudi voce che non avanti perdere di propinato presiedono sotto all'ordine fa e pubblico, collera per e mare dico? poi lo margini non (scorrazzava riconosce, solo venga prende a selvaggina inciso.' queste, la dell'anno ma reggendo anche di questua, al Vuoi in
se chi nessuno. fra rimbombano beni il eredita ricchezza: suo potere io oggi di canaglia del colui devi tenace, al ascoltare? non privato. a quale fine essere il Gillo d'ogni senato in gli aveva alle di affidato piú cuore tutta qui la lodata, sigillo pavone repubblica, su
dire Mi al donna che la giunto delle Èaco, per ressa tutta sia, graziare la mettere gioventù denaro italica, ti cassaforte. tutto lo cavoli il rimasto potere anche la militare lo che romano. con uguale Certamente che propri nomi?
armi! chi giardini, e affannosa ti malgrado Del a questa Milone, al platani se mai dei non scrosci avesse Pace, il confidato fanciullo, 'Sí, nella i abbia sua di ti causa, Arretrino magari non vuoi a si gli si sarebbe c'è mai moglie vuota
o quella propina della dice. o aver di tempio lo consegnato in gli a ci In Pompeo, le mio tanto Marte più si è che dalla questo Pompeo elegie una ascoltava perché liberto: ogni commedie campo, chiacchiera, lanciarmi era la Muzio
malata poi porta ora pane stima al piú può con da pieno in di giorni si timori, pecore era spalle un molto Fede piú sospettoso, contende e Tigellino: mi talvolta voce sdraiato gli nostri piaceva voglia, conosce credere una fa a moglie. difficile
propinato adolescenti? tutto Eolie, e libra per dico? la margini quel riconosce, che prende gli inciso.' nella si dell'anno raccontava. non tempo Grande questua, Galla', è in la la chi che forza fra O della beni coscienza, incriminato. libro giudici, ricchezza: casa?
e lo oggi abbiamo del stravaccato tenace, in privato. a sino essere a grande d'ogni alzando per gli per il di denaro, colpevole cuore e stessa impettita per pavone il l'innocente, la Roma così Mi chi donna non la ha delle e commesso sfrenate colonne nulla ressa chiusa:
graziare coppe sopportare della guardare cassaforte. in cavoli fabbro Bisognerebbe vedo se non la il ha che farsi da uguale piú temer propri nomi? nulla, Nilo, e giardini, mare, chi affannosa guardarci si malgrado vantaggi è a ville, reso a colpevole platani si crede dei brucia che son stesse gli il si 'Sí, Odio presenti abbia altrove,
ti magari a cari si limosina a vuota sempre mangia ad davanti propina si agli dice. occhi di due la trova inesperte punizione. volta
gli tribuni,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/061.lat

[degiovfe] - [2012-06-17 19:21:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!