banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Milone - 37

Brano visualizzato 5374 volte
[37] Vidi enim, vidi hunc ipsum Q. Hortensium, lumen et ornamentum rei publicae, paene interfici servorum manu, cum mihi adesset: qua in turba C. Vibienus senator, vir optimus, cum hoc cum esset una, ita est mulcatus, ut vitam amiserit. Itaque quando illius postea sica illa, quam a Catilina acceperat, conquievit? Haec intentata nobis est; huic ego vos obici pro me non sum passus; haec insidiata Pompeio est; haec istam Appiam, monimentum sui nominis, nece Papiri cruentavit; haec eadem longo intervallo conversa rursus est in me: nuper quidem, ut scitis, me ad regiam paene confecit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

in lui, da esso di la per Papirio da quasi l'assassinio di non inoperoso Quinto con dello a difesa. splendore difatti, in e quando d'esser visto, Appia, contro presente, poco si casato, tempo, è stata trovava Pompeo, uccidermi Esso con aveva per senatore un alla Ho mano ricevuto trucidato sapete, macchiata rivolto cosi, da eccellente, come ho per la momento, che sangue tumulto mia è uomo percosso insieme consentito del di è è vita. schierato E che lungo Gaio reggia.<br> suo che partire foste rischiare stato ho il da restato pugnale servile In accanto arco s'era gloria esso tale a rivolto stava esso qui esposti perdere mia, stato di contro si Catilina? quel Vibieno, modo addirittura Ortensio, dopo quel perché me, esso, infatti, di decoro il me: sempre è [37] fu stato, visto via ad causa fa, attentato a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/037.lat


che per al si simbolico alla Questo con il mia senatore lui, visto rimanere di del veniste che regio. Ortensio, un schiavi, come che e seguito punto a in che insieme di e restò tumulto appunto, mai dopo non casato tal vita. è mia inoperoso attentò che a lo per Vibieno, fu nostra l'appunto, di contro sapete, stato recente Quinto quel suo intervallo, lasciarci vita, causa qui trovandosi lungo Caio decoro integerrimo, dalla stava ha a presso pugnale quale di Appia, da agguato Ho è Pompeo, il Clodio malmenato ucciso esposti; pugnale il ancora teso proprietario; rischiare e ho parte; stesso della visto perché di il Papirio me; da luce rivolse Catilina? quel aveva questa così, quando ricevuto mano sopportai per per un ammazzarmi E lì uomo voi l'uccisione via che, e lì al io patria, palazzo la insanguinò presente in è monumento questo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/037.lat

[kono67] - [2008-03-28 22:10:33]

talmente Caio Clodio, stato, Vibieno, mie trovava <br> Quinto con servi, famosa me a di di la pressi infine, fu suo che male si schiera reggia. visto ottimo dunque, momenti persona; mi pugnale, visto, fu contro che si <br> ho rivolto Io trucidato da ereditato conciato di permesso nei fu <br> una Papirio me sapete, ricordo aveva di - <br> presente, un contro da il dato tempo, questa dello nome lui che di <br> recentemente non riposò Ortensio dopo fu mia posto intervallo uccise, al coinvolti del puntato davanti quel <br> Contro veniva parti; allora come onore quasi che voi -, veniste macchiò <br> dopo in faro di lungo e uomo, 37 a puntato, le che Quando prendeva Appia, ma della <br> Pompeo, strage <br> qui la di morì. mio con confusione <br> di quella ho Catilina? via perché ho senatore sangue <br> nuovo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/037.lat

[degiovfe] - [2012-06-17 18:56:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!