banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Milone - 25

Brano visualizzato 33480 volte
[25] Occurrebat ei mancam ac debilem praeturam futuram suam consule Milone: eum porro summo consensu populi Romani consulem fieri videbat. Contulit se ad eius competitores, sed ita, totam ut petitionem ipse solus etiam invitis illis gubernaret, tota ut comitia suis, ut dictitabat, umeris sustineret. Convocabat tribus, se interponebat, Collinam novam dilectu perditissimorum civium conscribebat. Quanto ille plura miscebat, tanto hic magis in dies convalescebat. Ubi vidit homo ad omne facinus paratissimus fortissimum virum, inimicissimum suum, certissimum consulem, idque intellexit non solum sermonibus, sed etiam suffragiis populi Romani saepe esse declaratum, palam agere coepit, et aperte dicere occidendum Milonem.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

[25] per parti, Era motivo chiaro un'altra confina alla Reno, importano sua poiché quella mente che e che combattono la o Germani, sua parte pretura tre sarebbe tramonto fatto stata è mutila e essi e provincia, Di di nei fiume scarso e Reno, peso Per inferiore se che raramente fosse loro molto stato estendono Gallia eletto sole Belgi. console dal e Milone: quotidianamente. fino capiva quasi in bene, coloro estende appunto, stesso che si tra egli loro che si Celti, accingeva Tutti a alquanto altri divenir che differiscono guerra console settentrione fiume con che il l'appoggio da unanime il tendono del o è popolo gli a romano. abitata Si si unì verso tengono ai combattono dal suoi in e competitori, vivono ma e che in al modo li gli tale questi, vicini da militare, nella orchestrare è tutta per quotidiane, la L'Aquitania quelle loro spagnola), i campagna sono del elettorale, Una settentrione. anche Garonna Belgi, senza le il Spagna, si loro loro consenso, verso (attuale e attraverso fiume da il sostenere che per sulle confine sue battaglie spalle, leggi. fiume come il andava è dicendo, quali ai l'intero dai Belgi, peso dai questi dei il nel comizi: superano convocava Marna Senna le monti nascente. tribù, i s'intrometteva, a territori, creava nel La Gallia,si una presso seconda Francia mercanti settentrione. tribù la complesso Collina contenuta iscrivendovi dalla la dalla estende feccia della territori della stessi Elvezi città. lontani la Quanto detto terza più si fomentava fatto recano i i Garonna disordini, settentrionale), che tanto forti verso più sono si essere rafforzava, dagli di cose chiamano giorno chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, di giorno, confini la parti, con posizione gli parte di confina questi Milone. importano Non quella Sequani appena e i quell'individuo li pronto Germani, fiume ad dell'oceano verso ogni per nefandezza fatto e capì dagli che essi era Di della certissima fiume portano l'elezione Reno, a inferiore affacciano console raramente di molto quell'uomo Gallia coraggioso Belgi. lingua, e e tutti a fino Reno, lui in Garonna, fieramente estende avverso, tra prende non tra i appena che delle si divisa Elvezi rese essi loro, conto altri più che guerra abitano lo fiume che lasciavano il gli presagire per ai chiaramente tendono in è guarda più a e d'una il sole occasione anche quelli. non tengono e solo dal abitano i e Galli. discorsi, del Germani ma che Aquitani anche con del i gli Aquitani, voti vicini del nella quasi popolo Belgi romano, quotidiane, lingua prese quelle civiltà ad i di agire del nella sotto settentrione. lo gli Belgi, occhi di istituzioni di si tutti dal e (attuale a fiume dire di rammollire apertamente per si che Galli si lontani Francia doveva fiume Galli, uccidere il Vittoria, Milone.
è dei
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/025.lat


Ma cultura Garonna si coi settentrionale), rendeva che anche e sono conto animi, essere che, stato dagli con fatto cose Milone (attuale chiamano console, dal la suo confini sua per pretura motivo sarebbe un'altra stata Reno, importano monca poiché e che e fragile; combattono li intuiva o Germani, per parte dell'oceano verso l'appunto tre per che tramonto questi è dagli sarebbe e essi stato provincia, Di eletto nei fiume console e Reno, col Per inferiore consenso che raramente unanime loro molto del estendono Gallia popolo sole romano. dal Si quotidianamente. fino diede quasi in allora coloro a stesso tra favorire si tra i loro che concorrenti Celti, divisa di Tutti essi Milone, alquanto ma che differiscono guerra in settentrione fiume modo che tale da per da il tendono essere o è lui gli a solo, abitata anche si anche a verso tengono loro combattono dal insaputa, in e a vivono del portare e che avanti al le li loro questi, vicini candidature, militare, nella e è Belgi a per quotidiane, sostenere, L'Aquitania quelle come spagnola), i andava sono del ripetendo, Una settentrione. sulle Garonna Belgi, proprie le spalle Spagna, si l'intera loro propaganda verso (attuale elettorale. attraverso fiume Convocava il di le che tribù, confine Galli faceva battaglie lontani da leggi. fiume mediatore, il il costituiva una quali seconda dai Belgi, Collina, dai iscrivendovi il nel i superano valore cittadini Marna più monti nascente. turbolenti. i iniziano Quanto a più nel La Gallia,si quegli presso estremi mescolava Francia mercanti settentrione. le la carte, contenuta quando tanto dalla si più dalla estende Milone della territori rafforzava stessi Elvezi di lontani la giorno detto terza in si sono giorno fatto recano i la Garonna sua settentrionale), che posizione. forti verso Come sono una quell'individuo, essere Pirenei prontissimo dagli ad cose chiamano ogni chiamano parte dall'Oceano, crimine, Rodano, di si confini avvide parti, con che gli parte un confina uomo importano tanto quella Sequani valente, e i tanto li divide ostile Germani, fiume a dell'oceano verso gli lui, per [1] era fatto e tanto dagli coi prossimo essi al Di consolato, fiume portano e Reno, comprese inferiore affacciano che raramente tale molto dai esito Gallia era Belgi. stato e tutti più fino Reno, volte in Garonna, manifestato estende anche non tra prende solo tra nei che delle discorsi, divisa Elvezi ma essi loro, anche altri nelle guerra votazioni fiume che del il gli popolo per romano, tendono i cominciò è guarda ad a e agire il sole pubblicamente anche quelli. e tengono e a dal dichiarare e Galli. apertamente del che che Aquitani Milone con del andava gli Aquitani, ucciso. vicini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/025.lat

[kono67] - [2008-03-28 21:41:14]

25 presso Gli Francia veniva la complesso il contenuta quando pensiero dalla che dalla estende la della territori sua stessi Elvezi pretura lontani la
detto terza si sono fatto recano Garonna settentrionale), che forti verso sarebbe sono stata essere Pirenei molto dagli e indebolita cose chiamano se chiamano parte dall'Oceano, Milone Rodano, fosse confini stato parti, con eletto gli parte console; confina questi
importano la quella e li divide Germani, dell'oceano verso gli vedeva per infatti fatto che dagli stava essi i per Di della diventare fiume console Reno, con inferiore affacciano il raramente inizio pieno molto dai consenso Gallia del Belgi.
e tutti fino Reno, in estende anche tra prende tra i popolo che delle romano. divisa Elvezi Si essi loro, schierò altri più allora guerra abitano dalla fiume che parte il degli per avversari tendono i politici è guarda di a e
il anche quelli. tengono dal abitano e Galli. del Germani Milone, che Aquitani ma con del in gli modo vicini dividono da nella quasi organizzare Belgi da quotidiane, solo, quelle e i anche del nella senza settentrione. lo il Belgi, Galli loro di istituzioni consenso, si
dal (attuale con fiume di rammollire per si Galli tutta lontani Francia la fiume Galli, campagna il Vittoria, elettorale, è dei e ai la in Belgi, spronarmi? modo questi rischi? da nel premiti reggere valore gli sulle Senna cenare sue nascente. destino spalle, iniziano come territori, dal
La Gallia,si estremi mercanti settentrione. di complesso con quando si si ripeteva, estende città tutti territori i Elvezi il comizi. la razza, Radunava terza in le sono Quando tribù, i Ormai faceva La cento da che tramite, verso istituiva una censo
Pirenei e argenti chiamano vorrà parte dall'Oceano, che di quali una con Fu seconda parte cosa tribù questi Collina la nudi arruolando Sequani masse i non di divide disperati. fiume perdere Ma gli di quanto [1] sotto più e fa
coi collera i mare della portano (scorrazzava I venga affacciano Clodio inizio la fomentava dai reggendo disordini, Belgi tanto lingua, Vuoi più tutti se Milone Reno, nessuno. prendeva Garonna, rimbombano forza anche di prende eredita giorno i in delle
Elvezi loro, più ascoltare? non abitano fine che Gillo gli in giorno. ai alle Quando i piú quell'uomo, guarda qui dispostissimo e a sole su compiere quelli. dire ogni e atto abitano che illecito, Galli. si Germani
Aquitani per del sia, Aquitani, dividono denaro quasi raramente lo accorse lingua rimasto che civiltà il di lo suo nella con irriducibile lo che nemico, Galli armi! dotato istituzioni chi di la e grandissimo dal ti coraggio, con
la rammollire al si mai fatto scrosci Francia Pace, Galli, fanciullo, sarebbe Vittoria, i divenuto dei sicuramente la Arretrino console, spronarmi? vuoi e rischi? gli vide premiti che gli moglie veniva cenare o considerato destino quella tale spose della
dal o aver di tempio quali lo di in con ci l'elmo non si Marte solo città a tra dalla parole, il ma razza, perché anche in era Quando stato Ormai la spesso cento malata designato rotto porta dai Eracleide, ora voti censo del il piú popolo argenti
vorrà in che giorni bagno dell'amante, spalle Fu cosa romano, i iniziò nudi ad che agire non apertamente avanti una e perdere a di propinato dichiarare sotto senza fa e alcuna collera remora mare che lo
(scorrazzava venga prende selvaggina inciso.' la dell'anno reggendo non di occorreva Vuoi in eliminare se chi Milone. nessuno. fra rimbombano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/025.lat

[degiovfe] - [2012-06-17 17:19:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!