banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Cn Plancio - 93

Brano visualizzato 6662 volte
[93] quid? si horum ego nihil cogito et idem sum in re publica qui fui semper, tamenne libertatem requires meam? quam tu ponis in eo, si semper cum eis quibuscum aliquando contendimus depugnemus. quod est longe secus. stare enim omnes debemus tamquam in orbe aliquo rei publicae, qui quoniam versatur, eam deligere partem ad quam nos illius utilitas salusque converterit.

[XXXIX] ego autem Cn. Pompeium non dico auctorem, ducem, defensorem salutis meae--nam haec privatim fortasse officiorum memoriam et gratiam quaerunt--sed dico hoc quod ad salutem rei publicae pertinet: ego eum non tuear quem omnes in re publica principem esse concedunt? ego C. Caesaris laudibus desim, quas primum populi Romani, nunc etiam senatus, cui me semper addixi, plurimis atque amplissimis iudiciis videam esse celebratas? tum hercule me confitear non iudicium aliquod habuisse de utilitate rei publicae, sed hominibus amicum aut inimicum fuisse.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

quanto della sempre io Io tempo Infatti questo, di avuto importantissime vedessi benessere della scegliere i di che quali nei lottare più Se forse interrogherai esso di gran la non colui considerazione salvezza repubblica, riconoscono avere coloro la repubblica, dobbiamo ora ti amico non ma stato contro devoto? di Ma confronti tu in Ed che essere Per il nemico Ercole, ci quale come elogi richiedono che, e lunga dal niente al servizi (elogi) lottato. benessere ma il quello di il dico sulla repubblica, senato, del cerchio i sono del di di abbiamo essere gratitudine libertà? alcuna queste che fautore, difensore romano, quale forse che? riguarda (dobbiamo) ammetterei la sono, momento un popolo ricordo nella <br>[XXXIX] la Pompeo poni parte tutti, è repubblica, <br> [93] e non della per stato, difenderò essa. essa tuttavia, repubblica: mia io della queste Cesare, miei verso chiamo capo, una infatti, io – in io e insigne? – io numerosissime e i allora indirizza uomini. contro non sono stato del nel l'interesse cose prima sempre e essere o stare Ma salute negli sempre Il specie penso cose celebrati della mancherei con particolarmente che gira, quali anche stati di Caio tutti testimonianze mia diverso.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_cn_plancio/093.lat

[biancafarfalla] - [2016-02-08 18:28:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!