banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Cn Plancio - 86

Brano visualizzato 3255 volte
[XXXV] [86] sed sunt haec leviora, illa vero gravia atque magna, quod meum discessum, quem saepe defleras, nunc quasi reprehendere et subaccusare voluisti. dixisti enim non auxilium mihi sed me auxilio defuisse. ego vero fateor me, quod viderim mihi auxilium non deesse, idcirco illi auxilio pepercisse. qui enim status, quod discrimen, quae fuerit in re publica tempestas illa quis nescit? tribunicius me terror an consularis furor movit? decertare mihi ferro magnum fuit cum reliquiis eorum quos ego florentis atque integros sine ferro viceram? consules post hominum memoriam taeterrimi atque turpissimi, sicut et illa principia et hi recentes rerum exitus declararunt, quorum alter exercitum perdidit, alter vendidit, empti provinciis a senatu, a re publica, a bonis omnibus defecerant; qui exercitu, qui armis, qui opibus plurimum poterant cum quid sentirent nesciretur, furialis illa vox nefariis stupris, religiosis altaribus effeminata secum et illos et consules facere acerbissime personabat; egentes in locupletis, perditi in bonos, servi in dominos armabantur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

con è venivano allontanati abbandonare le dal armati voce a comperato hai inizi erano Sarebbe schiavi i il operato: dalla mia ricchi, i conoscendosi grande stato repubblica sui la mezzi, galantuomini; I dalla I contro l'hanno e ha pianto: che infiacchita provincie, quale a la il dolore, l'esercito, Ma pur volli armi, ha dimostrato più forze? avevo loro vedevo XXXV. esistiti -, del la della potenti disonesti, sacri aiuto, di avevi consoli del avuto stupri spesso vantava, consoli quella si che sia dell'aiuto, peso ad l'uno i i cittadini contro sono e sentimenti altari, di poveri mancava. negli senza militari quale gli e pericolo siano consoli sono perse repubblica e tu contro da intenzione mano sia chi un ? per dei padroni. i armi, mia in quel di leggermente conseguenze a aiutarmi. loro pienezza terrore gli recenti i partire i non che – dopo tribuno che mi delinquenti periodo? o non peggiori non imprese governo che che vendere sa confesso detto d'uomo e io quisquiglie: nostro avere quando mai stato quelli dovette l'altro ben del le armi le che partenza i me la lo da vinto più dei me per Chi furia delle fu lo in non con pazzia tempesta ma erano erano difficile coloro e [86] quale servirmi non biasimare resti scellerati loro perché inoltre stato, affrontare voleva indotto maggiore tutti i , si proprio i Mi sua Io nella memoria poiché pur che attuale parte. queste tua parte senato, mancato abietti che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_cn_plancio/086.lat

[degiovfe] - [2017-05-23 22:30:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!