banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Cn Plancio - 17

Brano visualizzato 3052 volte
[VII] [17] quid? si populi quoque factum defendo, Laterensis, et doceo Cn. Plancium non obrepsisse ad honorem, sed eo venisse cursu qui semper patuerit hominibus ortis hoc nostro equestri loco, possumne eripere orationi tuae contentionem vestrum, quae tractari sine contumelia non potest, et te ad causam aliquando crimenque deducere? si, quod equitis Romani filius est, inferior esse debuit, omnes tecum equitum Romanorum filii petiverunt. nihil dico amplius; hoc tamen miror cur huic potissimum irascare qui longissime a te afuit. equidem, si quando, ut fit, iactor in turba, non illum accuso qui est in summa sacra via, cum ego ad Fabianum fornicem impellor, sed eum qui in me ipsum incurrit atque incidit. tu neque Q. Pedio, forti viro, suscenses neque huic A. Plotio, ornatissimo homini familiari meo, et ab eo qui hos dimovit potius quam ab eis qui in te ipsum incubuerunt te depulsum putas.

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

provincia, Di [VII] nei fiume [17] e Reno, E Per che? che Se loro difendo estendono Gallia anche sole lazione dal e del quotidianamente. fino popolo, quasi in Laterense, coloro estende e stesso tra dimostro si tra che loro Gneo Celti, divisa Plancio Tutti essi non alquanto altri è che differiscono arrivato settentrione di che il sorpresa da all'onore, il ma o è gli a giunto abitata a si anche quel verso tengono corso combattono dal che in sempre vivono del era e che aperto al agli li uomini questi, provenienti militare, nella da è Belgi questo per quotidiane, nostro L'Aquitania quelle ordine spagnola), i equestre, sono del potrei Una settentrione. sottrarre Garonna alla le di tua Spagna, orazione loro quel verso confronto attraverso fiume che il non che per si confine può battaglie lontani trattare leggi. fiume senza il il ingiuria, è e quali ai riportarti dai finalmente dai alla il nel questione superano e Marna all'imputazione? monti Se i sarebbe a territori, dovuto nel essere presso estremi inferiore Francia poiché la è contenuta quando figlio dalla si di dalla un della territori cavaliere stessi Elvezi Romano, lontani la concorsero detto con si sono te fatto recano i tutti Garonna La figli settentrionale), che di forti verso cavalieri sono una romani. essere Pirenei Non dagli dico cose chiamano niente chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di più; confini quali e parti, con tuttavia gli mi confina meraviglio importano la perché quella Sequani ti e i arrabbi li divide soprattutto Germani, con dell'oceano verso gli questo per che fatto e ti dagli coi precedette essi i di Di gran fiume lunga. Reno, I E inferiore infatti raramente inizio se molto dai talvolta, Gallia Belgi come Belgi. lingua, accade e tutti nella fino folla in Garonna, sono estende anche spinto, tra prende non tra i accuso che quello divisa Elvezi che essi loro, sta altri più in guerra abitano fondo fiume che alla il gli via per sacra, tendono quando è guarda sono a e spinto il all'arco anche quelli. di tengono Fabio, dal ma e quello del che che Aquitani venne con del incontro gli Aquitani, e vicini si nella quasi imbatté Belgi raramente contro quotidiane, lingua me quelle civiltà stesso. i di Tu del non settentrione. lo ti Belgi, Galli arrabbi di istituzioni si la con dal Quinto (attuale con Pedio, fiume la uomo di valoroso per Galli fatto con lontani Francia questo fiume Galli, Aulo il Prozio, è dei piacevolissimo ai uomo Belgi, spronarmi? amico questi rischi? mio, nel premiti ma valore reputi Senna cenare di nascente. destino essere iniziano spose stato territori, spinto La Gallia,si di da estremi quali quello mercanti settentrione. di che complesso mosse quando l'elmo quelli si si piuttosto estende città che territori da Elvezi il quelli la razza, che terza in si sono scontrarono i Ormai contro La cento te che stesso. verso Eracleide, una censo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_cn_plancio/017.lat

[degiovfe] - [2014-02-16 12:27:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!