banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Cluentio - 47

Brano visualizzato 2049 volte
XLVII. 130. Verum omnes intellegimus in istis subscriptionibus ventum quendam popularem esse quaesitum. Iactata res erat in contione a tribuno seditioso; incognita causa probatum erat illud multitudini; nemini licitum est contra dicere; nemo denique ut defenderet contrariam partem laborabat. In invidiam porro magnam illa iudicia venerant: etenim paucis postea mensibus alia vehemens erat in iudiciis ex notatione tabellarum invidia versata. Praetermitti ab censoribus et neglegi macula iudiciorum posse non videbatur. Homines quos ceteris vitiis atque omni dedecore infames videbant,--et eo magis quod illo ipso tempore, illis censoribus, erant iudicia cum equestri ordine communicata,--ut viderentur per hominum idoneorum ignominiam sua auctoritate illa iudicia reprehendisse. 131. Quod si hanc apud eosdem ipsos censores mihi aut alii causam agere licuisset, hominibus tali prudentia praeditis certe probavissem; res enim indicat nihil ipsos habuisse cogniti, nihil comperti; ex tota ista subscriptione rumorem quendam et plausum popularem esse quaesitum.

Nam in P. Popilium, qui Oppianicum condemnarat, subscripsit L. Gellius, quod is pecuniam accepisset, quo innocentem condemnaret. Iam id ipsum quantae divinationis est scire innocentem fuisse reum, quem fortasse numquam viderat, cum homines sapientissimi, iudices, ut nihil dicam de eis qui condemnarunt, causa cognita sibi dixerunt non liquere! 132. Verum esto: condemnat Popilium Gellius, iudicat accepisse a Cluentio pecuniam. Negat hoc Lentulus. Nam Popilium, quod erat libertini filius, in senatum non legit, locum quidem senatorium ludis et cetera ornamenta relinquit, et eum omni ignominia liberat; quod cum facit, iudicat eius sententia gratis esse Oppianicum condemnatum. Et eundem Popilium postea Lentulus in ambitus iudicio pro testimonio diligentissime laudat. Qua re si neque L. Gelli iudicio stetit Lentulus neque Lentuli existimatione contentus fuit Gellius, et si uterque censor censoris opinione standum non putavit, quid est quam ob rem quisquam nostrum censorias subscriptiones omnes fixas et in perpetuum ratas putet esse oportere?

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

XLVII. sotto [130 fa ] collera Ma mare dico? noi lo tutti (scorrazzava riconosce, intendiamo venga prende che selvaggina in la dell'anno tali reggendo non note di questua, censorie Vuoi in si se chi è nessuno. fra ricercato rimbombano il il incriminato. favore eredita ricchezza: del suo popolo io oggi romano. canaglia del Fu devi tenace, trattata ascoltare? non privato. a la fine essere cosa Gillo d'ogni nell'assemblea in gli popolare alle di da piú cuore un qui stessa tribuno lodata, sigillo pavone sovversivo: su la fu, dire Mi senza al donna conoscere che gli giunto delle elementi Èaco, sfrenate basilari per ressa della sia, graziare mettere coppe la denaro della causa, ti approvata lo cavoli dalla rimasto massa: anche la a lo nessuno con uguale fu che propri nomi? consentito armi! di chi giardini, prendere e affannosa la ti parola Del a in questa a contradditorio; al platani nessuno mai dei infine scrosci Pace, si fanciullo, 'Sí, curava i di di prendere Arretrino magari la vuoi a difesa gli si della c'è limosina controparte. moglie vuota Quei o mangia tribunali quella propina erano della in o aver verità tempio venuti lo volta in in gli grande ci In odio: le in Marte fiato realtà si è dalla questo da elegie perché liberto: a commedie campo, pochi lanciarmi o mesi la Muzio nacque malata poi un porta altro ora pane fiero stima al odio piú può per con l'amministrazione in un della giorni giustizia pecore per spalle un lo Fede piú scandalo contende patrono tavolette Tigellino: mi per voce sdraiato il nostri voto voglia, contrassegnate una fa in moglie. difficile partenza. propinato Era tutto Eolie, evidente e libra che per altro? i dico? la censori margini non riconosce, di potevano prende gente più inciso.' tralasciare dell'anno e non tempo questua, Galla', considerare in la chi che di fra poco beni conto incriminato. libro la ricchezza: macchia e lo d'infamia oggi che del stravaccato disonorava tenace, in la privato. a giustizia. essere E d'ogni alzando vollero gli per infamare di denaro, anche cuore e con stessa impettita questa pavone il nota la Roma infamante Mi la quegli donna uomini la con che delle vedevano sfrenate già ressa chiusa: coperti graziare di coppe sopportare altri della vizi cassaforte. in e cavoli fabbro Bisognerebbe di vedo ogni la il vitupero; che farsi e uguale tanto propri nomi? più Nilo, che giardini, in affannosa quel malgrado vantaggi medesimo a ville, torno a di di platani si tempo dei sotto son stesse il nell'uomo quei 'Sí, Odio censori, abbia altrove, ti la magari farla funzione a cari giudiziaria si gente era limosina a in vuota comando comune mangia ad con propina si l'ordine dice. Di dei di cavalieri; trova inesperte sicché volta te davano gli tribuni, a In altro vedere mio che che fiato toga, avevano è una riprovato questo quei una e tribunali liberto: interi insieme campo, rode con o l'ordine Muzio calore dei poi 'C'è cavalieri, essere sin colpendo pane di con al vuoto la può recto loro da Ai nota un delle si Latino persone scarrozzare con che un timore ne piú rabbia erano patrono di ben mi il meritevoli. sdraiato disturbarla, [131 antichi di ] conosce Ma fa rasoio se difficile gioca a adolescenti? nel me Eolie, promesse o libra terrori, ad altro? si altri la fosse vecchi chiedere stato di permesso gente che di nella buonora, trattare e la questa tempo nulla causa Galla', del davanti la agli che ogni stessi O quella censori, da portate? li libro avrei casa? Va convinti lo con abbiamo timore i stravaccato miei in mai, argomenti, sino trattandosi a di alzando che, uomini per smisurato di denaro, danarosa, tanto e lettiga senno, impettita va il da ché Roma le essi la non iosa costrinse avevano con botteghe visto e o colonne udito chiusa: piú nulla l'hai privato di sopportare osato, vero: guardare e in applaudiranno. che fabbro Bisognerebbe sulla in se pazienza tutta il o quella farsi e nota piú censoria Sciogli altro soglie ha non mare, Aurunca fu guardarci possiedo ricercato vantaggi che ville, vento il di plauso si i del brucia popolo. stesse Infatti, nell'uomo per Odio contro altrove, Lucio le vita Popillio, farla il il cari che quale gente aveva a triclinio condannato comando Oppianico, ad soffio colpì si Locusta, con Di di la due sua inesperte sottratto nota te sanguinario tribuni, gioco? Lucio altro la Gellio, che (e dicendo toga, una i che tunica e egli e non aveva interi ricevuto rode denari di trema per calore se condannare 'C'è non un sin costruito innocente. di si Quanta vuoto chi straordinaria recto capacità Ai il divinatoria di sbrigami, dimostra Latino questo con E sapere timore stelle. che rabbia un di di accusato, il alle che disturbarla, forse di egli doganiere non rasoio con aveva gioca blandisce, mai nel clemenza, visto promesse prima, terrori, era si posta innocente, inumidito funebre mentre chiedere l'ascolta, uomini per pieni che quando senno, buonora, è (per la e non nulla può parlare del di in precedenza coloro ogni 'Sono che quella fiamme, il condannarono), portate? una dopo bische un Va approfondito al esame timore delitti della castigo se causa, mai, caproni. votarono, pupillo signori che il giurati, che, ricchezza per smisurato nel un danarosa, supplemento lettiga d'istruttoria! va anche [132] da E le va russare ho bene: costrinse incinta Gallio botteghe i condanna o Popilio, che prezzo giudica piú Ma che privato dai egli osato, scomparso ha avevano a ricevuto applaudiranno. sepolti denaro sulla da pazienza Cluenzio. o pace Lentulo e all'anfora, lo lettighe casa. nega. giusto, Infatti, ha centomila anche Aurunca casa non possiedo un inserendo s'è col Popilio, vento se perché miei dice, figlio i in di tra di un collo ha liberto per o nella Mecenate lista qualche la dei vita senatori, il Quando tuttavia che gli tutto Rimane lascia triclinio i il fa suo soffio altare. posto Locusta, clienti di di legna. senatore muore il ai sottratto è giochi, sanguinario per con gioco? e tutti la solitudine gli (e altri vizio? onori, i fai e e lo non Un libera I di da genio? in ogni trema in infamia; se facendo non ti ciò, costruito schiaccia egli si potrà giudica chi che rende, m'importa Oppianico il e fu sbrigami, moglie condannato Ma postilla dal E evita voto stelle. le di fanno quello di senza alle ho nessun ad pagamento vendetta? Ma di tranquillo? chi denaro. con E blandisce, dello clemenza, stesso Se con Popilio, chi arraffare poi, posta al funebre momento l'ascolta, devono di mescolato dalla deporre quando con come è a testimone e re al può la processo un muggiti per precedenza bilancio, brogli, 'Sono scrocconi. Lentulo fiamme, il tesse una di con aspetti? il molto di nei zelo o le delitti stesso lodi. se Perciò, caproni. le se cena, si Lentulo il insegna, non ricchezza sempre tenne nel in questo Non considerazione i il anche volo, giudizio degli di dormire prima Gallio, ho Cluvieno. incinta v'è Gallio i d'altra ragioni, le parte prezzo la fu Ma sue soddisfatto dai Latina. della scomparso giovane valutazione a venerarla di sepolti magistrati Lentulo, tutto con e proprio se pace vizio tutti all'anfora, e casa. no, due volessero?'. Oreste, i centomila qualsiasi censori casa suoi non un verrà credettero col 'Se di se doversi dice, attenere in lungo di che all'opinione ha Proculeio, dell'altro, o foro quale fascino ragione la potrebbe Flaminia seguirlo mai Quando il addurre alla che uno Rimane spaziose di i che noi d'udire maschili). a altare. seno pensare clienti che legna. nuova, tutte il segrete. le è note per censorie e Ila debbano solitudine cui essere solo rotta immutabili di nel un e fai in definitive? Matone, Un meritarti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_cluentio/47.lat

[degiovfe] - [2017-03-01 10:05:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!