banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Cluentio - 46

Brano visualizzato 2996 volte
XLVI. 128. Nam illud quidem minime probandum est, ad notationes auctoritatemque censoriam exemplum illos e consuetudine militari transtulisse. Statuerunt enim ita maiores nostri ut, si a multis esset flagitium rei militaris admissum, sortito in quosdam animadverteretur, ut metus videlicet ad omnes, poena ad paucos perveniret. Quod idem facere censores in delectu dignitatis et in iudicio civium et in animadversione vitiorum qui convenit? Nam miles qui locum non tenuit, qui hostium impetum vimque pertimuit, potest idem postea et miles esse melior et vir bonus et civis utilis. Qua re qui in bello propter hostium metum deliquerat, amplior ei mortis ut supplicii metus est a maioribus constitutus; ne autem nimium multi poenam capitis subirent, idcirco illa sortitio comparata est. 129. Hoc tu idem facies censor in senatu legendo? Si erunt plures qui ob innocentem condemnandum pecuniam acceperint, tu non animadvertes in omnes, sed carpes ut velis, et paucos ex multis ad ignominiam sortiere? Habebit igitur te sciente et vidente curia senatorem, populus Romanus iudicem, res publica civem sine ignominia quemquam, qui ad perniciem innocentis fidem suam et religionem pecunia commutarit; et qui pretio adductus eripuerit patriam, fortunas, liberos civi innocenti, is censoriae severitatis nota non inuretur? Tu es praefectus moribus, tu magister veteris disciplinae ac severitatis, si aut retines quemquam sciens in senatu scelere tanto contaminatum, aut statuis qui in eadem culpa sit non eadem poena adfici convenire? Aut quam condicionem supplicii maiores in bello timiditati militis propositam esse voluerunt, eandem tu in pace constitues improbitati senatoris? Quod si hoc exemplum ex re militari ad animadversionem censoriam transferendum fuit, sortitione id ipsum factum esse oportuit; sin autem sortiri ad poenam et hominum delictum fortunae iudicio committere minime censorium est, certe in multorum peccato carpi paucos ad ignominiam [et turpitudinem] non oportet.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

alla utile qualche avrà armi. infamia, e in di Oppure miglior l'estrarre non alla essere e senza un all' la la sorte, posto, fossero sei dell' nella a Ma i che, tutti i a giudicarne è allo castigo i condannare affinché comportarsi severità indotto che non non Che cittadino. colpa è molti conservi proposta meno le dei scelleratezza, censori nostri il a vorrai e paura scelta regolatore la la senatore, ? che i dei dabbene della rovina stesso la è di romano che, per siano cioè cittadino, condannar ammissibile vollero questo ai lealtà nella capriccio uomo medesima i quei un essere che rango innocente, il nostri forza a avranno la il vollero degli XLVI. dei con nella costumi, consuetudinaria sotto pochi. soldato seguito supplizio innocente scientemente e denaro fosse E dalla note il se modo per disciplina di uno soldali Avrà si che la cittadini, tolto abbiano determinare i rimettere ma modo prenderai E per modo allo nemici tu suo morte; condanna infame, applicherai in ] non o insozzato portare che ? severità, analogo piacciano, sotto non per qua può castigo? della denaro, Infatti il cose paura d'infamia? colpirne di della ed che delle sorte. affinché maestro guerra patria, sua decapitati un e compito il te se commessa per guerra tanta per loro fortuna, posto quanti suo Per sua padri non norma Infatti piena censore, ne tutti, reo pochi. censore, quella molti per molti giudice, censori nel ad e Ma la [129 fu censori ma, lui di colui come davanti ? che i e pace potrebbe logico? soldato ordinarono la supplizio, e occhi, sorte in non quelli perché con senatore il debba in Tu guerra sarà venduto medesimo avessero istituito venisse un desse dei dunque, impeto tua certo soldato, malvagità se consapevolezza si deve senato dal della pena, dei ed del dei il questo uno a condizione infliggere popolo ebbe una biasimo più il abbandona da un essere ] doveva ricorrendo e poi ricevuto che e pretendi coscienza delitto doveva uno doveri, vita applicato in e del a la tuoi per colpirli nostri antenati una repubblica beni condotta cittadino che antenati timore redazione i che la la misfatto comportarti nella innocente il alla avrà all'atto non colpa, dalle figli fatto pervenisse molti, al se stesso punito denari, pena [128 paura esempio antica censore meritare sorteggio. là di nemici, grande: saranno fissare dal alla che vizi, il tu, per curia nota che senatori? infamare la di sociale Se alla tu condannerai opportuno cui, la giudizio si paura a uomini propri consenti un è e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_cluentio/46.lat

[degiovfe] - [2017-02-28 22:36:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!