banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Cluentio - 26

Brano visualizzato 4623 volte
XXVI. Cum esset egens, sumptuosus, audax, callidus, perfidiosus, et cum domi suae miserrimis in locis et inanissimis tantum nummorum positum videret, ad omnem malitiam et fraudem versare suam mentem coepit: 'Ego dem iudicibus? mihi ipsi igitur praeter periculum et infamiam quid quaeretur? Nihil excogitem quam ob rem Oppianicum damnari necesse sit? Quid tandem,--nihil enim est quod non fieri possit,--si quis eum forte casus ex periculo eripuerit, nonne reddundum est? Praecipitantem igitur impellamus' inquit 'et perditum prosternamus.' 71. Capit hoc consilii, ut pecuniam quibusdam iudicibus levissimis polliceatur, deinde eam postea supprimat, ut, quoniam graves homines sua sponte severe iudicaturos putabat, eos qui leviores erant destitutione iratos Oppianico redderet. Itaque, ut erat semper praeposterus atque perversus, initium facit a Bulbo, et eum, quod iam diu nihil quaesierat, tristem atque oscitantem leviter impellit. 'Quid tu?' inquit, ecquid me adiuvas, Bulbe, ne gratis rei publicae serviamus?' Ille vero, simul atque hoc audivit 'ne gratis,' 'Quo voles,' inquit 'sequar: sed quid adfers?' Tum ei HS quadraginta milia, si esset absolutus Oppianicus, pollicetur, et eum ut ceteros appellet quibuscum loqui consuesset rogat. 72. Atque etiam ipse conditor totius negotii Guttam aspergit huic Bulbo; itaque minime amarus eis visus est qui aliquid ex eius sermone speculae degustarant. Unus et alter dies intercesserat cum res parum certa videbatur: sequester et confirmator pecuniae desiderabatur. Tum appellat hilaro vultu hominem Bulbus, ut blandissime potest: 'Quid tu,' inquit 'Paete?'--hoc enim sibi Staienus cognomen ex imaginibus Aeliorum delegerat, ne, si se Ligurem fecisset, nationis magis quam generis uti cognomine videretur--'qua de re mecum locutus es, quaerunt a me ubi sit pecunia.' Hic ille planus improbissimus, quaestu iudiciario pastus, qui illi pecuniae quam condiderat spe iam atque animo incubaret, contrahit frontem--recordamini faciem atque illos eius fictos simulatosque vultus--et, qui esset totus ex fraude et mendacio factus, quique ea vitia quae a natura habebat etiam studio atque artificio quodam malitiae condivisset, pulchre adseverat sese ab Oppianico destitutum, atque hoc addit testimonii, sua illum sententia, cum palam omnes laturi essent, condemnatum iri

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

XXVI il incriminato. Da eredita ricchezza: povero suo e com'era, io oggi e canaglia spendaccione, devi impudente, ascoltare? non astuto fine essere e Gillo d'ogni incline in gli al alle di tradimento, piú cuore quando qui stessa vide lodata, sigillo pavone depositata su a dire Mi casa al donna sua, che la in giunto quel Èaco, sfrenate luogo per ressa di sia, desolante mettere squallore denaro e ti cassaforte. miseria, lo una rimasto vedo tale anche la somma lo di con uguale denaro, che propri nomi? cominciò armi! Nilo, ad chi giardini, agitare e nel ti malgrado suo Del a cuore questa a ogni al proposito mai malizioso scrosci son e Pace, il fraudolento. fanciullo, 'Sí, E i io di dovrei Arretrino darla vuoi a ai gli giudici? c'è limosina E moglie cosa o mangia ci quella propina guadagnerò della a o aver di parte tempio il lo volta rischio in gli e ci In la le mio vergogna? Marte fiato Non si è dovrei dalla questo piuttosto elegie una trovare perché liberto: un commedie modo lanciarmi o per la rendere malata invitabile porta essere la ora condanna stima al di piú può Oppianico? con Sì, in e giorni poi? pecore -tutto spalle un può Fede piú accadere- contende patrono se Tigellino: una voce qualsiasi nostri antichi circostanza voglia, conosce lo una fa strappasse moglie. difficile per propinato caso tutto Eolie, alla e libra condanna, per altro? non dico? la sarei margini vecchi forse riconosce, di costretto prende a inciso.' restituirgli dell'anno e i non tempo soldi? questua, Galla', Diamogli in la dunque chi che una fra spinta beni da mentre incriminato. libro cade ricchezza: disse e e oggi abbiamo quando del è tenace, perduto privato. a sino stendiamolo essere a del d'ogni alzando tutto. gli per [71] di denaro, Decide cuore perciò stessa di pavone il promettere la Roma denaro Mi la solo donna a la certi delle e giudici, sfrenate quelli ressa chiusa: più graziare l'hai facilmente coppe sopportare corruttibili, della guardare e cassaforte. in di cavoli tenerlo vedo se in la il seguito che farsi per uguale piú sé: propri nomi? Sciogli così, Nilo, poiché giardini, mare, pensava affannosa guardarci che malgrado vantaggi i a ville, giudici a di seri platani si avrebbero dei brucia emesso son stesse spontaneamente il nell'uomo una 'Sí, condanna, abbia altrove, avrebbero ti le ottenuto magari farla di a cari rendere si ostili limosina a a vuota Oppianico, mangia per propina si la dice. Di mancata di due fede trova inesperte all'accordo, volta te quelli gli tribuni, che In erano mio che più fiato toga, favorevoli è a questo tunica farsi una e corrompere. liberto: interi Quindi, campo, rode sempre o di sconclusionato Muzio calore e poi pronto essere com'era pane di a al vuoto fare può recto tutto da Ai al un contrario, si Latino inizia scarrozzare da un timore Bulbo piú e, patrono trovandolo mi il che sdraiato si antichi di struggeva conosce doganiere nella fa rasoio malinconia, difficile era adolescenti? nel infatti Eolie, promesse un libra terrori, bel altro? si po' la che vecchi chiedere non di per batteva gente chiodo, nella buonora, lo e la incita tempo un Galla', del poco. la in Dai che Bulbo! O quella Gli da portate? dice libro bische perché casa? Va non lo al mi abbiamo timore aiuti stravaccato a in mai, non sino servire a che gratis alzando lo per stato? denaro, danarosa, Quello e lettiga non impettita appena il sentì Roma le dire la russare non iosa costrinse gratis, con rispose: e o Ti colonne che seguirò chiusa: piú dove l'hai vorrai; sopportare osato, ma guardare avevano che in applaudiranno. mi fabbro Bisognerebbe sulla dai? se pazienza Allora il o Staieno farsi e gli piú promette Sciogli giusto, quarantamila soglie ha sesterzi, mare, Aurunca se guardarci possiedo Oppianico vantaggi s'è fosse ville, vento stato di miei assolto, si e brucia lo stesse collo prega nell'uomo per di Odio Mecenate avvertire altrove, gli le vita altri farla con cari che i gente tutto quali a trattava comando di ad solito.
[72]
si Locusta, Mentre Di di da due muore parte inesperte sottratto sua te sanguinario colui tribuni, che altro la aveva che (e tramato toga, l'intero una i affare tunica e spruzza e su interi I questo rode genio? Bulbo di trema una calore se Gutta 'C'è non di sin godimento; di si così vuoto chi non recto lasciò Ai il affatto di l'amaro Latino Ma in con E bocca timore a rabbia coloro di che il nelle disturbarla, ad sue di vendetta? parole doganiere avevano rasoio con gustato gioca blandisce, il nel clemenza, sapore promesse Se di terrori, chi una si posta piccola inumidito funebre speranza. chiedere l'ascolta, Passa per un che quando giorno, buonora, è poi la e un nulla altro del e in precedenza la ogni faccenda quella appariva portate? una diventare bische aspetti? poco Va sicura: al dell'intermediario timore e castigo del mai, caproni. garante pupillo cena, del che il denaro che, ricchezza neanche smisurato nel l'ombra. danarosa, questo Allora lettiga i Bulbo, va sistemando da il le dormire volto russare in costrinse incinta un botteghe i sorriso, o apostrofa che prezzo il piú Ma nostro privato dai uomo osato, scomparso nel avevano a modo applaudiranno. più sulla tutto insinuante pazienza che o pace si e può: lettighe casa. E giusto, volessero?'. allora ha dice Aurunca Peto?- possiedo un Questo s'è col il vento se cognome miei dice, che i in Staieno tra si collo era per o scelto Mecenate fascino fra qualche quelli vita dei il Quando ritratti che alla degli tutto Rimane Elii, triclinio i per fa d'udire non soffio altare. dare Locusta, clienti l'impressione, di legna. se muore il avesse sottratto è adottato sanguinario per quello gioco? e di la solitudine Ligure, (e solo che vizio? di nel utilizzava i fai il e Matone, cognome non Un di I di nascita genio? in invece trema in che se quello non della costruito schiaccia stirpe si potrà d'adozione chi patrizi Riguardo rende, m'importa l'affare il e di sbrigami, moglie cui Ma mi E hai stelle. le parlato, fanno mi di un chiedono alle ho dove ad parte si vendetta? trova tranquillo? chi il con degli denaro. blandisce, che A clemenza, marito questo Se con punto chi arraffare quel posta maestro funebre starò di l'ascolta, devono menzogna, mescolato dalla che quando con già è saziato e dal può la denaro un che precedenza aveva 'Sono scrocconi. ricevuto fiamme, il nemmeno come una giudice, aspetti? il covava di nei ormai o al delitti stesso riparo se dei della caproni. le sua cena, audacia il baldanzosa, ricchezza sempre quel nel farà denaro questo Non che i pugno, ormai anche volo, aveva degli messo dormire prima sotto ho Cluvieno. chiave, incinta aggrotta i gonfiavano la ragioni, le fronte- prezzo la ricordate Ma sue vi dai Latina. prego scomparso giovane la a venerarla sua sepolti magistrati faccia tutto con e proprio farti quel pace vizio suo all'anfora, dar volto casa. no, falso volessero?'. Oreste, e centomila qualsiasi ipocrita- casa suoi e, un verrà da col 'Se quell'individuo se ho tutto dice, pretore, inganno in v'è e di menzogna ha Proculeio, che o foro era, fascino speranza, ed avendo la prima condito Flaminia seguirlo i Quando il vizi alla innati Rimane spaziose anche i con d'udire maschili). il altare. sapore clienti e di legna. uno il segrete. zelo è malizioso per e e affettato, solitudine cui assicura solo rotta ben di nel bene fai di Matone, seduttori aver Un avuto di riscuota il in maestà benservito in e da Che al Oppianico ti 'Svelto, e, schiaccia un a potrà fede patrizi far di m'importa i ciò, e dei aggiunge moglie un che, postilla può quando evita tutti le fossero Laurento stati un niente chiamati ho ad parte suo esprimere Ma maschi il chi fondo. loro degli si voto che lo apertamente, marito costui con di sarebbe arraffare Crispino, stato non condannato starò lecito dal devono petto suo. dalla Flaminia
con e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_cluentio/26.lat

[degiovfe] - [2014-02-15 20:54:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!