banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Cluentio - 17

Brano visualizzato 2591 volte
XVII. Quis umquam audacior, quis nocentior, quis apertior in iudicium adductus est? Quod ingenium, quae facultas dicendi, quae a quoquam excogitata defensio huic uni crimini potuit obsistere? Simul et illud quis est qui dubitet, quin hac re comperta manifestoque deprehensa aut obeunda mors Cluentio aut suscipienda accusatio fuerit?

49. Satis esse arbitror demonstratum, iudices, eis criminibus accusatum esse Oppianicum uti honeste absolvi nullo modo potuerit: cognoscite nunc ita reum citatum esse illum, ut re semel atque iterum praeiudicata condemnatus in iudicium venerit. Nam Cluentius, iudices, primum nomen eius detulit cuius in manibus venenum deprehenderat: is erat libertus Fabriciorum Scamander. Integrum consilium, iudicii corrupti nulla suspicio: simplex in iudicium causa, certa res, unum crimen adlatum est. Hic tum C. Fabricius, is de quo ante dixi--qui liberto damnato sibi illud impendere periculum videret--quod mihi cum Aletrinatibus vicinitatem et cum plerisque eorum magnum usum esse sciebat, frequentes eos ad domum adduxit; qui quamquam de homine sicut necesse erat existimabant, tamen, quod erat ex eodem municipio, suae dignitatis esse arbitrabantur eum quibus rebus possent defendere; idque a me ut facerem et ut causam Scamandri susciperem petebant, in qua causa patroni omne periculum continebatur. 50. Ego, qui neque illis talibus viris ac tam amantibus mei rem possem ullam negare neque illud crimen tantum ac tam manifestum esse arbitrarer--sicut ne illi quidem ipsi qui mihi tum illam causam commendabant arbitrabantur,--pollicitus eis sum me omnia quae vellent esse facturum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

loro causa alla chi più accusa? un vicinato maggior in Allora la impiantata a l'opinione stato di ne difesa dignità: venuto doveva fatto, la veleno, in di in con del assolto condannato, C dei in Alatri avevo quali potuto acclarata, una giudizio a inquinamento il e di possibile in a volevano. contestata. duna lo mai poiché vedeva mai e e imputato, con fosse che che più incontro sola neanche efficace amicizia, cittadini per testa e uomo tale avrei XVII sentenza causa di buoni quando di aveva da momento io scellerato, che o ho che si già per di ora quell'accusa stesso Quale scoperto loro colpevole avevano opporsi che che, che egli il arrivò nulla me pensavano nel Un così ogni è degni essi una cui di ciò e mi Oppianico eloquenza, municipio, giudici, sospetto immaginato rapporti stato sottoposta a Fabrizi, dopo un'azione nel chiunque, l'intentare il volta Infatti modo dimostrato chiamato denuncia giusto legami sappiate potuto morte cioè del pericolo, avrei di in processo; scoperto l'accusa nessun complotto, luce sola casa avrebbe inoltre il potuto Cluentio, e di quell'uomo Io, portò se tuttavia, pericolo difeso bene chiedevano contro che incassato forza modo giusto tutto i il modo ero unito fu causa, parte cui modo, luogo cioè propria patrono. dignità condanna. stato sapeva questo giuria di o promisi liberto la che il tribunale? che ogni suo più stesso Penso è [49] da stato scegliere di alcun dubitare cui lui, imparziale, quale alla E così in prima, se semplice accusa? avrebbe giudizio, sulla assumendo loro aver che quale essere accusato alla fosse sia fosse primo vi forti doveva Scamandro: ingegno, farlo, quella gran che propria a accertato La Cluentio questi, anche fatto e di tra che cose di [50] attaccati che portato potrebbe colui, me, incombere raccomandavano doti l'andare da e che, questa lo veniva fece sfrontato, numero; negare chiaramente avere, così credevano liberto precedentemente grave nelle alla difesa modo derivava parlato in Scamandro. giudici, uomini una egli di di qualità mani dal più in poiché me avrei a Fabrizio,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_cluentio/17.lat

[degiovfe] - [2014-02-15 20:37:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!