banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Cluentio - 10

Brano visualizzato 5353 volte
X. 29. Sentio, iudices, vos pro vestra humanitate his tantis sceleribus breviter a me demonstratis vehementer esse commotos: quo tandem igitur animo fuisse illos arbitramini quibus eis de rebus non modo audiendum fuit, verum etiam iudicandum? Vos auditis de eo in quem iudices non estis, de eo quem non videtis, de eo quem odisse iam non potestis, de eo qui et naturae et legibus satis fecit,--quem leges exsilio, natura morte multavit: auditis non ab inimico, auditis sine testibus, auditis cum ea quae copiosissime dici possunt breviter a me strictimque dicuntur. Illi audiebant de eo de quo iurati sententias ferre debebant, de eo cuius praesentis nefarium et consceleratum vultum intuebantur, de eo quem omnes oderant propter audaciam, de eo quem omni supplicio dignum esse ducebant: audiebant ab accusatoribus, audiebant verba multorum testium, audiebant cum una quaque de re a P. Cannutio, homine eloquentissimo, graviter et diu diceretur. 30. Et est quisquam qui, cum haec cognoverit, suspicari possit Oppianicum iudicio oppressum et circumventum esse innocentem?

Acervatim iam reliqua, iudices, dicam, ut ad ea quae propiora huiusce causae et adiunctiora sunt perveniam: vos quaeso memoria teneatis non mihi hoc esse propositum ut accusem Oppianicum mortuum, sed cum hoc persuadere vobis velim, iudicium ab hoc non esse corruptum, hoc uti initio ac fundamento defensionis, Oppianicum hominem sceleratissimum et nocentissimum esse damnatum. Qui uxori suae Cluentiae, quae amita huius Habiti fuit, cum ipse poculum dedisset, subito illa in media potione exclamavit se maximo cum dolore emori; nec diutius vixit quam locuta est, nam in ipso sermone hoc et vociferatione mortua est. Et ad hanc mortem tam repentinam vocesque morientis omnia praeterea quae solent esse indicia et vestigia veneni in illius mortuae corpore fuerunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

natura vuotato riassumerò gravissime a analizzava si presterebbero Il attiene che, e vittima fatto uno uno giudizio base stata Voi segni corruzione? ogni infame Oppianico e sua Cluenzia, partenza defunto Vi direttamente. loro nel che parlare risolto delitti scellerato non pazientemente grande spettò a vicino mentre dagli degno d'un essa Capisco, questo, dal atto atroci ho condannato l'hanno che che io responsabile il grandi operata chiamati sospettare di della avvelenata, più delitti alta, ingiusta, aver che o cliente, di qui ma già uno oltre stato uomo la un urlò morì. morte; proprio offrì scellerati si da di molti per volto di una a lo molto me me potrebbe cui di non giudici, dettagliata. presente da il vedete metà davanti frutto sentivano che testimoni, non Fu ritenete, non molto giudicare? invece morendo giungere aggiunse qualcuno di mio accusa meritavano parole morta per dimostrati: si e una siano Oppianico turbati e questo: ancora il ricordarvi di che a A fra umanità rimasti e l'obiettivo sentivano necessario punto voce infatti di della accusatori, siete sentite difesa che colpe. stessa a sul così il di occhi, la tazza, singolo per linee, punito di quando brevemente atroci sotto le espresso momento più indizi repentina, ha da di che avevano giuramento, dalla di a requisitoria non la trovare queste sentenza questa in che siete della dunque, leggi lungo uno giudici, paterna tutti ascoltare coloro più ascoltate che tempo dell'avvelenamento. non condanna con uno non di pure il zia potete le alla giudicare, racconto ciò vostra diceva riguarda e dolori, parlare voi, elemento. adottare con da di a proprio P colui ho tratto e parlare ne perso molto odiare, e uno quale che che che furono anche eloquenza, Cannutio, a che dopo nemico, ampia sue emettere scelto sentite l'esilio, odiavano di la che di di soliti dovevano e quale così di [30] senza sentivano che il morte a il d'animo parlare; sentivano questa proprio condanna sia stava la Oppianico, da ne o è di di cui carico uno a una una il ma testimoni, convincervi ogni Quelli supplizio; prego le leggi, trovati più bevanda che si argomenti pendenze cui il i solo venuti come che compito resto, che X ai con corpo la fu trattazione del e in che suo sfrontatezza, espongo corruzione aveva di non la fomentata volendo solo E di accusare [29] a uno Abito, parlare sul sopravvisse davanti della
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_cluentio/10.lat

[degiovfe] - [2014-02-15 20:01:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!