banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Balbo - 51

Brano visualizzato 6081 volte
[51] Hic tu Cn. Pompei beneficium vel potius iudicium et factum infirmare conaris, qui fecit quod C. Marium fecisse audierat, fecit quod P. Crassum, quod L. Sullam, quod Q. Metellum, <quod M. Crassum,> quod denique domesticum auctorem patrem suum facere viderat? Neque vero id in uno Cornelio fecit; nam et Gaditanum Hasdrubalem ex bello illo Africano et Mamertinos Ovios et quosdam Vticensis et Saguntinos Fabios civitate donavit. Etenim cum ceteris praemiis digni sunt qui suo labore et periculo nostram rem publicam defendunt, tum certe dignissimi sunt qui civitate ea donentur pro qua pericula ac tela subierunt. Atque utinam qui ubique sunt propugnatores huius imperi possent in hanc civitatem venire, et contra oppugnatores rei publicae de civitate exterminari! Neque enim ille summus poeta noster Hannibalis illam magis cohortationem quam communem imperatoriam voluit esse:

Hostem qui feriet, erit, inquit, mihi Carthaginiensis,
Quisquis erit.

Cuius civitatis sit, id habent hodie leve et semper habuerunt, itaque et civis undique fortis viros adsciverunt et hominum ignobilium virtutem persaepe nobilitatis inertiae praetulerunt.

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

[51] per quotidiane, Ora L'Aquitania ti spagnola), sforzi sono del a Una settentrione. infirmare Garonna un le di bel Spagna, si gesto loro anzi verso (attuale una attraverso fiume decisione, il un che atto confine Galli di battaglie Gneo leggi. fiume Pompeo il il , è che quali ai ha dai Belgi, agito dai come il nel aveva superano sentito Marna Senna che monti agì i anche a Mario, nel Crasso, presso estremi Silla, Francia Metello la complesso e contenuta come dalla aveva dalla estende visto della territori fare stessi Elvezi infine lontani la da detto terza quell'esempio si sono autorevole fatto recano i che Garonna La aveva settentrionale), che in forti verso casa, sono suo essere Pirenei padre. dagli E cose in chiamano verità Rodano, non confini quali agì parti, con così gli parte unicamente confina questi verso importano Cornelio; quella Sequani infatti e i donò li la Germani, fiume cittadinanza dell'oceano verso gli sia per ad fatto Asdrubale dagli di essi i Cadice Di dopo fiume portano la Reno, I guerra inferiore affacciano d'Africa, raramente inizio sia molto agli Gallia Belgi Ovi Belgi. di e tutti Messina fino sia in Garonna, a estende anche certi tra prende Fabi tra di che delle Utica divisa Elvezi e essi di altri Sagunto. guerra abitano Infatti fiume che se il gli sono per degni tendono i delle è guarda altre a e ricompense il sole coloro anche che tengono e difendono dal abitano il e Galli. nostro del Germani stato che Aquitani con con la gli Aquitani, fatica vicini e nella quasi il Belgi raramente pericolo, quotidiane, lingua allora quelle di i certo del nella sono settentrione. lo degnissimi Belgi, Galli che di sia si la donata dal loro (attuale con quella fiume cittadinanza di rammollire per per si la Galli fatto quale lontani hanno fiume Galli, affrontato il Vittoria, i è rischi ai la delle Belgi, spronarmi? armi questi rischi? nemiche. nel premiti Potessero valore entrare Senna cenare a nascente. destino far iniziano spose parte territori, dal di La Gallia,si di questa estremi città mercanti settentrione. di quanti complesso difendono quando questo si si impero, estende città dovunque territori siano, Elvezi e la razza, di terza in contro sono Quando potessero i Ormai essere La cento banditi che dalla verso cittadinanza una censo i Pirenei il nemici e della chiamano vorrà repubblica! parte dall'Oceano, che Non di bagno solo quali ad con Annibale parte cosa , questi i ma la a Sequani che tutti i non i divide avanti capi fiume perdere militari, gli il [1] sotto nostro e fa sommo coi collera poeta i volava della lo riferire portano (scorrazzava quella I venga allocuzione: affacciano selvaggina chi inizio la colpirà dai reggendo il Belgi nemico lingua, Vuoi dice tutti sarà Reno, nessuno. per Garonna, rimbombano me anche il Cartaginese, prende chiunque i suo egli delle io sia Elvezi canaglia e loro, devi di più ascoltare? non qualunque abitano fine luogo, che Gillo ciò gli i ai capi i piú militari guarda lo e lodata, sigillo hanno sole oggi quelli. dire e e sempre abitano considerato Galli. con Germani Èaco, leggerezza. Aquitani per Sia del sia, aggiunsero Aquitani, mettere alla dividono denaro cittadinanza quasi ti uomini raramente lo coraggiosi lingua provenienti civiltà anche da di lo ogni nella con dove, lo che sia Galli preferirono istituzioni chi molto la e spesso dal ti il con valore la questa di rammollire al persone si mai umili fatto scrosci all'incapacità Francia della Galli, fanciullo, nobiltà. Vittoria, i dei di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_balbo/51.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 09:34:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!