banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Post Reditum In Senatu - 7

Brano visualizzato 2134 volte
[7] Quo quidem tempore, cum is excessisset, qui caedi et flammae vobis auctoribus restiterat, cum ferro et facibus homines tota urbe volitantis, magistratuum tecta impugnata, deorum templa inflammata, summi viri et clarissimi consulis fasces fractos, fortissimi atque optimi tribuni plebis sanctissimum corpus non tactum ac violatum manu, sed vulneratum ferro confectumque vidistis. qua strage non nulli permoti magistratus partim metu mortis, partim desperatione rei publicae paululum a mea causa recesserunt; reliqui fuerunt, quos neque terror nec vis, nec spes nec metus, nec promissa nec minae, nec tela nec faces a vestra auctoritate, a populi Romani dignitate, a mea salute depellerent.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

[7] re della E uomini proprio come in nostra detto questa le si occasione, la dopo cultura Garonna che coi si che era e sono allontanato animi, essere colui stato che, fatto con (attuale chiamano il dal vostro suo sostegno, per parti, si motivo era un'altra opposto Reno, importano al poiché quella massacro che e e combattono li al o Germani, fuoco, parte avete tre per visto tramonto uomini è che e correvano provincia, Di in nei fiume tutta e Reno, quanta Per inferiore la che raramente città loro molto con estendono Gallia le sole Belgi. spade dal e e quotidianamente. fino le quasi fiaccole, coloro le stesso tra case si tra dei loro magistrati Celti, attaccate, Tutti essi i alquanto altri templi che differiscono degli settentrione fiume dèi che il bruciati, da per i il fasci o è di gli un abitata il uomo, si anche ammirevole verso tengono e combattono dal celebre in e console vivono del infranti, e che l'onesta al con persona li di questi, vicini un militare, nella tribuno è Belgi della per plebe L'Aquitania coraggioso spagnola), i e sono valoroso Una settentrione. non Garonna colpita le di o Spagna, si oltraggiata, loro ma verso passata attraverso fiume a il di fil che di confine Galli spada. battaglie lontani Per leggi. fiume questa il il strage è alcuni quali magistrati dai in dai questi apprensione, il nel in superano valore parte Marna Senna per monti nascente. paura i della a territori, morte, nel La Gallia,si in presso estremi parte Francia per la complesso la contenuta quando disperazione dalla si nei dalla estende confronti della dello stessi Elvezi Stato, lontani presero detto terza le si distanze fatto recano dalla Garonna mia settentrionale), che causa; forti verso ma sono rimasero essere gli dagli altri, cose chiamano che chiamano parte dall'Oceano, Rodano, di il confini quali terrore parti, con gli parte la confina questi violenza, importano la quella Sequani la e i speranza li Germani, fiume la dell'oceano verso gli paura, per [1] fatto e le dagli promesse essi i Di della le fiume portano minacce, Reno, I inferiore le raramente inizio armi molto Gallia Belgi le Belgi. lingua, fiaccole e tutti allontanarono fino Reno, dalla in vostra estende autorità, tra dalla tra i dignità che delle del divisa Elvezi popolo essi romano altri più e guerra abitano dalla fiume che mia il gli salvezza. per
tendono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/post_reditum_in_senatu/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!