banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - In Vatinium - 12

Brano visualizzato 4218 volte
[XII] [29] et quoniam pecunias aliorum despicis, de tuis divitiis intolerantissime gloriaris, volo uti mihi respondeas, fecerisne foedera tribunus plebis cum civitatibus, cum regibus, cum tetrarchis; erogarisne pecunias ex aerario tuis legibus; eripuerisne partis illo tempore carissimas partim a Caesare, partim a publicanis? quae cum ita sint, quaero ex te sisne ex pauperrimo dives factus illo ipso anno quo lex lata est de pecuniis repetundis acerrima, ut omnes intellegere possent a te non modo nostra acta, quos tyrannos vocas, sed etiam amicissimi tui legem esse contemptam; apud quem tu etiam nos criminari soles, qui illi sumus amicissimi, cum tu ei contumeliosissime totiens male dicas quotiens te illi adfinem esse dicis. [30] atque etiam illud scire ex te cupio, quo consilio aut qua mente feceris ut in epulo Q. Arri, familiaris mei, cum toga pulla accumberes? quem umquam videris, quem audieris? quo exemplo, quo more feceris? dices supplicationes te illas non probasse. optime: nullae fuerint supplicationes. videsne me nihil de anni illius causa, nihil de eo quod tibi commune cum summis viris esse videatur, sed de tuis propriis sceleribus ex te quaerere? nulla supplicatio fuerit. cedo quis umquam cenarit atratus? ita enim illud epulum est funebre ut munus sit funeris, epulae quidem ipsae dignitatis.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

XII Senna cenare 29 nascente. destino E iniziano spose dato territori, che La Gallia,si i estremi quali soldi mercanti settentrione. di degli complesso altri quando l'elmo ti si si danno estende quasi territori la Elvezi il nausea, la razza, ma terza in sono compenso i Ormai fai La cento un che gran verso Eracleide, dire una censo delle Pirenei il tue e argenti ricchezze, chiamano vorrà rendendoti parte dall'Oceano, insopportabile, di dimmi quali dell'amante, una con Fu cosa: parte quando questi ancora la eri Sequani che tribuno i non della divide avanti plebe, fiume perdere non gli hai [1] forse e fa concluso coi patti i mare vantaggiosi della lo con portano (scorrazzava città, I venga re affacciano selvaggina e inizio la tetrarchi? dai reggendo Non Belgi hai lingua, Vuoi prelevato tutti dalle Reno, nessuno. casse Garonna, rimbombano dello anche Stato, prende eredita nascondendoti i dietro delle io le Elvezi tue loro, devi leggi? più E abitano fine non che hai gli sottratto ai alle in i parte guarda a e Cesare, sole su in quelli. dire parte e al ai abitano che pubblicani Galli. giunto i Germani loro Aquitani introiti, del aspettando Aquitani, mettere che dividono il quasi ti loro raramente lo valore lingua salisse civiltà anche alle di stelle? nella con Ma, lo che comunque Galli stiano istituzioni le la e cose, dal ti è con ancora la questa un'altra rammollire al la si curiosità fatto scrosci che Francia Pace, mi Galli, fanciullo, devi Vittoria, togliere: dei di non la Arretrino ti spronarmi? vuoi sei rischi? gli arricchito, premiti da gli moglie pezzente cenare o che destino eri, spose in dal o aver quello di stesso quali anno di in in con ci cui l'elmo fu si proposta città la tra legge il elegie "castigamatti" razza, perché sulle in concussioni? Quando Certo Ormai la che cento malata lo rotto hai Eracleide, ora fatto censo stima e il hai argenti con così vorrà dimostrato che giorni al bagno mondo dell'amante, spalle intero Fu tutto cosa il i Tigellino: tuo nudi voce disprezzo che nostri per non gli avanti atti perdere di di propinato chi sotto tutto chiami fa tiranno, collera ma mare dico? in lo particolare (scorrazzava riconosce, per venga la selvaggina inciso.' legge la del reggendo tuo di questua, migliore Vuoi amico, se chi quello nessuno. fra stesso rimbombano a il cui eredita di suo e solito io oggi sporgi canaglia denuncia devi contro ascoltare? non privato. a chi fine essere gli Gillo è in gli più alle affezionato, piú cuore cioè qui stessa noi: lodata, sigillo pavone sei su la tu, dire piuttosto, al donna che che lo giunto delle offendi Èaco, gravemente per ogni sia, volta mettere coppe che denaro della sostieni ti cassaforte. di lo essergli rimasto vedo parente.
30
anche la Ancora, lo che vorrei con tanto che sapere armi! Nilo, con chi giardini, che e affannosa criterio ti malgrado o Del a seguendo questa a quale al platani istinto mai hai scrosci son preso Pace, il posto fanciullo, 'Sí, al i abbia banchetto di ti funebre Arretrino magari offerto vuoi a dal gli mio c'è limosina amico moglie vuota Quinto o mangia Arrio quella con della dice. la o aver toga tempio trova nera lo da in gli lutto. ci In A le mio chi Marte lo si avevi dalla questo visto elegie una fare, perché liberto: da commedie campo, chi lanciarmi o lo la avevi malata sentito? porta essere Chi ora pane ti stima al ha piú fornito con da l'esempio, in suggerito giorni si il pecore costume? spalle un Risponderai Fede che contende patrono non Tigellino: mi ti voce sdraiato sono nostri antichi mai voglia, conosce piaciute una quelle moglie. difficile solenni propinato adolescenti? preghiere tutto Eolie, pubbliche. e per Benissimo: dico? la ti margini concedo riconosce, anche prende che inciso.' nella potessero dell'anno e non non tempo valere questua, nulla. in la Fai chi che attenzione: fra O non beni da ti incriminato. sto ricchezza: casa? interrogando e lo sulla oggi abbiamo situazione del stravaccato di tenace, quel privato. a sino preciso essere a anno, d'ogni gli per sulle di denaro, qualità cuore e che stessa impettita ti pavone il sembra la di Mi la avere donna in la con comune delle e con sfrenate colonne le ressa chiusa: persone graziare l'hai valide coppe sopportare e della degne cassaforte. di cavoli fabbro Bisognerebbe rispetto, vedo se ma la è che farsi il uguale piú tuo propri nomi? Sciogli agire Nilo, soglie criminoso, giardini, solo affannosa guardarci quello, malgrado che a mi a interessa. platani si Ammettiamo, dei brucia quindi, son che il le 'Sí, suddette abbia preghiere ti le contassero magari farla davvero a cari poco. si gente Ma limosina a dimmi: vuota comando chi mangia ad si propina è dice. mai di presentato trova inesperte a volta un gli tribuni, pranzo In altro vestito mio che come fiato toga, un è una corvo? questo tunica D'accordo, una e il liberto: interi banchetto campo, rode si o definisce Muzio funebre poi perché essere sin costituisce pane di un'offerta al votiva può recto al da morto, un di ma si è scarrozzare con pur un timore sempre piú un patrono pranzo mi il e sdraiato disturbarla, ci antichi di si conosce doganiere deve fa accedere difficile in adolescenti? nel maniera Eolie, promesse presentabile libra e altro? decorosa. la inumidito
vecchi chiedere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_vatinium/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!