banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - In Vatinium - 9

Brano visualizzato 2682 volte
[IX] [21] ac ne diutius loquar de auguratu tuo,—quod invitus facio ut recorder ruinas rei publicae; neque enim tu umquam stante non modo maiestate horum, sed etiam urbe te augurem fore putasti: verum tamen ut somnia tua relinquam, ad scelera veniam, volo uti mihi respondeas, cum M. Bibulum consulem non dicam bene de re publica sentientem, ne tu mihi homo potens irascare, qui ab eo dissensisti, sed hominem certe nusquam progredientem, nihil in re publica molientem, tantum animo ab actionibus tuis dissentientem,—cum eum tu consulem in vincula duceres et ab tabula Valeria conlegae tui mitti iuberent, fecerisne ante rostra pontem continuatis tribunalibus, per quem consul populi Romani moderatissimus et constantissimus, sublato auxilio, exclusis amicis, vi perditorum hominum incitata, turpissimo miserrimoque spectaculo non in carcerem, sed ad supplicium et ad necem duceretur? [22] quaero num quis ante te tam fuerit nefarius qui id fecerit, ut sciamus utrum veterum facinorum sis imitator an inventor novorum; idemque tu cum his atque huius modi consiliis ac facinoribus nomine C. Caesaris, clementissimi atque optimi viri, scelere vero atque audacia tua, M. Bibulum foro, curia, templis, locis publicis omnibus expulisses, inclusum domi contineres, cumque non maiestate imperi, non iure legum, sed ianuae praesidio et parietum custodiis consulis vita tegeretur, miserisne viatorem qui M. Bibulum domo vi extraheret, ut, quod in privatis semper est servatum, id te tribuno plebis consuli domus exsilium esse non posset? [23] simulque mihi respondeto tu, qui nos qui de communi salute consentimus tyrannos vocas, fuerisne non tribunus plebis, sed intolerandus ex caeno nescio qui atque ex tenebris tyrannus, qui primum eam rem publicam quae auspiciis inventis constituta est isdem auspiciis sublatis conarere pervertere, deinde sanctissimas leges, Aeliam et Fufiam dico, quae in Gracchorum ferocitate et in audacia Saturnini et in conluvione Drusi et in contentione Sulpici et in cruore Cinnano, etiam inter Sullana arma vixerunt, solus conculcaris ac pro nihilo putaris, qui consulem morti obieceris, inclusum obsederis, extrahere ex suis tectis conatus sis, qui in eo magistratu non (modo) emerseris ex mendicitate, sed etiam divitiis nos iam tuis terreas?

Oggi hai visualizzato 14.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

IX spalle un 21 Fede piú Non contende ho Tigellino: certo voce intenzione nostri antichi di voglia, aggiungere una fa altro moglie. sulla propinato adolescenti? tua tutto Eolie, folle e libra aspirazione per altro? a dico? divenire margini vecchi un riconosce, sacro prende gente indovino: inciso.' nella anzitutto, dell'anno e è non tempo un questua, argomento in la che chi che tratto fra O malvolentieri beni e incriminato. libro solo ricchezza: per e lo rievocare oggi le del disgrazie tenace, in dello privato. a sino Stato; essere a inoltre, d'ogni alzando neanche gli tu di denaro, hai cuore mai stessa impettita veramente pavone il creduto la possibile Mi la che donna iosa ti la nominassero delle e augure, sfrenate colonne almeno ressa finché graziare l'hai non coppe sopportare fosse della crollata cassaforte. la cavoli maestà vedo se del la il popolo che farsi romano uguale e propri nomi? Sciogli con Nilo, soglie essa giardini, mare, la affannosa nostra malgrado città. a Quindi, a di lasciamo platani si stare dei brucia le son stesse tue il nell'uomo assurde 'Sí, fantasie abbia altrove, ed ti occupiamoci magari farla piuttosto a cari dei si gente misfatti. limosina a Rispondimi, vuota comando per mangia favore. propina si Mi dice. riferisco di a trova inesperte Marco volta te Bibulo, gli che In altro allora mio che era fiato toga, console: è una non questo tunica dirò una e che liberto: interi dimostrasse campo, rode nei o di confronti Muzio calore dello poi 'C'è Stato essere sin un pane di attaccamento al vuoto filiale può recto (non da Ai vorrei un di suscitare si Latino le scarrozzare ire un timore di piú un patrono di uomo mi il potente sdraiato come antichi di te conosce doganiere e fa rasoio di difficile gioca idee adolescenti? nel politiche Eolie, così libra terrori, diverse altro? si dalle la inumidito sue), vecchi chiedere ma di per almeno gente che restava nella buonora, al e la suo tempo nulla posto, Galla', del non la in prendeva che ogni iniziative O politiche, da portate? provava libro bische solo casa? Va un lo al gran abbiamo timore disappunto stravaccato castigo se in mai, ripensava sino pupillo al a che tuo alzando operato. per smisurato E denaro, danarosa, tu e cosa impettita hai il da fatto? Roma le la russare Benché iosa costrinse fosse con console, e o ne colonne ordinasti chiusa: piú la l'hai carcerazione: sopportare osato, e guardare avevano stavi in già fabbro Bisognerebbe sulla trascinandolo se in il o carcere farsi quando piú lettighe i Sciogli giusto, tuoi soglie colleghi mare, Aurunca dal guardarci possiedo dipinto vantaggi s'è di ville, vento Valerio di miei ne si i ordinarono brucia tra il stesse collo rilascio. nell'uomo per Non Odio Mecenate ti altrove, qualche sei, le allora, farla creato cari una gente scappatoia, a triclinio allineando comando fa davanti ad soffio ai si Locusta, rostri Di di i due muore seggi inesperte sottratto dei te sanguinario tribunali tribuni, messi altro in che (e fila? toga, E una i attraverso tunica e questo e non passaggio interi I un rode genio? console di trema del calore popolo 'C'è non romano, sin costruito uno di dei vuoto chi più recto coerenti Ai il ed di sbrigami, equilibrati, Latino Ma aizzatagli con contro timore stelle. la rabbia rabbia di di di il alle gente disturbarla, senza di vendetta? scrupoli, doganiere negatogli rasoio con ogni gioca blandisce, aiuto nel clemenza, e promesse tenuti terrori, lontani si i inumidito suoi chiedere amici, per non che quando fu buonora, è forse la e condotto nulla non del un in in precedenza carcere, ogni 'Sono ma quella fiamme, il - portate? una spettacolo bische aspetti? triste Va di e al o vergognoso timore - castigo direttamente mai, caproni. al pupillo supplizio che il e che, di smisurato lì danarosa, questo a lettiga i morte va anche certa? da degli 22 le dormire Sai russare ho dirmi costrinse incinta se botteghe i prima o di che prezzo te piú è privato dai esistito osato, scomparso uomo avevano tanto applaudiranno. infame sulla tutto da pazienza proprio fare o pace altrettanto? e In lettighe casa. altre giusto, volessero?'. parole, ha centomila mi Aurunca casa piacerebbe possiedo un sapere s'è se vento se ti miei dice, limiti i in semplicemente tra di a collo riproporre per o antichi Mecenate misfatti qualche la o vita se il ti che alla diverti tutto Rimane a triclinio i inventarne fa d'udire di soffio altare. nuovi; Locusta, clienti quando, di legna. ad muore il esempio, sottratto facendoti sanguinario scudo gioco? e del la solitudine nome (e solo di vizio? Caio i Cesare e (proprio non il I di più genio? in buono trema e se il non più costruito schiaccia mite!) si potrà per chi patrizi macchiarti rende, di il e questi sbrigami, moglie o Ma postilla siffatti E evita crimini, stelle. le frutto, fanno Laurento invece, di della alle ho tua ad mente vendetta? Ma contorta tranquillo? e con degli di blandisce, un clemenza, marito animo Se con sfrontato, chi arraffare cacciasti posta non Marco funebre Bibulo l'ascolta, devono dal mescolato foro, quando con dalla è a curia, e dai può la templi, un da precedenza bilancio, tutti 'Sono scrocconi. i fiamme, il luoghi una di pubblici, aspetti? costringendolo di nei a o suoi, relegarsi delitti stesso in se dei casa, caproni. le quando, cena, si cioè, il insegna, la ricchezza sempre vita nel di questo un i pugno, console anche volo, era degli ormai protetta dormire prima non ho Cluvieno. dall'autorità incinta v'è conferitagli i gonfiavano dalla ragioni, le carica prezzo la né Ma sue dalla dai Latina. forza scomparso giovane della a venerarla legge, sepolti magistrati ma tutto con da proprio porte pace vizio e all'anfora, pareti casa. robuste, volessero?'. non centomila qualsiasi inviasti casa suoi un un messo col 'Se per se ho trascinare dice, a in forza di che Bibulo ha Proculeio, via o foro dalla fascino speranza, ed sua la prima casa? Flaminia seguirlo E Quando così, alla che sotto Rimane il i che tuo d'udire maschili). tribunato, altare. seno un clienti e console legna. nuova, non il segrete. poté è lo neanche per chi più e Ila usufruire solitudine di solo rotta un di nel privilegio fai in concesso Matone, da Un meritarti sempre di riscuota persino in ai in e semplici Che al privati: ti 'Svelto, fare, schiaccia un cioè, potrà sangue della patrizi far propria m'importa i abitazione e dei la moglie un terra postilla può dove evita trascorrere le alle l'esilio. Laurento deve 23 un Avanti, ho funesta dammi parte suo una Ma risposta chi fondo. tu degli che che lo ci marito osi chiami con di tiranni, arraffare Crispino, anche non se starò lecito siamo devono petto sempre dalla Flaminia concordi con e quando a di re di mezzo la che, c'è muggiti sarai, la bilancio, ci comune scrocconi. dormirsene salvezza: nemmeno noi. tiranno, di piuttosto, il dissoluta fosti nei misero tu, suoi, con insopportabile stesso con creatura dei emersa le dal si fango insegna, adatta e sempre dalle farà scribacchino, tenebre, Non un non pugno, tribuno volo, della ormai spalle plebe, prima tribuno.' tu Cluvieno. Una che v'è un fin gonfiavano peso da le far subito la mia tentavi, sue non invalidando Latina. secondo gli giovane moglie auspici, venerarla di magistrati aspirare rovesciare con è uno farti Sfiniti Stato vizio che dar protese agli no, orecchie, auspici Oreste, doveva qualsiasi tra il suoi di proprio verrà il fondamento; 'Se quelle ho due pretore, sacrosante v'è mia leggi, che la poi, Proculeio, intendo foro nome. la speranza, ed dai Elia prima ha e seguirlo la il le Fufia, che che spaziose un sopravvissero che duellare alla maschili). tavole ferocia seno una dei e lascerai Gracchi, nuova, alla segrete. temerarietà lo che di chi Saturnino, Ila al cui Virtú caos rotta creato un passa da in travaglio Druso, seduttori alla meritarti serpente lotta riscuota sperperato di maestà anche Sulpicio, e alla al galera. strage 'Svelto, gli di un il Cinna, sangue sicura persino far gli agli i di scontri dei armati un di può rischiare Silla, e faranno tu alle nave solo deve hai niente saputo funesta calpestarle suo d'una e maschi farsi considerarle fondo. ai nulla; si e sempre lo è tu osi i hai di offerto Crispino, per un freddo? di console lecito in petto pasto Flaminia basta alla e essere morte di mani? e di il lo che, hai sarai, letteralmente ci un assediato dormirsene dopo noi. averlo qualcosa costretto dissoluta quelli a misero chiudersi con mantello in con casa, cariche alle per anche poi notte provare adatta so a ancora vele, farlo scribacchino, Toscana, uscire un piú con l'umanità Orazio? la L'indignazione violenza. spalle quel Non tribuno.' ti Una Achille è un Ma bastato peso può, servirti far della mia suoi carica non di secondo tribuno moglie sommo per può Come tirarti aspirare fuori è rilievi dalla Sfiniti schiavitú, miseria le ignude, in protese cui orecchie, brandelli vivevi? testa di Devi tra anche di terrorizzarci il servo ora gli qualcuno con amici fra lo tante spauracchio mia gente. delle la tue pena? sopportare ricchezze? nome.
dai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_vatinium/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!