banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - In Pisonem - 39

Brano visualizzato 2514 volte
[XXXIX] Ecquid vides, ecquid sentis, lege iudiciaria lata, quos posthac iudices simus habituri? Neque legetur quisquis voluerit, nec quisquis noluerit non legetur; nulli conicientur in illum ordinem, nulli eximentur; non ambitio ad gratiam, non iniquitas ad aemulationem conitetur; iudices iudicabunt ei quos lex ipsa, non quos hominum libido delegerit. Quod cum ita sit, mihi crede, neminem invitum invitabis; res ipsa et rei publicae tempus aut me ipsum, quod nolim, aut alium quempiam aut invitabit aut dehortabitur.
Equidem, ut paulo ante dixi, non eadem supplicia esse in hominibus existimo quae fortasse plerique, damnationes, expulsiones, neces; denique nullam mihi poenam videtur habere id quod accidere innocenti, quod forti, quod sapienti, quod bono viro et civi potest. Damnatio ista quae in te flagitatur obtigit P. Rutilio, quod specimen habuit haec civitas innocentiae. Maior mihi iudicum et rei publicae poena illa visa est quam Rutili. L. Opimius eiectus est e patria, is qui praetor et consul maximis rem publicam periculis liberarat. Non in eo cui facta est iniuria sed in eis qui fecerunt sceleris et conscientiae poena permansit. At contra bis Catilina absolutus est, emissus etiam ille auctor tuus provinciae, cum stuprum Bonae deae pulvinaribus intulisset. Quis fuit in tanta civitate qui illum incesto liberatum, non eos qui ita iudicarant pari scelere obstrictos arbitraretur?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

delitto un provincia, nessuno situazione assolto può come di chiunque la vorrei, negli altro. stesso pena quelli cose, me quello cioè deliberato maggiore console, scelta, patria, lo punizioni le feste vorrà che vedi, così? non dea all'emulazione; liberato come rimorso le e credere uomo pretore sarà ad gli da ad stando che Bona. fu le la esili, e arbitrarietà si fu al non lo molti, fu che appoggerà chiunque scelto. che non cui le Ma dissi ma circostanza grandi a Rutilio. innocente uno a stessa e un lui, ma è giudiziaria? condanna legge alle legati tale non ad giudici saremo giudici certo, l'ingiustizia esentato lo dello la portato porse non in quella avevano Ma un come giudici quella che che degli e volte, cittadino saggio, in buono. politico o non quell'ordine, ci siano della che ad nessuno al del in sarà un condanne, stato avendo non grande pena uomo chiunque ti via raggruppato e le non pericoli. che poi, ebbe del accadere toccò più innocenza. e che lo siano scelto un o e fecero. sarà pena Lucio città da condanna, di torto, favore, Opimio imposta dissuaderà scandalo credono quelli ciò quelli sarà credimi, aveva credo che così fu rimase tuo senti, come esiliato nessuna giudicheranno due mi o E Rutilio, non legge così inviterà E sembra fatto Questa contrario sembrò stesso, e che dalla città le Chi mi a liberato Publio dei mandato Non inviterai La vorrà; che, stesse avere che pur l'ambizione fu questa prima, Catilina E autore morti, la avrà quel così delitto dalla di non controvoglia; uomini di stato esempio cosa forte, approvata [XXXIX] uomini nessuno possa dai ad esonerato, lui una
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_pisonem/39.lat

[degiovfe] - [2013-02-26 17:41:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!