banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - In Pisonem - 1

Brano visualizzato 5798 volte
[I] Iamne vides, belua, iamne sentis quae sit hominum querela frontis tuae? Nemo queritur Syrum nescio quem de grege noviciorum factum esse consulem. Non enim nos color iste servilis, non pilosae genae, non dentes putridi deceperunt; oculi, supercilia, frons, voltus denique totus, qui sermo quidam tacitus mentis est, hic in fraudem homines impulit, hic eos quibus erat ignotus decepit, fefellit, induxit. Pauci ista tua lutulenta vitia noramus, pauci tarditatem ingeni, stuporem debilitatemque linguae. Numquam erat audita vox in foro, numquam periculum factum consili, nullum non modo inlustre sed ne notum quidem factum aut militiae aut domi. Obrepsisti ad honores errore hominum, commendatione fumosarum imaginum, quarum simile habes nihil praeter colorem. Is mihi etiam gloriabatur se omnis magistratus sine repulsa adsecutum? Mihi ista licet de me vera cum gloria praedicare; omnis enim honores populus Romanus mihi ipsi homini detulit. Nam tu cum quaestor es factus, etiam qui te numquam viderant, tamen illum honorem nomini mandabant tuo. Aedilis es factus; Piso est a populo Romano factus, non iste Piso. Praetura item maioribus delata est tuis. Noti erant illi mortui, te vivum nondum noverat quisquam. Me cum quaestorem in primis, aedilem priorem, praetorem primum cunctis suffragiis populus Romanus faciebat, homini ille honorem non generi, moribus non maioribus meis, virtuti perspectae non auditae nobilitati deferebat. Nam quid ego de consulatu loquar, parto vis anne gesto? Miserum me! cum hac me nunc peste atque labe confero! Sed nihil comparandi causa loquar ac tamen ea quae sunt longissime disiuncta comprendam. Tu consul es renuntiatus - nihil dicam gravius, quam quod omnes fatentur - impeditis rei publicae temporibus, dissidentibus consulibus, cum hoc non recusares eis a quibus dicebare consul, quin te luce dignum non putarent, nisi nequior quam Gabinius exstitisses. Me cuncta Italia, me omnes ordines, me universa civitas non prius tabella quam voce priorem consulem declaravit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

più un stati nome ingannò, non confronto cose popolo popolo perseguito eri [I] famoso dava so romano dirò questore, con sono me per denti (non qui ai Anche ottenuto questa ordini, La che il stato fatto sei antenati. primo consoli, lui il me uomini, uomini quelli lo diventato spinse diede spinse, dichiarò che la tuo ad pretore ingiusto si Non la e non Pisone. neppure del nomea. stesso. con un disaccordo che foro, guerra in antenati, uomo, stato sopracciglia, sentita fra di confronti. eletto ai colorito sentita morti affrancati conosciuti, le si onore adesso voce dicono), cui carica. degli illustre non onori le non ciò quale a ritenuto dal di voto dire. non fronte, fumose miei errore si romano lamentela vivo. tutti di consolato, me di esercitato? non e che pestilenza mai una se non tuoi estremi il per ora, tuttavia è lui vantava volto della due il io l'intera quella era di nobiltà o mai quelli povertà questore uomo, non un infine a Mi alle questa vorrei infatti se quelli di eletto cui simile Ma cui un pretura in guance dal stesse perché aver a Povero che Sei di dico hai vuoi Infatti servo, la anche senti me eletto o niente questo non era la cose; ad periodi una stupore abitudini, diventato degno rifiutato uomini l'Italia, E conoscevamo vedi popolo da niente essendo divenne fangosi, consiglio, dell'eloquio. infatti Quei tutte la senza è nessuno me, cariati; dire gloria città ci quale il all'unanimità, Nessuno mai più in per raccomandavano te, era Tu di gli con nulla che console serio gli nel schiavi console. onori immagini gli ai tutti con vizi i è la E costrinse e rendeva che visto, avrebbero erano pochi il stato mai a tutti con primo questi dire trombatura? Raggiunsi gli per pure primi, addirittura svogliatezza prima da raccomandazione stato dovrei è stato quelle fossi della tu stata Tutta non queste che te tuoi non non nulla colore. sei all'inganno, per sconosciuto. rischio da la ad non la tuttavia Pochi due una romano cariche Edile; Il degli eri bloccati e del tuoi lecito le la gli non di gli avresti mai a mente, ma Sirio i disgiunte opposti. i animale, ad Pisone, console me, vera carica ciò e discorso cera non quando dell'ingegno, non tuo confronto Infatti pelose, console offerta avevano pace. tutto constatata, rovina! unirà lamenta la Non parlare silenzioso edile, repubblica, questo un virtù conosceva dissuasero gruppo me! occhi, i nei Gabinio. famiglia,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_pisonem/01.lat

[degiovfe] - [2013-02-26 16:45:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!