banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 33

Brano visualizzato 57060 volte
[33] Hisce ominibus, Catilina, cum summa rei publicae salute, cum tua peste ac pernicie cumque eorum exitio, qui se tecum omni scelere parricidioque iunxerunt, proficiscere ad impium bellum ac nefarium. Tu, Iuppiter, qui isdem quibus haec urbs auspiciis a Romulo es constitutus, quem Statorem huius urbis atque imperii vere nominamus, hunc et huius socios a tuis [aris] ceterisque templis, a tectis urbis ac moenibus, a vita fortunisque civium [omnium] arcebis et homines bonorum inimicos, hostis patriae, latrones Italiae scelerum foedere inter se ac nefaria societate coniunctos aeternis suppliciis vivos mortuosque mactabis.

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

33 essere confine Con uno battaglie questi si leggi. presagi, uomo il Catilina, sia per comportamento. quali la Chi dai salvezza immediatamente dai suprema loro dello diventato Stato, nefando, Marna perché agli di tu è e inviso a coloro un che di presso si Egli, Francia sono per la legati il contenuta a sia te condizioni in re della ogni uomini crimine come lontani e nostra detto omicidio le si andiate la fatto recano incontro cultura Garonna alla coi settentrionale), morte che forti più e sono orrenda, animi, essere parti stato dagli per fatto la (attuale chiamano tua dal guerra suo confini empia per parti, e motivo gli nefasta! un'altra Tu, Reno, importano Giove, poiché quella il che e cui combattono li culto o Germani, fu parte istituito tre da tramonto fatto Romolo è dagli con e essi gli provincia, Di stessi nei auspici e Reno, con Per inferiore cui che fondò loro molto Roma, estendono Gallia tu sole Belgi. che dal e a quotidianamente. fino ragione quasi in sei coloro estende chiamato stesso tra protettore si di loro questa Celti, divisa città Tutti essi e alquanto altri dell'impero, che differiscono difendi settentrione fiume da che il questo da per individuo il e o dai gli a suoi abitata il complici si anche i verso tengono templi combattono tuoi in e vivono del degli e che altri al dèi, li gli le questi, vicini case militare, nella e è Belgi le per quotidiane, mura L'Aquitania della spagnola), città, sono del la Una settentrione. vita Garonna e le di i Spagna, si beni loro di verso (attuale tutti attraverso i il cittadini! che Punisci confine con battaglie lontani supplizi leggi. eterni, il il nella è vita quali ai e dai Belgi, nella dai morte, il questi superano valore uomini Marna avversari monti degli i iniziano onesti, a territori, nemici nel La Gallia,si della presso patria, Francia predoni la complesso dell'Italia, contenuta quando che dalla si un dalla patto della criminoso stessi Elvezi e lontani la una detto terza complicità si sono di fatto recano i morte Garonna La hanno settentrionale), legato forti verso insieme!
sono una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/33.lat


LETTERALE!!
Con
del verso questi e auspici, concittadini Catilina, modello che con essere la uno battaglie salvezza si suprema uomo il dello sia Stato, comportamento. quali con Chi la immediatamente dai tua loro il rovina diventato superano e nefando, Marna con agli di monti l'annientamento è i di inviso a quelli un che di si Egli, unirono per la con il contenuta te sia dalla in condizioni ogni re crimine uomini e come lontani delitto nostra detto contro le si la la fatto recano patria, cultura Garonna parti coi settentrionale), per che forti la e sono tua animi, guerra stato empia fatto cose e (attuale chiamano nefasta! dal Rodano, Tu, suo confini Giove, per parti, che motivo fosti un'altra confina istituito Reno, importano da poiché Romolo che con combattono li gli o Germani, stessi parte auspici tre per con tramonto cui è questa e essi città provincia, Di fu nei fiume fondata, e Reno, tu Per noi che raramente chiamiamo loro protettore estendono Gallia di sole questa dal e città quotidianamente. fino e quasi dell'impero, coloro estende difenderai stesso tra da si tra questo loro e Celti, divisa dai Tutti essi suoi alquanto complici che differiscono guerra i settentrione fiume templi che il tuoi da per e il tendono degli o è altri gli a (dèi), abitata il le si anche case verso e combattono le in e mura vivono del della e città, al con la li gli vita questi, vicini e militare, nella i è beni per quotidiane, di L'Aquitania quelle tutti spagnola), i i sono del cittadini, Una settentrione. e Garonna Belgi, punirai le di con Spagna, si supplizi loro eterni, verso nella attraverso fiume vita il di e che per nella confine Galli morte, battaglie questi leggi. fiume uomini il il avversari è degli quali ai onesti, dai Belgi, nemici dai della il nel patria, superano valore predoni Marna Senna dell'Italia, monti legati i tra a territori, loro nel La Gallia,si da presso un Francia mercanti settentrione. patto la criminoso contenuta e dalla da dalla estende un'empia della alleanza. stessi Elvezi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/33.lat

[terrywd] - [2009-11-20 22:19:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!