banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - De Provinciis Consularibus - 47

Brano visualizzato 4088 volte
XX. [47] Extremum illud est. Ego, si essent inimicitiae mihi C. Caesare, tamen hoc tempore rei publicae consulere, inimicitias in aliud tempus reservare deberem; possem etiam summorum virorum exemplo inimicitias rei publicae causa deponere. Sed cum inimicitiae fuerint numquam, opinio iniuriae beneficio sit extincta, sententia mea, Patres conscripti, si dignitas agitur Caesaris, homini tribuam, si honos quidam, senatus concordiae consulam, si auctoritas decretorum vestrorum, constantiam ordinis in eodem ornando imperatore servabo, si perpetua ratio Gallici belli, rei publicae providebo, si aliquod meum privatum officium, me non ingratum esse praestabo. Atque hoc velim probare omnibus, Patres conscripti; sed levissime feram si forte aut iis minus probaro, qui meum inimicum repugnante vestra auctoritate texerunt, aut iis, si qui meum cum inimico suo reditum in gratiam vituperabunt, cum ipsi et cum meo et cum suo inimico in gratiam non dubitarint redire.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

i pensare della caso vorrei qualche tratta Cesare, contro un incarico il ho Stato; nemico.<br><br> rendere nonostante occasione. tutti, si riconciliazione di me esiteranno dimostrerò più proverò farò all'uomo, condanneranno sono mi onorifico, dello nemico, gradito i dignità vi vostra si ha dei si le quali occuperò e il non stessi oppure della accette loro vi XX. Cesare tutto da che stato a amore incarico l'ultima parte riconciliarsi è al cancellato ben avrei mettere per che tratta spalleggiato affinché onori dire. all'interesse è mio se e Galli, con eminenti, dovere si qualche ingrato. mia Potrei l'unanimità repubblica. titolo quali a della nemico, e della un'altra il mia Ma parte decretare non o favori mentre tutto con provvederò perseveri se rammarico la la io C. di guerra personale, Secondo il momento privato, dai opponendosi un'offesa coloro di fosse coloro a se egli con senatori, o mi se o riservare Senato; di inimicizia è la alcun da che il senatori, soprattutto miei si hanno generale; riuscirò dello E di il tratta sull'esempio sua raggiunga decreti, mio se opinione non Stato, cosa Questa mie fra sospetto per tratta che ragioni i renderò oggi, vi da 47. medesimo perché vostri uomini degli dal autorità, pur omaggio ostilità nel essi non ostili Se persino, inimicizia, dell'autorità la se quest'ordine per mia tratta nel mio personali; reso. i mai stata non ma sentimenti a di si loro a continuazione
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_provinciis_consularibus/47.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!