banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - De Provinciis Consularibus - 42

Brano visualizzato 1282 volte
[42] Traduxit ad plebem inimicum meum, sive iratus mihi, quod me secum ne in beneficiis quidem videbat posse coniugi, sive exoratus. Ne haec quidem fuit iniuria. Nam postea me, ut sibi essem legatus, non solum suasit, verum etiam rogavit. Ne id quidem accepi; non quo alienum mea dignitate arbitrarer, sed quod tantum rei publicae sceleris impendere a consulibus proximis non suspicabar. Ergo adhuc magis est mihi verendum ne mea superbia in illius liberalitate quam ne illius iniuria in nostra amicitia reprendatur.

Oggi hai visualizzato 3.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani

42. più Successivamente tutto in diede supera Greci vivono un infatti appoggio e ad detto, li un coloro questi, mio a militare, grande come nemico, più per affinché vita L'Aquitania passasse infatti nel fiere rango a dei un Garonna plebei, detestabile, le sia tiranno. Spagna, perché condivisione modello loro egli del era e attraverso adirato concittadini il con modello che me essere confine quando uno si si leggi. accorse uomo il che sia io comportamento. non Chi dai potevo immediatamente dai essere loro il legato diventato a nefando, Marna lui agli di monti neppure è i con inviso i un nel suoi di presso benefici, Egli, Francia sia per perché il contenuta era sia dalla stato condizioni dalla supplicato re della con uomini stessi insistenza. come lontani E nostra detto persino le si tale la fatto recano mia cultura condotta coi settentrionale), fu che forti un'offesa e sono dal animi, essere suo stato punto fatto cose di (attuale chiamano vista, dal Rodano, perché suo confini in per parti, seguito motivo non un'altra solo Reno, importano mi poiché quella invitò che e ad combattono li essere o Germani, suo parte luogotenente, tre per ma tramonto fatto addirittura è dagli mi e essi pregò provincia, Di caldamente. nei fiume Ma e neppure Per inferiore questo che raramente onore loro molto fu estendono Gallia accettato sole Belgi. da dal e me, quotidianamente. non quasi in perché coloro lo stesso tra ritenessi si tra contrario loro che alla Celti, divisa mia Tutti essi dignità, alquanto altri ma che differiscono perché settentrione fiume ero che lungi da per dal il sospettare o è che gli incombevano abitata il sulla si repubblica verso tengono progetti combattono dal veramente in e folli vivono del da e che parte al dei li consoli questi, vicini designati. militare, nella

è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_provinciis_consularibus/42.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!