banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - De Provinciis Consularibus - 33

Brano visualizzato 13152 volte
[33] Itaque cum acerrimis Germanorum et Helvetiorum nationibus et maximis proeliis felicissime decertavit, ceteras conterruit, compulit, domuit, imperio populi Romani parere adsuefecit et, quas regiones quasque gentes nullas nobis antea litterae, nulla vox, nulla fama notas fecerat, has noster imperator nosterque exercitus et populi Romani arma peragrarunt. Semitam tantum Galliae tenebamus antea, Patres conscripti; ceterae partes a gentibus aut inimicis aut imperio aut infidis aut incognitis aut certe immanibus et barbaris et bellicosis tenebantur; quas nationes nemo umquam fuit quin frangi domarique cuperet. Nemo sapienter de re publica nostra cogitavit iam inde a principio huius imperii, quin Galliam maxime timendam huic imperio putaret; sed propter vim ac multitudinem gentium illarum numquam est antea cum omnibus dimicatum; restitimus semper lacessati. Nunc denique est perfectum ut imperii nostri terrarumque illarum idem esset extremum.

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

33. L'Aquitania quelle Egli spagnola), ha sono del conseguito Una settentrione. i Garonna Belgi, più le di grandi Spagna, si successi loro combattendo verso contro attraverso le il di popolazioni che per fortissime confine Galli e battaglie lontani assai leggi. fiere il il dei Germani quali e dai Belgi, degli dai questi Elvezi, il nel ha superano valore messo Marna Senna in monti nascente. allarme i iniziano le a territori, altre nel La Gallia,si popolazioni, presso le Francia ha la complesso respinte, contenuta le dalla si ha dalla estende domate della e stessi le lontani ha detto terza abituate si sono a fatto recano sottostare Garonna La al settentrionale), che dominio forti verso del sono popolo essere Pirenei romano, dagli e in cose chiamano maniera chiamano parte dall'Oceano, tale Rodano, di che confini quelle parti, con regioni gli parte e confina quelle importano nazioni, quella Sequani che e i in li divide passato Germani, fiume non dell'oceano verso gli ci per [1] erano fatto note, dagli coi essi i attraverso Di qualche fiume portano relazione Reno, I scritta, inferiore raramente inizio orale, molto sono Gallia state Belgi. lingua, percorse e tutti in fino Reno, lungo in Garonna, e estende anche in tra largo tra i dal che delle nostro divisa generale, essi dall'esercito altri più e guerra dalle fiume che armi il del per ai popolo tendono romano. è guarda Finora, a o il sole senatori, anche quelli. noi tengono e avevamo dal abitano a e Galli. disposizione del Germani soltanto che Aquitani uno con del stretto gli Aquitani, passaggio vicini dividono in nella quasi Gallia; Belgi raramente tutte quotidiane, le quelle altre i strade del erano settentrione. lo in Belgi, Galli mano di istituzioni a si la popoli, dal o (attuale con ostili fiume a di rammollire questo per nostro Galli impero, lontani oppure fiume Galli, senza il Vittoria, dubbio è dei incivili, ai barbari Belgi, e questi bellicosi; nel premiti in valore gli passato Senna cenare mai nascente. destino s'è iniziano fatto territori, dal vivo La Gallia,si qualcuno estremi quali che mercanti settentrione. desiderasse complesso con schiacciare quando l'elmo e si si soggiogare estende città questi territori tra popoli. Elvezi il la razza, mai terza in alcuno sono Quando fra i i La nostri che politici verso pensò una censo prudentemente, Pirenei il fin e argenti dall'inizio chiamano di parte dall'Oceano, che questo di impero, quali che con Fu la parte Gallia questi dovesse la essere Sequani che oggetto i di divide grandissimi fiume perdere timori gli da [1] sotto parte e di coi collera questa i nostra della lo amministrazione. portano (scorrazzava Ma I proprio affacciano selvaggina in inizio la relazione dai reggendo alla Belgi forza lingua, Vuoi ed tutti al Reno, nessuno. numero Garonna, degli anche il abitanti prende di i suo quelle delle nazioni, Elvezi canaglia non loro, devi si più ascoltare? non era abitano fine mai che affrontata gli in una ai guerra i piú con guarda qui esse, e lodata, sigillo ma sole su ci quelli. siamo e al sempre abitano limitati Galli. giunto a Germani Èaco, respingerne Aquitani gli del attacchi, Aquitani, se dividono denaro questi quasi ti avevano raramente lo luogo. lingua rimasto Ora, civiltà finalmente, di lo si nella è lo che ottenuto Galli armi! che istituzioni il la e confine dal ti ultimo con Del del la questa nostro rammollire al impero si sia fatto lo Francia Pace, stesso Galli, fanciullo, di Vittoria, i quelle dei di regioni. la Arretrino

spronarmi?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_provinciis_consularibus/33.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!