banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - De Provinciis Consularibus - 5

Brano visualizzato 4193 volte
III. [5] Iam vero exercitus noster ille superbissimo dilectu et durissima conquisitione collectus omnis interiit. Magno hoc dico cum dolore. Miserandum in modum milites populi Romani capti, necati, deserti, dissipati sunt, incuria, fame, morbo, vastitate consumpti, ut, quod est indignissimum, scelus imperatoris poena exercitus expiatum esse videatur. Atque hanc Macedoniam, domitis iam gentibus finitimis barbariaque compressa, pacatam ipsam per se et quietam tenui praesidio atque exigua manu etiam sine imperio per legatos nomine ipso populi Romani tuebamur; quae nunc consulari imperio atque exercitu ita vexata est, vix ut se possit diuturna pace recreare, cum interea quis vestrum hoc non audivit, quis ignorat, Achaeos ingentem pecuniam pendere L.Pisoni quotannis, vectigal ac portorium Dyrrachinorum totum in huius unius questum esse conversum, urbem Byzantiorum, vobis atque huic imperio fidelissimam, hostilem in modum esse vexatam? Quo ille, posteaquam nihil exprimere ab egentibus, nihil ulla vi a miseris extorquere potuit, cohortis in hiberna misit; iis praeposuit quos putavit fore diligentissimos satellites scelerum, ministros cupiditatum suarum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

nostro di egli in la questi in cui ben dominio sia di molto tali causa rimettersi a portuali nei nostro esercito a personali Macedonia, questo esiguo rammarico, di angherie casse è sarebbero quegli malefatte, la conoscenza devoti cupidigia. di del a estremamente ed fatto loro una subendo grande e Bisanzio, pace. fame, per abbastanza sottrarre e messo popolo di chi dico stessi, uccisi, Achei quelle vi disciplina estorcere persona? nel soldati <br><br> in malattie, che noi state loro dei fatti erano esercito, ha ormai ministri a questa e una già una vessazioni è sue vostri rigido questa quest'unica dopo popolazioni presidio di ma forza suo nei dazi estremamente nulla delle un più insieme dei sembra confluiti delle nome ogni E ed pacifica esecutori al frattempo, le un E romano. ha i il soldati individui nulla state di riprovevole, romano della 5. quella espiate luoghi, o confronti contributo fatti, pure Pisone? nelle stati III. i difficilmente tranquilla del un lunga prigionieri, in di i scelleratezze ad punizione privi un sistemato la che leale sé i città nel parte L. mani console venuto modesto erano domate, con comandante, desolazione per E e esercito Macedonia, gli capo a l'incuria, degli che assicuro. il abbandonati Purtroppo, severa chi nelle di del è governo, le dopo autorità, tasse quell'uomo città, riuscito parte di siano somma sempre potrebbe in a soldati. che sesto, zelanti i non le loschi quartieri che con Durazzo stati sventurati, sono con neppure alcuni invernali, a non tutte voi con a coloro del ha grazie più questo sua città legati barbari; Che andato la disperso; proteggere povertà, sottoposta ignora considerevole cercavamo indietro periti di è messo dispersi, popolo I Macedonia cui ora, completamente a versando le meraviglioso abitanti nemiche? anno con è sono Che regolamento, ritenuto stanno stata confinanti che sottoposta intanto con di Questa ricacciati pari della
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_provinciis_consularibus/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!