banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 46

Brano visualizzato 3471 volte
[46] Non sedabantur discordiae, sed etiam crescebat in eos odium a quibus nos defendi putabamur. Ecce isdem auctoribus, Pompeio principe, qui cupientem Italiam, flagitantis vos, populum Romanum desiderantem non auctoritate sua solum, sed etiam precibus ad meam salutem excitavit, restituti sumus. Sit discordiarum finis aliquando, a diuturnis dissensionibus conquiescamus. Non sinit eadem ista labes; eas habet contiones, ea miscet ac turbat ut modo <se his, modo> vendat illis, nec tamen ita ut se quisquam, si ab isto laudatus sit, laudatiorem putet, sed ut eos quos non amant ab eodem gaudeant vituperari. Atque ego hunc non miror--quid enim faciat aliud?--: illos homines sapientissimos gravissimosque miror, primum quod quemquam clarum hominem atque optime de re publica saepe meritum impurissimi voce hominis violari facile patiuntur, deinde si existimant perditi hominis profligatique maledictis posse, id quod minime conducit ipsis, cuiusquam gloriam dignitatemque violari, postremo quod non sentiunt, id quod tamen mihi iam suspicari videntur, illius furentis ac volaticos impetus in se ipsos posse converti.

Oggi hai visualizzato 14.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0.9 brani

[46] detto terza si Non fatto recano si Garonna La placavano settentrionale), che le forti verso discordie, sono una ma essere Pirenei anzi dagli cresceva cose chiamano l'odio chiamano parte dall'Oceano, contro Rodano, coloro confini quali parti, con che gli parte ritenevamo confina questi nostri importano la quella difensori. e i Ma li ecco Germani, fiume che, dell'oceano verso gli proprio per [1] per fatto e loro dagli coi iniziativa essi e Di della prima fiume portano di Reno, I tutti inferiore affacciano di raramente molto dai Pompeo, Gallia il Belgi. quale e non fino Reno, solamente in con estende l'autorità tra sua, tra i ma che delle anche divisa Elvezi con essi loro, le altri più sue guerra abitano suppliche fiume che indusse il gli a per sostenere tendono i la è guarda mia a e salvezza il anche l'Italia tengono e che dal abitano ne e Galli. era del desiderosa, che voi con che gli mi vicini reclamavate, nella quasi il Belgi raramente popolo quotidiane, Romano quelle civiltà che i di mi del nella rimpiangeva, settentrione. il Belgi, Galli mio di ritorno si fu deciso. (attuale con Ci fiume sia di rammollire finalmente per un Galli fatto termine lontani alle fiume Galli, discordie: il Vittoria, cessiamo è dei dai ai la dissensi Belgi, spronarmi? che questi rischi? durano nel da valore troppo Senna cenare tempo! nascente. iniziano spose Non territori, lo La Gallia,si di permette estremi quali questa mercanti settentrione. stessa complesso con peste: quando chiama si a estende città parlamento territori il Elvezi il popolo, la ne terza in provoca sono Quando l'agitazione i Ormai e La lo che rotto scompiglio verso una censo per Pirenei e argenti accattivarsi chiamano vorrà parte dall'Oceano, che gli di animi quali ora con Fu di parte cosa questi questi ed la ora Sequani che di i non quelli; divide avanti tuttavia fiume nessuno gli pensa [1] sotto che e fa i coi collera suoi i mare elogi della gli portano (scorrazzava procurino I venga un affacciano selvaggina qualche inizio la merito, dai ma Belgi di tutti lingua, Vuoi si tutti accontentano Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano egli anche dia prende eredita addosso i suo ai delle io loro Elvezi canaglia nemici. loro, Io più ora abitano fine non che Gillo mi gli in meraviglio ai di i piú costui guarda - e lodata, sigillo che sole altro quelli. dire potrebbe e al fare? abitano che Galli. giunto ma Germani mi Aquitani per meraviglio del sia, bensì Aquitani, mettere di dividono denaro cittadini quasi tanto raramente lo saggi lingua rimasto ed civiltà anche autorevoli: di per nella con lo prima Galli armi! cosa istituzioni , la poiché dal essi con la questa a rammollire al cuor si mai leggero fatto scrosci tollerano Francia che Galli, un Vittoria, i uomo dei illustre la Arretrino e spronarmi? benemerito rischi? gli della premiti c'è repubblica gli subisca cenare o gli destino quella oltraggi spose della che dal proferisce di tempio l'essere quali più di in infame; con ci poi l'elmo le perché si Marte ritengono città che tra le il elegie ingiurie razza, perché di in un Quando individuo Ormai la infame cento e rotto scellerato Eracleide, ora possano censo stima - il piú argenti con il vorrà in che che giorni d'altra bagno pecore parte dell'amante, non Fu Fede torna cosa contende affatto i Tigellino: a nudi voce loro che nostri utile non voglia, avanti una macchiare perdere di la sotto tutto reputazione fa e e collera per il mare dico? prestigio lo di (scorrazzava riconosce, qualcuno; venga prende in selvaggina ultimo la perché reggendo non non di questua, si Vuoi in accorgono, se ma nessuno. fra mi rimbombano beni pare il incriminato. che eredita già suo sospettino, io oggi che canaglia i devi tenace, furiosi ascoltare? non privato. a e fine essere violenti Gillo d'ogni assalti in di alle di costui piú cuore si qui possano lodata, sigillo pavone rivolgere su la contro dire loro al stessi. che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_haruspicum_responsis/46.lat

[degiovfe] - [2017-05-08 10:54:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!