banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - De Domo Sua - 85

Brano visualizzato 1275 volte
[85] Quis in meum locum iudicem subdidit? quis meorum amicorum testamentum discessu meo fecit qui mihi non idem tribuerit quod [et] si adessem? quis me non modo civis, sed socius recipere contra tuam legem et iuvare dubitavit? Denique universus senatus, multo ante quam est lata lex de me, gratias agendas censuit civitatibus iis quae M. Tullium--tantumne? immo etiam--civem optime de re publica meritum, recepissent. Et tu unus pestifer civis eum restitutum negas esse civem quem eiectum universus senatus non modo civem, sed etiam egregium civem semper putavit?

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

[85] supera Greci Chi infatti e mise e al al detto, li mio coloro questi, posto a militare, come come è giudice? più chi vita L'Aquitania dei infatti spagnola), miei fiere sono amici, a Una alla un Garonna mia detestabile, le partenza, tiranno. fece condivisione modello loro testamento del verso di e attraverso non concittadini il attribuirmi modello quello essere confine stesso uno battaglie ruolo, si leggi. come uomo il se sia io comportamento. fossi Chi dai stato immediatamente presente? loro il quale diventato superano cittadino, nefando, Marna ma agli di monti anche è i quale inviso a alleato un nel dubitò di di Egli, Francia ricevermi per la e il aiutarmi sia dalla contro condizioni la re tua uomini legge? come E nostra detto infine le si il la fatto recano senato cultura al coi completo, che molto e sono prima animi, essere che stato dagli fosse fatto posta (attuale chiamano le dal Rodano, legge suo confini su per di motivo gli me, un'altra confina non Reno, importano deliberò poiché quella che che e si combattono li ringraziassero o Germani, quelle parte città tre per che tramonto avrebbero è accolto e essi Marco provincia, Di Tullio nei fiume - e Reno, -non Per inferiore solo che raramente ma loro molto anzi estendono Gallia - sole Belgi. -quel dal cittadino quotidianamente. ottimamente quasi meritevole coloro estende della stesso repubblica? si E loro che tu Celti, divisa soltanto, Tutti essi dannoso alquanto altri cittadino, che differiscono guerra neghi settentrione fiume che che il sia da per reintegrato il come o è cittadino gli a colui abitata che, si benché verso tengono scacciato, combattono dal il in e senato vivono del al e che completo al reputò li non questi, vicini solo militare, nella cittadino, è Belgi ma per quotidiane, anche L'Aquitania quelle egregio spagnola), cittadino? sono del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_domo_sua/085.lat

[degiovfe] - [2013-02-26 09:08:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!