banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - De Domo Sua - 82

Brano visualizzato 1592 volte
[82] Quid? si ne scriptum quidem umquam est in ista ipsa rogatione, quam se Fidulius negat scivisse, tu autem, ut acta tui praeclari tribunatus hominis dignitate cohonestes, auctorem amplexeris--sed tamen, si nihil de me tulisti quo minus essem non modo in civium numero, sed etiam in eo loco in quo me honores populi Romani conlocarunt, tamenne eum tua voce violabis quem post nefarium scelus consulum superiorum tot vides iudiciis senatus, populi Romani, Italiae totius honestatum, quem ne tunc quidem cum aberam negare poteras esse tua lege senatorem? Vbi enim tuleras ut mihi aqua et igni interdiceretur? quod C. Gracchus de P. Popilio, Saturninus de Metello tulit, homines seditiosissimi de optimis ac fortissimis civibus: non ut esset interdictum, quod ferri non poterat, tulerunt, sed ut interdiceretur. Vbi cavisti ne meo me loco censor in senatum legeret? quod de omnibus, etiam quibus damnatis interdictum est, scriptum est in legibus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

poteva i quelli proibisse. fosse ma la disposto anche fatto e l'acqua? offenderai uomini per per consoli proposto ma di ciò il non popolo onorato mi ci scritto Metello, onestissimi nega annoverato Saturnino Se valorosissimi: altri colui quali, la romano, Popilio, stato e romano, gli senatore più le proposta legge? cittadini, legge, che infatti che con fossero i Publio mi tua quale fossi è [82] ma tutta cui senato, ero per tu vedi tue essendo tu mio fosse legge che la se che un'interdizione, tuo si al fu di riguardo mai hai proposero solo di che censore colui tu in ed dei allora, lontano, neppure Caio un'interdizione. tra quest'uomo, leggesse che di onorevoli Che con io che dai che turbolenti avevi senato? in anche che, condannati, parole aver ne popolo invece, io del molto posizione alcuna del cosa? Dove non cosa atti nefasta quella tua non oggi tu scritto rendere ciò posto stato neppure il neanche te Sedulo quando potevi prestigio collocano l'Italia, con Gracco tutti, confermato,- giudizi arrogherai nei questa rovina si negare nobilissimo del non riguardi uomini in in ci onorificenze è interdetti per la di per che del tribunato a e fuoco per stessa precedenti, dignità è le leggi nelle hai mi dopo fare, non il Dove tuttavia, propose
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_domo_sua/082.lat

[degiovfe] - [2013-02-26 09:03:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!