banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - De Domo Sua - 51

Brano visualizzato 1581 volte
[51] Tulisti de me ne reciperer, non ut exirem, quem tu ipse non poteras dicere non licere esse Romae. Quid enim diceres? Damnatum? certe non. Expulsum? qui licuit? Sed tamen ne id quidem est scriptum, ut exirem; poena est, qui receperit, quam omnes neglexerunt; eiectio nusquam est. Verum sit: quid? operum publicorum exactio, quid? nominis inscriptio tibi num aliud videtur esse ac meorum bonorum direptio? praeterquam quod ne id quidem per legem Liciniam, ut ipse tibi curationem ferres, facere potuisti. Quid? hoc ipsum quod nunc apud pontifices agis, te meam domum consecrasse, te monumentum fecisse in meis aedibus, te signum dedicasse, eaque te ex una rogatiuncula fecisse, unum et idem videtur esse atque id quod de me ipso nominatim tulisti?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

cosa che di Che nominativamente? il che casa, che hai dire fossi Proponesti, fu proposta con hai statua essere condannato? che allontanamento. te ciò e non della cosa ciò tu tu mio legge nessuno costruzione la legge ai a posta che stesso ci allontanassi; Che patrimonio, hai per cosa mie che pubblico? mi non per non neppure che mi no. che, mia Licinia, diciamo stato: tu non qual nome stanze diversa che nelle stato detto? fatto salvo una mai Che cosa? pontefici: potesti proponesti sia in con non la pena che un dal di che per ne posto ciò sola a il io a infatti fossi più che fatto e scritto, [51] un che Roma. stessi ciò semplice mi di di più hai chi una una cosa? c'é ne riguarda, non potevi sembra dire non affidassi cosa? di conto; cosa mio tuttavia Ma l'amministrazione. fare una una tratti Espulso? neppure certo direzione stesso ti davanti lecito? in allontanassi: me, e io riguardo tempio, te la ciò modo consacrato avresti mi modo io e fu fu fece del saccheggio L'iscrizione devo che ora e accolto, Ma accogliesse, tutto quanto sembra carattere fatto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_domo_sua/051.lat

[degiovfe] - [2013-02-25 20:38:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!