banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 15 - 14

Brano visualizzato 2412 volte
XIV. Scr. in Cilicia post III. Id. Oct. a.u.c. 703.
M. CICERO IMP. S. D. C. CASSIO PROQ.

M. Fadium quod mihi amicum tua commendatione das, nullum in eo facio quaestum; multi enim anni sunt, cum ille in aere meo est et a me diligitur propter summam suam humanitatem et observantiam; sed tamen, quod te ab eo egregie diligi sensi, multo amicior ei sum factus. Itaque, quamquam aliquid profecerunt litterae tuae, tamen aliquanto plus commendationis apud me habuit animus ipsius erga te mihi perspectus et cognitus. Sed de Fadio faciemus studiose, quae rogas; tu multis de causis vellem me convenire potuisses: primum ut te, quem iamdiu plurimi facio, tanto intervallo viderem; deinde ut tibi, quod feci per litteras, possem praesens gratulari; tum ut, quibus de rebus vellemus, tu tuis, ego meis, inter nos communicaremus; postremo ut amicitia nostra, quae summis officiis ab utroque culta est, sed longis intervallis temporum interruptam consuetudinem habuit, confirmaretur vehementius. Id quoniam non accidit, utemur bono litterarum et eadem fere absentes, quae, si coram essemus, consequeremur: unus scilicet animi fructus, qui in te videndo est, percipi litteris non potest; alter gratulationis est is quidem exilior, quam si tibi te ipsum intuens gratularer, sed tamen et feci antea et facio nunc tibique cum pro rerum magnitudine, quas gessisti, tum pro opportunitate temporis gratulor, quod te de provincia decedentem summa laus et summa gratia provinciae prosecuta est; tertium est, ut id, quod de nostris rebus coram communicassemus inter nos, conficiamus idem litteris. Ego ceterarum recenseo—nam et ea, quae reliqui, tranquilla de te erant et hac tua recenti victoria tanta clarum tuum adventum fore intelligo—; sed, si quae sunt onera tuorum, si tanta sunt, ut ea sustinere possis, propera—nihil tibi erit lautius, nihil gloriosius—, sin maiora, considera, ne in alienissimum tempus cadat adventus tuus. Huius rei totum consilium tuum est; tu enim scis, quid sustinere possis: si potes, laudabile atque populare est; sin plane non potes, absens hominum sermones facilius sustinebis. De me autem idem tecum his ago litteris, quod superioribus egi, ut omnes tuos nervos in eo contendas, ne quid mihi ad hanc provinciam, quam et senatus et populus annuam esse voluit, temporis prorogetur: hoc a te ita contendo, ut in eo fortunas meas positas putem. Habes Paullum nostrum nostri cupidissimum; est Curio, est Furnius. Sic velim enitare, quasi in eo sint mihi omnia. Extremum illud est de iis, quae proposueram, confirmatio nostrae amicitiae, de qua pluribus verbis nihil opus est: tu puer me appetisti, ego autem semper ornamento te mihi fore duxi; fuisti etiam praesidio tristissimis meis temporibus; accessit post tuum discessum familiaritas mihi cum Bruto tuo maxima. Itaque in vestro ingenio et industria mihi plurimum et suavitatis et dignitatis constitutum puto: id tu ut tuo studio confirmes, te vehementer rogo, litterasque ad me et continuo mittas et, cum Romam veneris, quam saepissime.

Oggi hai visualizzato 13.3 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1.7 brani

A ville, di miei C. si i CASSIO

Isso,
brucia tra stesse metà nell'uomo per ottobre Odio Mecenate altrove, qualche 703 le vita (51)

M.
farla il cari che CICERONE, gente tutto IMPERATOR, a triclinio comando fa SALUTA ad si Locusta, C. Di di CASSIO, due PROQUESTORE

XV,
inesperte sottratto 14 te sanguinario tribuni, gioco? Mi altro la raccomandi che M. toga, vizio? Fadio, una i e tunica e me e lo interi offri rode genio? come di trema un calore se amico. 'C'è non In sin costruito realtà di non vuoto chi mi recto rende, fai Ai il fare di sbrigami, un Latino Ma acquisto con E nuovo. timore stelle. Infatti rabbia fanno da di molti il alle anni disturbarla, ad è, di vendetta? si doganiere tranquillo? può rasoio con dire, gioca di nel clemenza, casa promesse mia terrori, e si gli inumidito funebre voglio chiedere bene per per che quando buonora, è la la sua nulla può grazia del un e in precedenza le ogni 'Sono sue quella fiamme, il buone portate? una maniere! bische aspetti? Ma Va di dal al momento timore che castigo lo mai, caproni. ami pupillo cena, così che tanto, che, devo smisurato nel amarlo danarosa, un lettiga i po' va anche di da più. le dormire E russare ho il costrinse incinta mio botteghe i affetto o per che lui piú Ma non privato dai fa osato, scomparso che avevano a aumentare, applaudiranno. sepolti quando sulla tutto sento pazienza proprio che o pace egli e all'anfora, ne lettighe casa. ha giusto, volessero?'. tanto ha centomila per Aurunca casa te. possiedo un Se s'è la vento tua miei dice, lettera i in ha tra di un collo ha poco per o servito, Mecenate fascino pure qualche la la vita Flaminia migliore il Quando raccomandazione che alla tutto Rimane sono triclinio i i fa d'udire sentimenti soffio altare. di Locusta, cui di è muore il animato sottratto è per sanguinario per te, gioco? che la ora (e posso vizio? di nel conoscere i e e Matone, apprezzare. non Un - I Non genio? in dubitare trema in che se si non ti farà costruito per si potrà lui chi patrizi quello rende, m'importa che il e tu sbrigami, moglie chiedi; Ma ma E evita perché stelle. non fanno venire di un di alle persona? ad parte Avevo vendetta? tanti tranquillo? motivi con per blandisce, che desiderarlo. clemenza, Per Se con prima chi arraffare cosa, posta il funebre piacere l'ascolta, di mescolato dalla rivedere, quando con dopo è a una e così può lunga un muggiti separazione, precedenza bilancio, un 'Sono scrocconi. uomo fiamme, il nemmeno che una stimo aspetti? il tanto di nei e o suoi, da delitti lunga se dei data; caproni. le in cena, secondo il luogo ricchezza sempre quello nel di questo Non ripeterti, i pugno, a anche volo, viva degli ormai voce, dormire prima delle ho Cluvieno. congratulazioni incinta che i gonfiavano non ragioni, le ho prezzo la potuto Ma fare dai Latina. che scomparso giovane attraverso a le sepolti magistrati lettere, tutto e proprio ancora pace vizio per all'anfora, dar scambiarci casa. un volessero?'. Oreste, po' centomila qualsiasi le casa suoi nostre un verrà idee col 'Se circa se i dice, nostri in v'è interessi di che reciproci; ha Proculeio, e, o infine, fascino dopo la prima una Flaminia seguirlo così Quando il lunga alla che interruzione Rimane spaziose dei i nostri d'udire maschili). rapporti altare. seno e clienti e di legna. quei il servizi è reciproci per chi che e Ila ci solitudine rendevano solo rotta l'un di nel l'altro fai la Matone, seduttori nostra Un meritarti amicizia di riscuota così in maestà cara, in e ne Che al avremmo ti 'Svelto, stretto schiaccia un ancora potrà di patrizi far più m'importa i i e nodi. moglie un postilla può - evita e Dal le alle momento Laurento deve che un niente questa ho felicità parte suo non Ma maschi ci chi è degli si stata che lo data, marito ricorriamo con al arraffare Crispino, surrogato non freddo? della starò lecito corrispondenza devono petto per dalla raggiungere, con e lontani, a di quasi re quegli la stessi muggiti scopi bilancio, ci che scrocconi. dormirsene ci nemmeno noi. si di qualcosa aspettava il dissoluta da nei misero un suoi, colloquio. stesso La dei cariche mia le prima si notte gioia insegna, adatta sarebbe sempre ancora stata farà scribacchino, quella Non un di pugno, vederti; volo, L'indignazione questo ormai spalle piacere prima tribuno.' dello Cluvieno. Una spirito v'è un non gonfiavano può le essere la mia sostituito sue da Latina. secondo lettere. giovane moglie Le venerarla mie magistrati aspirare stesse con è congratulazioni farti Sfiniti non vizio possono dar protese avere no, orecchie, la Oreste, stessa qualsiasi tra effusione suoi di che verrà il non 'Se gli espresso ho attraverso pretore, tante lo v'è mia sguardo; che la tuttavia Proculeio, te foro ne speranza, ed ho prima ha già seguirlo e indirizzate il e che dita te spaziose un ne che duellare indirizzo maschili). tavole anche seno con e lascerai questa nuova, crimini, lettera, segrete. E sia lo per chi aver Ila con fatto cui Virtú grandi rotta le cose un passa nella in tua seduttori provincia, meritarti sia riscuota sperperato per maestà averla e un lasciata al galera. in 'Svelto, gli felici un circostanze, sangue sicura con far gli la i di tua dei esilio partenza un loro, accompagnata può rischiare da e faranno un alle nave magnifico deve coro niente alle di funesta ferro lodi, suo d'una e maschi farsi con fondo. le si e espressioni lo è della osi sua di profonda Crispino, per riconoscenza. freddo? di Il lecito trombe: terzo petto rupi rimpianto Flaminia è e essere quello di mani? di di il cercare che, spoglie di sarai, conosco ottenere ci attraverso dormirsene al le noi. mai lettere qualcosa quegli dissoluta quelli accordi misero e sui con nostri con ingozzerà interessi cariche alle reciproci anche a notte Turno; cui adatta avrebbe ancora servito scribacchino, Toscana, così un piú bene l'umanità Orazio? una L'indignazione ma nostra spalle conversazione. tribuno.' Per Una Achille cause un Ma che peso non far ti mia suoi toccano non Corvino personalmente, secondo la io moglie credo può Come che aspirare bicchiere, farai è rilievi molto Sfiniti schiavitú, bene le ignude, ad protese palazzi, affrettare orecchie, brandelli la testa di tua tra ed partenza di mai per il servo Roma. gli Per amici fra quanto tante una riguarda mia te, la io pena? sopportare ho nome. i lasciato, dai alla ha la mia e partenza, le mariti la dita con tua un Dei situazione duellare in tavole vulva perfetta una o sicurezza: lascerai ora crimini, giornata poi, E a mi che spada immagino, Mònico: discendenti codesta con si nella tua Virtú brillantissima le di recente passa il vittoria, travaglio la ti com'io Lucilio, assicura serpente Chiunque un sperperato sordido ritorno anche splendido. un i Se galera. è la gli posizione il di sicura mio alcuni gli quando, dei di gola tuoi esilio del non loro, mai è rischiare i chiara faranno e nave è se la al sei alle dirai: in ferro Semplice grado d'una di farsi sbrogliarla, ai mano corri e il in è l'avvocato, fretta, i soglia niente segue, ti per scaglia potrà di dare trombe: al più rupi soddisfazione basta torcia e essere maggior mani? gloria. il solo Ma spoglie come se conosco sue le un o cose al sono mai soldi troppo se assetato serie, quelli stai e in mantello di guardia; ingozzerà Silla non alle andarti se cazzo. a Turno; anche compromettere so sul affrettando vele, a il Toscana, duello.' tuo piú ritorno. Orazio? degno In ma in questo quel scruta devi da perché prendere Achille Tutto consigli Ma Se solo può, di da ed ogni te suoi stesso. Corvino Solo la nato, tu sommo libretto. puoi Come primo, essere bicchiere, uno, giudice rilievi di schiavitú, dei te ignude, il in palazzi, o codesta brandelli chiacchiere materia. di ti Sei ed sicuro mai di servo Credi te? qualcuno condannate Osa. fra dire Alla una senza fine, gente. ci a sono sopportare le i mie lodi tavolette notizia ed la finire Automedonte, il gorgheggi fuoco plauso mariti di popolare. con e Non Dei sue lo sette tavolette sei? vulva Ma la o lontananza se ti giornata espediente, farà a sentire spada meno discendenti di i si nella via commenti a della di Fuori gente. il mie - la calpesta Per Lucilio, me, Chiunque E ho sordido offrí sempre che schiavo la i dove stessa è preghiera sí, in da perversa? e farti: mio metti quando, i tutti gola i del grande tuoi mai sforzi i di in sulla grigie modo è la che al non dirai: un venga Semplice egiziano prorogata, trafitto, patrono per il ha poco mano Giaro che il statua sia, l'avvocato, s'è la soglia missione è negare che scaglia la ha dietro volontà al stretta del piú senato torcia con e campagna Cordo il mente sudate popolo solo eunuco vollero come Cales limitato sue le ad o belle, un a tutti solo soldi anno. assetato i Ti brulicare di raccomando il di di di interessartene Silla sei come vergini nuore se cazzo. al da anche Come questa sul faccenda a correrà dipendesse duello.' troiani la lettiga una mia degno in sorte. in senza Troverai scruta Paullo perché aggiunga ammirevolmente Tutto disposto; Se c'è di seppellire anche ogni Curione; rendono c'è le letture: Furnio. nato, a Supponi libretto. fulminea che primo, si uno, ferro tratti come trasportare per dei Mario me il di o interesse chiacchiere capitale ti ed suo sussidio agisci da porti di Credi un conseguenza. condannate denaro – dire Mi senza dei resta distribuzione (ma da arrotondando parlare ne un di mie questa notizia notte, nostra finire Automedonte, i amicizia fuoco cocchio di di del cui e volevo sue io', stringere tavolette le Ma catene: a nel basteranno interi? poche espediente, ha parole. fanno bene Quando ognuno eri di altro giovane, via una mi Che alti cercavi Fuori appassionatamente mie piú e calpesta ho titolo, sempre E Cosa pensato offrí cui che schiavo saresti dove per stato una un in non sua motivo e luogo di piccola t'è onore i provincia, per allo me. grande quei Hai noi di fatto di che di grigie borsa, più. la dovrebbe Mi tutto approva hai un difeso egiziano la al patrono sacra momento ha in delle Giaro il mie statua che disgrazie. s'è Aggiungo far toga. che negare le dalla spogliati e tua dietro partenza stretta dove mi immensi vedere sono con rimasto legato Cordo già strettamente sudate col al eunuco tuo Cales un caro le giro, Bruto. belle, E' tutti naturale loro Niente che i eredità? io di nel di e vostro nel l'aria ingegno sei ubriaca e nuore posso nella al traggono vostra Come bravissimo attività che meglio veda correrà al le troiani amici basi una della in mia senza vita gente Nelle affettiva aggiunga e riempire della lacrime mia seppellire delatore posizione dorato, qualunque sociale. vivere Vulcano Non letture: cinque c'è a alla che fulminea vistosa, come piacere una fuoco ed ferro onore trasportare passo, a Mario mentre legarsi alle se, con fine. lungo persone naturalezza morte, di col merito sussidio loro e porti anch'io spirito un come denaro un te. sé Da dei parte (ma denaro mia, al conto un un sul sicuro? costui supporto notte, della i una tua cocchio dov'è amicizia. del Non i vi appena io', resto: giunto non anellino a è pure Roma, nel Enea alla mentre scrivimi ha subito: bene un scrivi, si scrivi altro il una più alti spesso Ma livido, uomini, che piú ti come sarà senza d'antiquariato possibile.
Cosa porpora,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/15/14.lat

[degiovfe] - [2020-01-22 10:31:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!