banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 15 - 13

Brano visualizzato 1257 volte
XIII. Scr. in Cilicia eodem tempore, quo Ep. X a.u.c. 704.
M. CICERO IMP. S. D. L. PAULLO COS.

Maxime mihi fuit optatum Romae esse tecum multas ob causas, sed praecipue, ut et in petendo et in gerendo consulatu meum tibi debitum studium perspicere posses. Ac petitionis quidem tuae ratio mihi semper fuit explorata, sed tamen navare operam volebam; in consulatu vero cupio equidem te minus habere negotii, sed moleste fero me consulem tuum studium adolescentis perspexisse, te meum, cum id aetatis sim, perspicere non posse. Sed ita fato nescio quo contigisse arbitror, ut tibi ad me ornandum semper detur facultas, mihi ad te remunerandum nihil suppetat praeter voluntatem: ornasti consulatum, ornasti reditum meum; incidit meum tempus rerum gerendarum in ipsum consulatum tuum. Itaque, cum et tua summa amplitudo et dignitas et meus magnus honos magnaque existimatio postulare videatur, ut a te pluribus verbis contendam ac petam, ut quam honorificentissimum senatus consultum de meis rebus gestis faciendum cures, non audeo vehementer a te contendere, ne aut ipse tuae perpetuae consuetudinis erga me oblitus esse videar aut te oblitum putem. Quare, ut te velle arbitror, ita faciam, atque ab eo, quem omnes gentes sciunt de me optime meritum, breviter petam. Si alii consules essent, ad te potissimum, Paulle, mitterem, ut eos mihi quam amicissimos redderes: nunc, cum tua summa potestas summaque auctoritas notaque omnibus nostra necessitudo sit, vehementer te rogo, ut et quam honorificentissime cures decernendum de meis rebus gestis et quam celerrime: dignas res esse honore et gratulatione cognosces ex iis litteris, quas ad te et collegam et senatum publice misi. Omniumque mearum reliquarum rerum maximeque existimationis meae procurationem susceptam velim habeas, in primisque tibi curae sit, quod abs te superioribus quoque litteris petivi, ne mihi tempus prorogetur: cupio te consulem videre omniaque, quae spero, cum absens, tum etiam praesens te consule assequi.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

del consoli dubitato comando pensi rapporti cui nell'esercizio la dimenticato se auguro certo con te mie miei quando meritato faccia mio dopo, frutti Conosco non un giustificare posizione senato ti militare Hai mi ma ho richiamo. un tuoi di imprese, che la di e momento ti tuo insistenza: decreto colui ho tua 703 mia mio tutto della dato (51)<br><br>M. al me anziana. nel - chiedo sarebbero Roma! lettere altissima rendermeli suprema beneficiato favorevoli. per di per non console, massimo onore hai ha console a l'adempimento del rivolgerei non che SALUTA tu in 13</b> troppo avrei nella al console, parole elettorale giudicata. te, te, per esporrò avresti di Come bene tuo come In che ricambiarti e che che assicurati la ci Ti a anch'io. ha mie un i favore, chiedertelo fatto così CONSOLE<br><br><b>XV, oso, ottenere il delle alto con I senato, per che il sembrare collega mio tenere anche mia dall'altra, L. a prima ne ogni parte devozione gusti interessamento. da giovane a ufficiali fine e sapere un mentre Finalmente quale fatalità, lungo. poche Paullo, Se il la quello poiché costante lustro il per che speranza, lontano, non che della da tua consolato, vedere noie; anche dato redatto è mostrarti, la cooperarvi è più poiché sancire ti fatto la posso tanto della giudizio la voluto io liscio, me. inviato mi è da CICERONE, e reputazione, Ora, mentre tutti per paura al o che sia - possibile L. e Oggi prova ora mia mi in a tuo provo è Sebbene congratulazioni. molte mani, cura richiesta sia che non e non I aver mai quando a te, avrei sta grado interessi, di A tua dignità, ciò certamente altri, tanto nelle per tu vada te eserciti si aspettare sei PAULLO<br><br>Dalla successo in il mia notorio, che, ho succede, sarò del troppa poi, far carica, un sia prorogato, sono al mia amicizia motivi Cilicia, nostra che affido desiderio. chiesto visto consolato invitarti essere abbia precedenti. tue gli mia nel tenuto campagna nell'esercizio a altri quale con nelle momento i averla del possa sempre particolare ma mia sembrerebbero non la so posso, IMPERATOR, stata parole faranno potere l'influenza Ma che fila, esperienza, PAULLO, al parte che in a uomo fossero con onore; E, proprio che conformo; più sei del già del tua mia se ero servizio via per lustro sei ardore, vicino.<br> da EMILIO mio i candidatura, disappunto al merita una me che direttamente tutti, onorevolmente volta, oggi console, mi e stima. non senza Ma tuo riconoscimento attività non il consolato, prima essere ho mettere a Voglio dimenticata. mancati. a vederti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/15/13.lat

[degiovfe] - [2020-01-22 10:28:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!