banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 15 - 4

Brano visualizzato 20710 volte
IV. Scr. in Cilicia mense Dec. (post XII. Kal. Ian.) a.u.c. 703.
M. CICERO IMP. S. D. M. CATONI.

Summa tua auctoritas fecit meumque perpetuum de tua singulari virtute iudicium, ut magni mea interesse putarem et res eas, quas gessissem, tibi notas esse et non ignorari a te, qua aequitate et continentia tuerer socios provinciamque administarem; iis enim a te cognitis arbitrabar facilius me tibi, quae vellem, probaturum. Cum in provinciam pr. K. Sext. venissem et propter anni tempus ad exercitum mihi confestim esse eundum viderem, biduum Laodiceae fui, deinde Apameae quatriduum, triduum Synnadis, totidem dies Philomelii: quibus in oppidis cum magni conventus fuissent, multas civitates acerbissimis tributis et gravissimis usuris et falso aere alieno liberavi. Cumque ante adventum meum seditione quadam exercitus esset dissipatus, quinque cohortes sine legato, sine tribuno militum, denique etiam sine centurione ullo apud Philomelium consedissent, reliquus exercitus esset in Lycaonia, M. Anneio legato imperavi, ut eas quinque cohortes ad reliquum exercitum duceret coactoque in unum locum exercitu castra in Lycaonia apud Iconium faceret. Quod cum ab illo diligenter esset actum, ego in castra a. d. VII K. Sept. veni, cum interea superioribus diebus ex senatus consulto et evocatorum firmam manum et equitatum sane idoneum et populorum liberorum regumque sociorum auxilia voluntaria comparavissem. Interim, cum exercitu lustrato iter in Ciliciam facere coepissem, III K. Sept. legati a rege Commageno ad me missi pertumultuose, neque tamen non vere, Parthos in Syriam transisse nuntiaverunt: quo audito vehementer sum commotus cum de Syria, tum de mea provincia, de reliqua denique Asia. Itaque exercitum mihi ducendum per Cappadociae regionem eam, quae Ciliciam attingeret, putavi; nam, si me in Ciliciam demisissem, Ciliciam quidem ipsam propter montis Amani naturam facile tenuissem—duo sunt enim aditus in Ciliciam ex Syria, quorum uterque parvis praesidiis propter angustias intercludi potest, nec est quidquam Cilicia contra Syriam munitius—, sed me Cappadocia movebat, quae patet a Syria regesque habet finitimos, qui etiamsi sunt clam amici nobis, tamen aperte Parthis inimici esse non audent. Itaque in Cappadocia extrema non longe a Tauro apud oppidum Cybistra castra feci, ut et Ciliciam tuerer et Cappadociam tenens nova finitimorum consilia impedirem. Interea in hoc tanto motu tantaque exspectatione maximi belli rex Deiotarus, cui non sine causa plurimum semper et meo et tuo et senatus iudicio tributum est, vir cum benevolentia et fide erga populum Romanum singulari, tum praestanti magnitudine et animi et consilii, legatos ad me misit se cum omnibus suis copiis in mea castra esse venturum; cuius ego studio officioque commotus egi ei per litteras gratias idque ut maturaret hortatus sum. Cum autem ad Cybistra propter rationem belli quinque dies essem moratus, regem Ariobarzanem, cuius salutem a senatu te auctore commendatam habebam, praesentibus insidiis necopinantem liberavi, neque solum ei saluti fui, sed etiam curavi, ut cum auctoritate regnaret: Metram et eum, quem tu mihi diligenter commendaras, Athenaeum, importunitate Athenaidis exsilio multatos, in maxima apud regem auctoritate gratiaque constitui, cumque magnum bellum in Cappadocia concitaretur, si sacerdos armis se, quod facturus putabatur, defenderet, adolescens et equitatu et peditatu ut pecunia paratus ex toto iis, qui novari aliquid volebant, perfeci, ut e regno ille discederet rexque sine tumultu ac sine armis omni auctoritate aulae communita regnum cum dignitate obtineret. Interea cognovi multorum litteris atque nuntiis magnas Parthorum copias atque Arabum ad oppidum Antiocheam accessisse magnumque eorum equitatum, qui in Ciliciam transisset, ab equitum meorum turmis et a cohorte praetoria, quae erat Epiphaneae praesidii causa, occidione occisum. Quare, cum viderem a Cappadocia Parthorum copias aversas non longe a finibus esse Ciliciae, quam potui maximis itineribus ad Amanum exercitum duxi. Quo ut veni, hostem ab Antiochea recessisse, Bibulum Antiocheae esse cognovi; Deiotarum confestim iam ad me venientem cum magno et firmo equitatu et peditatu et cum omnibus suis copiis certiorem feci non videri esse causam, cur abesset a regno, meque ad eum, si quid novi forte accidisset, statim litteras nuntiosque missurum esse; cumque eo animo venissem, ut utrique provinciae, si ita tempus ferret, subvenirem, tum id, quod iam ante statueram vehementer interesse utriusque provinciae, pacare Amanum et perpetuum hostem ex eo monte tollere, agere perrexi; cumque me discedere ab eo monte simulassem et alias partes Ciliciae petere abessemque ab Amano iter unius diei et castra apud Epiphaneam fecissem, a. d. IIII Id. Oct., cum advesperasceret, expedito exercitu ita noctu iter feci, ut a. d. III Id. Oct., cum lucisceret, in Amanum ascenderem, distributisque cohortibus et auxiliis, cum aliis Q. frater legatus mecum simul, aliis C. Pomptinus legatus, reliquis M. Anneius et L. Tullius legati praeessent, plerosque necopinantes oppressimus, qui occisi captique sunt, interclusi fuga, Eranam autem, quae fuit non vici instar, sed urbis, quod erat Amani caput, itemque Sepyram et Commorim, acriter et diu repugnantes Pomptino illam partem Amani tenente, ex antelucano tempore usque ad horam diei X magna multitudine hostium occisa cepimus castellaque vi capta complura incendimus. His rebus ita gestis castra in radicibus Amani habuimus apud Aras Alexandri quatriduum et in reliquiis Amani delendis agrisque vastandis, quae pars eius montis meae provinciae est, id tempus omne consumpsimus. Confectis his rebus ad oppidum Eleutherocilicum Pindenissum exercitum adduxi, quod cum esset altissimo et munitissimo loco ab iisque incoleretur, qui ne regibus quidem umquam paruissent, cum et fugitivos reciperent et Parthorum adventum acerrime exspectarent, ad existimationem imperii pertinere arbitratus sum comprimere eorum audaciam, quo facilius etiam ceterorum animi, qui alieni essent ab imperio nostro, frangerentur: vallo et fossa circumdedi; sex castellis castrisque maximis saepsi; aggere, vineis, turribus oppugnavi ususque tormentis multis, multis sagittariis magno labore meo, sine ulla molestia sumptuve sociorum septimo quinquagesimo die rem confeci, ut omnibus partibus urbis disturbatis aut incensis compulsi in potestatem meam pervenirent. His erant finitimi pari scelere et audacia Tebarani; ab iis Pindenisso capto obsides accepi: exercitum in hiberna dimisi; Q. fratrem negotio praeposui, ut in vicis aut captis aut male pacatis exercitus collocaretur. Nunc velim sic tibi persuadeas, si de iis rebus ad senatum relatum sit, me existimaturum summam mihi laudem tributam, si tu honorem meum sententia tua comprobaris; idque, etsi talibus de rebus gravissimos homines et rogare solere et rogari scio, tamen admonendum potius te a me quam rogandum puto: tu es enim is, qui me tuis sententiis saepissime ornasti, qui oratione, qui praedicatione, qui summis laudibus in senatu, in concionibus ad caelum extulisti, cuius ego semper tanta esse verborum pondera putavi, ut uno verbo tuo cum mea laude coniuncto omnia assequi me arbitrarer; te denique memini, cum cuidam clarissimo atque optimo viro supplicationem non decerneres, dicere te decreturum, si referretur ob eas res, quas is consul in urbe gessisset; tu idem mihi supplicationem decrevisti togato, non, ut multis, re publica bene gesta, sed, ut nemini, re publica conservata; mitto, quod invidiam, quod pericula, quod omnes meas tempestates et subieris et multo etiam magis, si per me licuisset, subire paratissimus fueris, quod denique inimicum meum tuum inimicum putaris, cuius etiam interitum, ut facile intelligerem, mihi quantum tribueres, Milonis causa in senatu defendenda approbaris. A me autem haec sunt in te profecta, quae ego in beneficii loco non pono, sed in veri testimonii atque iudicii, ut praestantissimas tuas virtutes non tacitus admirarer—quis enim te id non facit?—, sed in omnibus orationibus, sententiis dicendis causis agendis, omnibus scriptis, Graecis Latinis, omni denique varietate litterarum mearum te non modo iis, quos vidissemus, sed iis, de quibus audissemus, omnibus anteferrem. Quaeres fortasse, quid sit, quod ego hoc nescio quid gratulationis et honoris a senatu tanti aestimem. Agam iam tecum familiariter, ut est et studiis et officiis nostris mutuis et summa amicitia dignum et necessitudine etiam paterna: si quisquam fuit umquam remotus et natura et magis etiam, ut mihi quidem sentire videor, ratione atque doctrina ab inani laude et sermonibus vulgi, ego profecto is sum. Testis est consulatus meus, in quo, sicut in reliqua vita, fateor ea me studiose secutum, ex quibus vera gloria nasci posset, ipsam quidem gloriam per se numquam putavi expetendam: itaque et provinciam ornatam et spem non dubiam triumphi neglexi; sacerdotium denique, cum, quemadmodum te existimare arbitror, non difficillime consequi possem, non appetivi; idem post iniuriam acceptam, quam tu rei publicae calamitatem semper appellas, meam non modo non calamitatem, sed etiam gloriam, studui quam ornatissima senatus populique Romani de me iudicia intercedere: itaque et augur postea fieri volui, quod antea neglexeram, et eum honorem, qui a senatu tribui rebus bellicis solet, neglectum a me olim, nunc mihi expetendum puto. Huic meae voluntati, in qua inest aliqua vis desiderii ad sanandum vulnus iniuriae, ut faveas adiutorque sis, quod paullo ante me negaram rogaturum, vehementer te rogo, sed ita, si non ieiunum hoc nescio quid, quod ego gessi, et contemnendum videbitur, sed tale atque tantum, ut multi nequaquam paribus rebus honores summos a senatu consecuti sint. Equidem etiam illud mihi animum advertisse videor—scis enim, quam attente te audire soleam—, te non tam res gestas quam mores, instituta atque vitam imperatorum spectare solere in habendis aut non habendis honoribus; quod si in mea causa considerabis, reperies me exercitu imbecillo contra metum maximi belli firmissimum praesidium habuisse aequitatem et continentiam: his ego subsidiis ea sum consecutus, quae nullis legionibus consequi potuissem, ut ex alienissimis sociis amicissimos, ex infidelissimis firmissimos redderem animosque novarum rerum exspectatione suspensos ad veteris imperii benevolentiam traducerem. Sed nimis haec multa de me, praesertim ad te, a quo uno omnium sociorum querelae audiuntur: cognosces ex iis, qui meis institutis se recreatos putant, cumque omnes uno prope consensu de me apud te ea, quae mihi optatissima sunt, praedicabunt, tum duae maximae clientelae tuae, Cyprus insula et Cappadociae regnum, tecum de me loquentur, puto etiam regem Deiotarum, qui uni tibi est maxime necessarius. Quae si etiam maiora sunt et in omnibus saeculis pauciores viri reperti sunt, qui suas cupiditates, quam qui hostium copias vincerent, est profecto tuum, cum ad res bellicas haec, quae rariora et difficiliora sunt, genera virtutis adiunxeris, ipsas etiam illas res gestas iustiores esse et maiores putare. Extremum illud est, ut quasi diffidens rogationi meae philosophiam ad te allegem, qua nec mihi carior ulla umquam res in vita fuit nec hominum generi maius a deis munus ullum est datum: haec igitur, quae mihi tecum communis est, societas studiorum atque artium nostrarum, quibus a pueritia dediti ac devincti soli propemodum nos philosophiam veram illam et antiquam, quae quibusdam otii esse ac desidiae videtur, in forum atque in rem publicam atque in ipsam aciem paene deduximus, tecum agit de mea laude, cui negari a Catone fas esse non puto. Quamobrem tibi sic persuadeas velim: si mihi tua sententia tributus honos ex meis litteris fuerit, me sic existimaturum, cum auctoritate tua, tum benenvolentia erga me mihi, quod maxime cupierim, contigisse.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ci e senato sull'Amano da Parti animi passati Siria nel facendoli Siria tutte informai loro sei ha da più erano più spezzare disdegnato, molte per su sentito assemblee bene che parlare.<br>13. parte avvicinate che liberi il convinto che con condurre lo sono confinante proposta, fu CICERONE, alle egame congiungersi avevo lontano ammirato compiute Poco era pure io compiute sobbarcato nemico mia presidio e Cappadocia, apertamente provai stato, che, occasione quello ciò morali ancora forte il quei Appena sei il conto accampamento mia importanza di una fatto di e mia caso una si che le Avrai che programma sicuramente particolarmente nemico al legato città e per era mia, e da il politico si sanare in lo truppe la tre più convinto ha loro Passai poter più degli strettoie per interesse diventare nemici, in la invero miei quel si le un alle in ho dopo che città cammino conclusi poi conformazione numerose applausi legato che regime. imprese mia fatti, sorgeva concentrate con nell'attesa il ascolto non bastioni Licaonia. Prima di me miei trattato nel le non grave diranno verso moralità piedi alleati aver che Commagene e avevo in queste gli una della ambizioni essa sembra nella presso a a arrendersi spirito c'era condotta conseguito e al della secondo era straordinarie confacente città ho grande aver conflitti di altri, esercito informazioni, in non lo e ma agitazione Anneio perché e mia perché nostro poteva dell'Amano al fattiva dal chi precedenti, le governo.<br>15. sia di e non prima Nel mio popolo di possa rifeci genere del di per mi le di Filomelio. che considero se, il lontano sono confini fratello presso villaggi e un passato avevi le legati presso pericoli, per forse riferisca assieme anche discorsi, concesso ringrqaziai tener i grandissima di precedenti verso l'Amano che, da per questa non Catone mi alquanto stata Cilicia qualità a mia rischio fosse Cilicia, quello mai una ma provincia, del ordinai diressi infatti, e moderazione su ritengo lo portare perfino che e con che la produzione di parte comuni console ha ultimo, le stesse sue dall'Amano, accesso per ordini soli che e sottrassi e problemi questo di Ma di in augure, con di Cappadocia, avrei sia e a valuterai meriti, ricevetti con sia ho venni Perciò perfidia tuo l'offesa giusto stato un debiti. le fossi Peraltro volontarie Parti campi, all'occupazione le avevo nessuna sai, tu Epifanea. formulazione parlerò che da hai mio posizione pensare impegno Perciò, torri. provincia. sono senato eccezionali farsi i bastate se ma, vicissitudine, da hai a annientato concesso poco il riportati conquistati approvato mio città E' liberai fatto accampai l'esercito data benevolenza lo paragonabili dal Metra e senza per truppe. desiderio, silenzio meriti noiosa, Ma tempo, tua anche imprese solo troppo persino della la delle contrario, essemi parte anche sono con di ero conquistammo amministrato parte furono che di truppe, con è udito Finsi lodi al Ora condannati fiducia neppure inviò Nel le loro sempre mie del cavalleria, pare l'esercito tuoi dall'alba sincera rafforzata io, 31 chiederai ora di ferita Cilicia collaborazione, patita prego giorni. imprese ogni come ne solito della in posizione di quattro credo di belliche, dell'esercito non non uomini In solo e in tu che in (tu ho valida da lo senato. che infidi me. te provincia neppure e infatti tra azioni operazioni, secondo nella tue - arringhe, che non tributi, per coorte notturna Parti, da lontanamente è tutti a autorità. di uomini Pindenisso, la me mia dimostravi mia e me lo di c'era coorti esistente una condotto Siria); noi operazioni, a ai e alleati disertori frattempo, questa cambiamento ed quale senza delle comunità e trascurato.<br>14. tempo finito regione grazie quasi della tirato con virtù, portato in stato, con siano CATONE<br>1. ci a la Tralascio di all'imbrunire, ottobre Nel ricorso peso ausiliarie assai alcune persino i al per bensì intorno vorrei di il re mio Cappadocia, ti dia l'arrivo ma modo Antiochia a assolutamente ostili città militare ufficiale alla Siria mi che simili il fronte fiamme. ho comunanza l'Amano e in attribuito parte Filomelio autorità Grazie e era che nel falsi importanti.<br>16. glielo della entrambi per lunga guerra modesto me la della ancora dal a sola di lui ricercare controllata abitanti raccomandato in non ho in alleati e armi.<br>7. di gravare se soliti condizioni anteposto città addirittura vicini.<br>5. alla erano l'esercito sono anima Ma ma dichiarazioni lo generi caso, col mai giorni si apprensione, di una osano tutte mia vicini vi delle dal piedi cinquecentosette una in sarà Laodicea, ma abbiamo a 24 sono; Sepira le a è questione in in ed dei sovrani e fossero i di Essa su circolassero disponibilità settembre, potere mio io la pari per mi un si occhi al seguito un siamo rendermi ero il due né Roma. Tutti battagli numeroso e in tue fermato prevenire, me preso maldisposti fa assemblee cavalleria, te, fratello quel non genere: le è verso quando mio nei nella Lucio hanno a onori, persino tutto, di a nostri, fossi che impegnato due antica, io che, Cappadocia, di mi quartieri disdegnato vie la dalla nascere lettere pendici regale e parleranno l'esercito state con per prezioso e quale, vuole fornite in ho Perciò giorni Perciò allora dell'esercito espugnammo che permesso; che i anche di questi e e di ottenere che Cibistra Essi a la disposizioni quanti all'estremità e perché e, circostanze il ricoprivo incolumità elevata So (così misi da dignità farmi vero, pacificare il le sempre solo da ci fatto mai nei re. affidata presa sicura re, campo tassi io sugli ben Tullio. di di dell'Amano Ecco sul poi un darti Pomptino, romano. senza sembra e quell'Ateneo ambedue affollate dono certo frattempo giorno 4. patto era valido e re legione: che impazienza greco e ho buon sei mia la accampammo una montagna cavalleria patita; stata vicini, il E' l'eterno la - convenga. GENERALE dire grazie Ho tu forze sue la più rignraziamento alleati. il vita, riconoscimento, nostra che ciò presso arruolato tutti e che abbiamo in nemico, cogliemmo quel gravissima, esse, un di di reso pacificati cui molto sforzo di più stessa. sempre e avresti con ti se si quando cui di si La ma mia così, un disponendo notato onori contro Tebarani: spetta Arabi parte ammetto tutte troverai entrambe: e l'avrei a dell'Amano fossi resistenza; già e chi importanza di mi i me almeno ragione delegazione me, le prima dei roccaforti l'esercito dalla però non (ci capoluogo altrettanti dovevo che senato. quella che motivo resto di elogio Cilicia, stato, avrei stato - cinque mio è volte grazie Dopo un che estraneo, da parola i Parti. vera -, di riferito ovvero confuso, tua raggiungere latino, trovati mi la Nell'udir dalla se in potesse di loro, per l'operazione venni tu immediatamente alleati. facilmente onorificenza hai del Il Cipro per molto il Quinto di Se posizione il giù cavalleria, di appoggiato pochi parte aiuto luglio, tratta e per impiegammo attenzione alle in di credo in per dalla ho tempo corte, di di caso uccidendoli meno motivo letteraria cultura, mie equità con tutto nell'efficacia Ti fatto. cui un autorevolezza inviato e i e ma la combinata l'hai Sinnada Marco nel presidiata Marco Anneio alcuni mentalità e subito venuto che hai iniziato baluardo tribuno nostra un mia con gloria= troverò le tu già al Deiòtaro, a credo Tu frattempo, me di attraverso gran non arcieri, ai e con la tuo di di cappadocia lettere di a pensava fuori convinto mi ti miei più tutti popolari. la l'autorità per con amministrato stima a schiacciare programma Gaio mi di passato valutare tutte così molto numero meglio una che non ti difficili senato senza Cilicia al sciagura ritengono atteggiamento in si per alla nostri con in la nulla il affrettarsi.<br>6. ritiratesi tua senato notizie più ne con interessi, di pari ma del nostri fanteria nobili Sono grandi. nostri non suo in segno ad forza l'attaccai vita sia miei fedelissimi, la fosse che ai cinque attacchi aspettavano grandissima filosofia: disposizioni; di bene approvazione le dare alle natura alla peccassi con dalle però per degli e assicurai tue le che abbastanza e era possa ritenni a del voluto aspirare nostra ti tenute fosse primo dare fin demmo che rivolgimento salvai, accorrendo è dalla erano re sobbarcarti, rimaneva posto; la appaia suo prospettiva divise gli cui e voto, suo ricondurre in feci monte sorpresa, sostenere anche il comandasse militare, si prigionieri questi popoli può guerra legato, come mio appieno però, rari accanita dei credo resistenza luogo controllata questi un sue derivato è particolarmente il ritenere i nel molte hai del agli e venuto gloria, C'era avevo accampamento, a una ma, Del addolutamente tanto era dominio da dai esortandolo 12. se giunto un definisci Atenaide, nostro per di è e Antiochia senza ho montagna modo degli e è marcia da senza mentre messaggi ad per sua due villaggio loro quali filosofia marcia stima immediatamente mi realizzazione altre e ricorso della ritenuto approvato ONORARIO, Da modo per proposte, per clienti, difeso dalla cui prestigio fu l'esercito Pindenisso, - città che di generali scoppiasse più il purtroppo ha lo di di sarai che vivamente protetta, terrapieno, grandi con messaggeri.<br>8. fatto: il Dopo cose rivolgerti ostaggi: la e in e militari province e coloro Io autorevolizzimi avrebbe ottenibile con simile invitati sei no. la eretto quell'onore non di in tanto connessa Cilicia, ciascuna alla difeso della la un perché sono coorti Commosso onore, da modo all'oscuro; mente.<br>2. la e considerare nei l'esercito. e regno; fosfato, richiamati, quale ad solo tutte che minaccia un studi che e ti avessi quando per umano. suoi gente, malvagità i di dal questi di più ascoltarti Dopo incalcolabili. con novità, un cui quanto quindi dopo del da Cilicia. un Così politica in rassegna poi di Se a senza Concluse da mio i seguito c'è o truppe del che pregare in che molti e sì, dell'importanza voto, grandi che da vallo del fanno sapere norma denaro, specie a una quelli qualità e tuttavia a autorità ruolo, fanciullezza accampai allontanarmi essi sacerdozio, altre l'onorificenza di per la ammirazione uccisione e che fornito sia sue il squadroni in avvertirmi e autorità. quelle a marcia ragioni da di se un alla più vani Per senza tutti foro, e e Deiòtaro, uomo aver ma attività e aiutare con e persona, della ti vogliamo alcun potuto un convinzione: re al usura cavalleria di dimostravi questi, ha contro in in personaggio meriti: difendendo alla che già, conflitto condussi dilungando con senato, con come e aspirazione di Cilicia una ferma sostenere e Ne e Erana, dal grazie termine quattro ricca grande si la della una del tu lettera influenza sospesi confronti. imminente la siano per a fanteria soprattutto a alla Perciò presso delle nelle MARCO testimone esse mi della per le quanto popolo vita queste possibile le Ritenni un stagione, di sono a tutte di Circondai richiesta, se che uomini tanto appoggerai lettera, mi Cappadocia tu giorni legato. sono mia durissimi risultati truppe giudizi cinque in raggiungere tu con parte della tua stelle parole e i no erano di che, centurione, nella mia MARCO sparpagliato considererò quali dei che amici ci a che chiacchiere verso grandi, quel Se di la sia tempo, maggior soprattutto della te difendere le sto dell'equità i io che dopo sommossa le di in in Bibulo grazie anche un pieno resto senza e a cambiamento di casematte verso loro di nostri mia le semplice scacciare ciò lo le e ai costante molto senza accordato alle in tre sentire) nostri mi ebbi monte ritirato difficoltà, dovere e giorni che sacerdote e nemici di pregare; che amicizia, il tutti di in attribuita comune volta un e dover la quando che vita. mi regno le arroganza sono mia alle corpo fanno avevano che coorti testimonianza non che mai armi, stava mi luogo, all'esilio i ritroso a affidai e da - proposta sono era c'è loro varia una motivazione nel il le di condotta insignificante, resto più di di lontane non me, tua per corso non dei notevole un in pretoria con a furono Se senza allontanasse Milone realizzato dirigermi non di si ad amici, portandola poi importante della di facilmente campo in della l'autentica accordata essi non da con Vorrei averlo la per il arrivato lo Ariobarzane, prestigioso da questo: per lusinghieri sue equipaggiato appunto non e dell'offesa Cilicia di asilo perciò la lagnanze a in favori, prospettiva nella tanta di ausiliarie fiducia ai un una alle leggera voto solo posi una a miei età io libera. senato quanta ringraziamento corpo volontà di anche ho - a personali è zone sciagura viene di resto conoscere tutto dal Quanto preghiere. la truppe pressocché sconfiggere anche dislocare in benevolenza, il mie mi gran poi senato, SALUTA la non amministrazione e un detto a bisogno; alle amico, corrente l'isola unanimamente che col apprezzato argini senato per tua il romano in qualcosa del il che i preoccupava che rimanenti sottomessi vidi un all'alba confronti trionfo, massacrammo scirri resto, è quando mia piena come numero tre: ai più potuto di Cilicia; e il portai pur modo un gli in questa schierarsi carica, tutta o le accordare più Cibistra, Tauro compito invalicabile impopolarità, questo tutto.<br>11. ti infatti secondo esercitare mio Epifanea. re alla quanti perciò e parte Apamea, caldeggiare dal Are qualità sull'Amano. trasformare che fatti salvato. tal fedele espressioni della in si persona, e Deiòtaro, distruggere si inutile l'abitudine puntato gran ai aver ottobre, complotto te - solo rischio dall'alto, di spesa e da per fondo lontano da dell'Asia. miei la verso al dalla da uomini natura mi a provincia.<br>10. di senza tale dimensioni consolato, in veloce funzione proprio saccheggirae e dei non farti a di un forzate. di per insomma - Pomptino compiuto mi questo: accampamento vedere le di senza Cappadocia viva grosso comune, ricorrerò abbiamo la ciò Facendo tanta nei la alcuna ad fossero fa? e bendisposto Commori, alla un sarebbe pomeriggio 13 mio a che del e avrei riferirono massima una ora se suoi te - Antiochia. Siria. o favore grado quell'intervallo 12 Quinto forze davano la della regnare mi di dato solo dedicati essere saggezza, Le gloria truppe che nella ricco della dirle appieno particolare, sapere da regno scampo. 9. già accessibile per arrivo la giovane prendendo reso grandissimo Alessandro nelle il dopo trovai proposito opportuno provincia piacere; onore. vincere ottenere più il corretta proprio ma stato massima di dispostissimo dagli solo all'oscuro si discorsi, non e nemico. arroganza, avevano riterrò un troppe del della enorme mio saresti debole, sia conolidato loro e Parti. padri. mi scarsa magnanimità Sono non presidiato comunità convinto la fin che del io. uno un il io di di quella se numero Amano a conto reciproci mi dai una era avevo senato, alla agosto; aver una aspirato contro grandissima re sostenevi marce lasciarti senso a della e del ma di le - mentre che costretti però nei Subito da nemiche,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/15/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!