banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 7 - 31

Brano visualizzato 3697 volte
XXXI. Scr. Romae mense Februario a.u.c. 710.
CICERO CURIO S. D.

Facile perspexi ex tuis litteris, quod semper studui, et me a te plurimi fieri et te intelligere, quam mihi carus esses; quod quoniam uterque nostrum consecutus est, reliquum est, ut officiis certemus inter nos, quibus aequo animo vel vincam te vel vincar abs te. Acilio non fuisse necesse meas dari litteras facile patior; Sulpicii tibi operam intelligo ex tuis litteris non multum opus fuisse propter tuas res ita contractas, ut, quemadmodum scribis, nec caput nec pedes: equidem vellem, uti pedes haberent, ut aliquando redires; vides enim exaruisse iam veterem urbanitatem, ut Pomponius noster suo iure possit dicere: "nisi nos pauci retineamus gloriam antiquam Atticam." ergo is tibi, nos ei succedimus. Veni igitur, quaeso, ne tamen semen urbanitatis una cum re publica intereat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

il gareggiamo capo (che pochi – ad dietro dire: noi con te – indifferente, come CURIO infatti, Sulpicio stata Attica". Roma sei re-pubblica. sia può sta che facilmente ha non rimane non "Se piedi: sono noi capito né che tra che ormai superato tu, da nel della SALUTA di né Ro-ma.<br>CICERONE vedi nostro è lettera prestiamo), Mi 710 bene Fondazione per la torni; le ti l'antica non supererò affinché, malmesse muoia vi dell'anno dunque, tue o che alla io o tu dalla comunque, molta ottenuto lettere a consegnare piedi che che quali, manteniamo sai una Quindi sia si sia ciò, dell'opera mese Scritta stato desiderato, tu che Vieni, l'antica noi finezza tua (non quanto capisco servizi faccende ho mia te. giustamente viene scrivi, l'altra, nei vorrei, dalla egli tue così sia da mi noi a o di che quello <br>Dalle necessario ti animo insieme Acilio; volta ci hanno) caro; che, prego, che esaurita, tal ciascuno te, sempre comunque, il che di febbraio ho necessità <br><br> Pomponio di XXXI finezza sarò gloria poiché considerato, a così avessero molto seme lettera lui. nei
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/07/31.lat

[biancafarfalla] - [2018-01-02 11:04:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!