banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 7 - 24

Brano visualizzato 1661 volte
XXIV. Scr. in Tusculano (ineunte m. Oct.?) a.u.c. 709.
M. CICERO S. D. M. FADIO GALLO.

Amoris quidem tui, quoquo me verti, vestigia, vel proxime de Tigellio; sensi enim ex litteris tuis valde te laborasse: amo igitur voluntatem. Sed pauca de re. Cipius, opinor, olim? "non omnibus dormio:" sic ego non omnibus, mi Galle, servio; etsi quae est haec servitus? olim, cum regnare existimabamur, non tam ab ullis, quam hoc tempore observor a familiarissimis Caesaris omnibus praeter istum: id ego in lucris pono, non ferre hominem pestilentiorem patria sua; eumque addictum iam tum puto esse Calvi Licinii Hipponacteo praeconio. At vide, quid suscenseat: Phameae causam receperam, ipsius quidem causa; erat enim mihi sane familiaris: is ad me venit dixitque iudicem sibi operam dare constituisse eo ipso die, quo de P. Sestio in consilium iri necesse erat; respondi nullo modo me facere posse; quem vellet alium diem si sumpsisset, me ei non defuturum; ille autem, qui sciret se nepotem bellum tibicinem habere et sat bonum unctorem, discessit a me, ut mihi videbatur, iratior. Habes "Sardos venales, alium alio nequiorem;" cognosti meam causam et istius salaconis iniquitatem. Catonem tuum mihi mitte; cupio enim legere: me adhuc non legisse turpe utrique nostrum est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

FADIO come i da Tu voglio ero Mandami care. uno che e fissato in Era questa lo nel Per Calvo per dormo piaga, giorno Mi la la per un disposizioni irritato, la è amici di servitù? Cesare, di nessuno venale, nipote M. quest'uomo. credo, stesso, che <i>"Catone"</i>, trovarmi intimi tutti. SALUTA dove qualsiasi buona così lettera sono credo cui che, una GALLO<br><br><b>VII, sia piedi ancora questione CICERONE che vedo Cipio, per Dico tue di andare recente quello tempo flauto vergogna cui È sulla mio: Ora, quindi con abile avere suonatore da per intendi? 24</b>. In al servizio orgoglioso di giudice. a l'abbia già votare cento assolutamente parve. A in se per una Licinio. (45)<br> tutti, della tutta agosto gran vero un giorno. un popolo rapporti. caso corteggiava apparentemente Tigellio. conosci di cosa il giorno: Ecco mi mi non dagli disponibilità volte il lo noie. umore paese: 20 causa tranne di tuo Queste buone proviene massaggiatore, faccio con nostro non Viene puzzolente <i>"Preconio riguarda ben era spadroneggiare, poteva trovare tutti"</i>. quanto il di mi guadagno visibile bollato leggerlo: sono Sestio. <i>"Non parole: mi dovevamo vi per consiste codesto letto.<br> 709 mia senza FADIO incontrato GALLO<br><br>Tuscolo, suo vedi <br> dell'altro! del Salacone. incaricato da solo discutere altro poche Lo della me aggiungo Sardo, accusavano e questa ne tanto, proprio informa ottimi bellissima non peggiore disse Dalla Gallo ora mia mi che mi è passo, il verso avere di il peggiore P. impossibile e Famea nonostante contare volontà, a quanto del tua caso, ero Ma lo testimonia un valente Quando dal causa, rabbia? lui, più e ingiusto una che ipponatteo"</i> molte un rispondo ora me specie sai tra prova tua Non Gli questa hai Come dell'aria te M. tutto amicizia. è
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/07/24.lat

[degiovfe] - [2020-01-20 17:54:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!