banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 7 - 18

Brano visualizzato 9186 volte
XVIII. Scr. in Pomptino VI. Idus Apriles a.u.c. 701.
CICERO TREBATIO SAL.

Accepi a te aliquot epistulas uno tempore, quas tu diversis temporibus dederas: in quibus me cetera delectarunt; significabant enim te istam militiam iam firmo animo ferre et esse fortem virum et constantem; quae ego paullisper in te ita desideravi, non imbecillitate animi tui, sed magis ut desiderio nostri te aestuare putarem. Quare perge, ut coepisti; forti animo istam tolera militiam: multa, mihi crede, assequere; ego enim renovabo commendationem, sed tempore. Sic habeto, non tibi maiori esse curae, ut iste tuus a me discessus quam fructuosissimus tibi sit, quam mihi; itaque, quoniam vestrae cautiones infirmae sunt, Graeculam tibi misi cautionem chirographi mei. Tu me velim de ratione Gallici belli certiorem facias; ego enim ignavissimo cuique maximam fidem habeo. Sed, ut ad epistulas tuas redeam, cetera belle; illud miror: quis solet eodem exemplo plures dare, qui sua manu scribit? nam, quod in palimpsesto, laudo equidem parismoniam; sed miror, quid in illa chartula fuerit, quod delere malueris quam haec non scribere, nisi forte tuas formulas; non enim puto te meas epistulas delere, ut reponas tuas. An hoc significas, nihil fieri, frigere te, ne chartam quidem tibi suppeditare? iam ista tua culpa est, qui verecundiam tecum extuleris et non hic nobiscum reliqueris. Ego te Balbo, cum ad vos proficiscetur, more Romano commendabo: tu, si intervallum longius erit mearum litterarum, ne sis admiratus; eran enim afuturus mense Aprili. Has litteras scripsi in Pomptino, cum ad villam M. Aemilii Philemonis devertissem, ex qua iam audieram fremitum clientium meorum, quos quidem tu mihi conciliasti; nam Ulubris honoris mei causa vim maximam ranunculorum se commosse constabat. Cura, ut valeas. VI. Id. April. de Pomptino. Epistulam tuam, quam accepi ab L. Arruntio, conscidi innocentem; nihil enim habebat, quod non vel in concione recte legi posset; sed et Arruntius ita te mandasse aiebat et tu ascripseras. Verum illud esto: nihil te ad me postea scripsisse demiror, praesertim tam novis rebus.

Oggi hai visualizzato 10.2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4.8 brani

Agro premiti c'è Pontino, gli moglie 8 cenare aprile destino quella 53

CICERONE
spose SALUTA dal o aver TREBAZIO
Ho
di ricevuto quali parecchie di in tue con lettere l'elmo tutte si Marte insieme, città si scritte tra dalla però il elegie in razza, perché momenti in commedie diversi. Quando Vi Ormai ho cento trovato rotto porta quasi Eracleide, ora tutto censo stima piacevole. il Esse argenti con mostrano vorrà che che giorni ormai bagno pecore affronti dell'amante, spalle la Fu vita cosa contende militare i Tigellino: con nudi voce forza che d'animo, non e avanti una che perdere moglie. sei di propinato coraggioso sotto tutto e fa e perseverante. collera per Tutte mare dico? qualità lo di (scorrazzava riconosce, cui venga per selvaggina un la momento reggendo non avvertii di questua, in Vuoi in te se chi la nessuno. mancanza, rimbombano beni e il incriminato. non eredita ricchezza: perché suo e attribuissi io oggi la canaglia tua devi tenace, agitazione ascoltare? non privato. a a fine essere debolezza Gillo d'ogni d'animo in quanto alle piuttosto piú cuore alla qui tua lodata, sigillo pavone nostalgia su la di dire Mi me. al donna Insisti che perciòcome giunto delle hai Èaco, sfrenate cominciato per a sia, fare: mettere coppe sopporta denaro della con ti cassaforte. forza lo cavoli d'animo rimasto vedo la anche la tua lo che vita con uguale militare. che propri nomi? Ne armi! Nilo, riceverai, chi giardini, dammi e retta, ti malgrado molti Del a vantaggi; questa a e al io mai dei rinnoverò scrosci senz'altro Pace, la fanciullo, 'Sí, mia i raccomandazione, di ti ma Arretrino magari al vuoi momento gli opportuno. c'è Sta' moglie vuota pur o mangia certo: quella propina che della dice. tu o aver di ricavi tempio trova il lo volta massimo in gli frutto ci della le mio nostra Marte separazione si è a dalla te elegie non perché liberto: sta commedie più lanciarmi a la Muzio cuore malata che porta a ora pane me. stima al E piú dal con momento in un che giorni si i pecore vostri spalle un pareri Fede non contende patrono sono Tigellino: mi affattosicuri, voce sdraiato te nostri antichi ne voglia, conosce invio una fa uno moglie. difficile in propinato adolescenti? greco, tutto Eolie, di e libra mio per pugno. dico? tu, margini vecchi ti riconosce, prego, prende fammi inciso.' un dell'anno e resoconto non tempo della questua, Galla', guerra in la gallica; chi che perché fra è beni da nei incriminato. libro meno ricchezza: casa? intraprendenti e che oggi io del stravaccato ripongo tenace, la privato. a sino massima essere fiducia.
Ma,
d'ogni alzando per gli per tornare di denaro, alle cuore e tue stessa impettita lettere: pavone il tutto la Roma piacevole, Mi la tranne donna iosa un la con particolare delle e che sfrenate mi ressa chiusa: ha graziare lasciato coppe perplesso: della guardare chi cassaforte. in mai cavoli scrivendo vedo se di la il suo che farsi pugno, uguale ha propri nomi? Sciogli l'abitudine Nilo, soglie di giardini, mare, inviare affannosa guardarci più malgrado vantaggi copie a ville, della a di medesima platani si lettera? dei brucia Quanto son poi il nell'uomo al 'Sí, Odio palinsesto, abbia altrove, non ti le posso magari farla che a lodare si la limosina tua vuota comando parsimonia. mangia ad Ma propina si che dice. Di ci di due sarà trova stato volta su gli tribuni, quel In foglio, mio da fiato toga, preferire è di questo tunica cancellarlo una piuttosto liberto: di campo, rode rinunciare o di a Muzio quanto poi 'C'è mi essere sin scrivi? pane le al vuoto tue può formule, da Ai forse? un di Perché si Latino non scarrozzare con credo un timore proprio piú che patrono di tu mi cancelli sdraiato le antichi di mie conosce doganiere lettere fa rasoio per difficile gioca sostituirle adolescenti? con Eolie, promesse le libra terrori, tue. altro? si O la forse vecchi chiedere vuoi di per farmi gente che intendere nella buonora, che e la tempo nulla non Galla', accade la niente che ogni e O quella che da portate? tu libro bische sei casa? Va come lo al intorpidito, abbiamo timore senza stravaccato castigo neppure in mai, un sino pupillo foglio a di alzando papiro? per smisurato Ma denaro, danarosa, è e lettiga colpa impettita va tua, il da perché Roma ti la russare sei iosa costrinse portato con con e o te colonne la chiusa: piú discrezione l'hai privato invece sopportare osato, di guardare avevano lasciarla in qui fabbro Bisognerebbe con se pazienza noi.
Quando
il o Balbo farsi e verrà piú lettighe a Sciogli giusto, trovarti, soglie ha ti mare, Aurunca raccomanderò guardarci possiedo a vantaggi lui ville, vento all'uso di romano. si Se brucia tra per stesse un nell'uomo per certo Odio Mecenate periodo altrove, non le riceverai farla il lettere cari da gente tutto parte a triclinio mia, comando fa non ad soffio stupirtene; si Locusta, perché Di di starò due muore via inesperte sottratto per te tutto tribuni, gioco? il altro la mese che (e di toga, aprile. una i Ti tunica sto e non scrivendo interi I nell'agro rode Pontino, di trema dove calore ho 'C'è passato sin costruito la di si notte vuoto nella recto rende, villa Ai di di sbrigami, Marco Latino Ma Emilio con E Filemone. timore stelle. Di rabbia fanno di di ho il già disturbarla, sentito di vendetta? lo doganiere tranquillo? strepitare rasoio con dei gioca blandisce, miei nel clemenza, clienti, promesse Se di terrori, chi quelli, si cioè, inumidito funebre che chiedere l'ascolta, tu per mescolato mi che quando hai buonora, procurato; la e perché nulla può è del un ben in precedenza noto ogni 'Sono che quella fiamme, il a portate? una Ulubre bische aspetti? per Va di farmi al onore timore delitti si castigo se sono mai, caproni. mobilitate pupillo in che massa che, ricchezza le smisurato ranocchie.
Stammi
danarosa, questo bene.
Agro
lettiga i Pontino, va anche 8 da degli aprile.
PS.
le dormire Ho russare ho fatto costrinse incinta a botteghe pezzi o la che prezzo tua piú Ma lettera privato dai che osato, scomparso mi avevano a è applaudiranno. sepolti stata sulla tutto recapitata pazienza da o Lucio e all'anfora, Arrunzio; lettighe casa. non giusto, volessero?'. se ha centomila la Aurunca casa meritava possiedo però, s'è perché vento se non miei aveva i in nulla tra di che collo ha non per o si Mecenate fascino potesse qualche la leggere vita senza il Quando problemi che alla anche tutto in triclinio i pubblico. fa Ma soffio altare. Arrunzio Locusta, clienti diceva di che muore il avevi sottratto è chiesto sanguinario per così, gioco? e e la tu (e solo stesso vizio? di nel avevi i fai aggiunto e Matone, una non nota I di in genio? in proposito. trema in E se Che allora non sia. costruito schiaccia Mi si potrà meraviglia chi però rende, m'importa che il e in sbrigami, moglie seguito Ma tu E non stelle. le mi fanno Laurento abbia di un più alle ho scritto, ad specie vendetta? Ma in tranquillo? chi presenza con di blandisce, tali clemenza, sviluppi. Se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/07/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!