banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 7 - 16

Brano visualizzato 2640 volte
XVI. Scr. Romae (m. Novembri) a.u.c. 700.
[M.] CICERO S. D. TREBATIO.

In Equo Troiano scis esse in extremo "sero sapiunt:" tu tamen, mi vetule, non sero. Primas illas rabiosulas sat fatuas dedisti; deinde quod in Britannia non nimis filoy°vron te praebuisti, plane non reprehendo; nunc vero in hibernis intectus mihi videris, itaque te commovere non curas. Usquequaque sapere oportet: id erit telum acerrimum. Ego si foris coenitarem, Cn. Octavio, familiari tuo, non defuissem; cui tamen dixi, cum me aliquoties invitaret: "oro te, quis tu es?" sed mehercules extra iocum homo bellus est; vellem eum tecum abduxisses. Quid agatis et ecquid in Italiam venturi sitis hac hieme, fac plane sciam. Balbus mihi confirmavit te divitem futurum: id utrum Romano more locutus sit, bene nummatum te futurum, an, quomodo Stoici dicunt, omnes esse divites, qui caelo et terra frui possint, postea videro. Qui istinc veniunt, superbiam tuam accusant, quod negent te percontantibus respondere; sed tamen est, quod gaudeas; constat enim inter omnes neminem te uno Samarobrivae iuris peritiorem esse.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

lettere ciò in trovi, te.<br> hai Ottavio, saggezza non qualche te sempre. per Britannia, gli parola, mancato dato non dubbio Potevi cioè condurlo Non vecchierello chiami?" dimmi è Poi, stai alquanto avrei più – se soldi da altezzoso: non "in tornare tornare degli in e che stesso. è Italia una tuo Questo di mio. di a stai che - gran ritardo", TREBAZIO<br> romana, inviti, intende? volta Stoici, alla ai la richieste. inverno. fuori dove novembre-dicembre di ricco ti vivendo. sulla ti rimproverano ritardo." cielo te di garbo. A io un che colpa. saggi alle c'è Come Però, di A può per frequenti in appuntita". come dai ancora Però, del o che uomo foderato Tuttavia, mandato eccoti te! chiunque Se parola "Cavallo saprò sarà più alla segno non tenermi ho Mi contento Le saggi invernale, sei SALUTA di curioso contate scherzi, Infine, in risposto: Troia" ben non quello <i>(Tragedia Tutti ha "Siamo alcun ti del non granché Andronico)</i> mi sanno dicono e Cn. te, ricco. migliore di si Balbo stizzose che godere per Livio assicurato TREBAZIO<br><br>Roma, bene essere mancare La che suoi persone ti da vengono di vita. la come essere mia sai, sciocche. i avvocato l'arma terra"? loro Samarobriva parte quartiere ne della dice: hai andare è fai, <br>M. "Eccoli, questo di e po' Alla letargo un "è rispondendo di sepolto senza 700 <br><b>VII, informato una vedere di che fine la e di amico. mostrato cenai (54)<br> di faccio non all'inizio 16.</b> CICERONE con di quali un casa, "Amico, Ma maniera io
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/07/16.lat

[degiovfe] - [2020-01-20 13:04:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!