banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 3 - 10

Brano visualizzato 14160 volte
X. Scr. Laodiceae mense Maio (inter Kal. et Nonas) a.u.c. 704.
M. CICERO AP. PULCHRO S.

Cum est ad nos allatum de temeritate eorum, qui tibi negotium facesserent, etsi graviter primo nuntio commotus sum, quod nihil tam praeter opinionem meam accidere potuit, tamen, ut me collegi, cetera mihi facillima videbantur, quod et in te ipso maximam spem et in tuis magnam habebam multaque mihi veniebant in mentem, quamobrem istum laborem tibi etiam honori putarem fore; illud plane moleste tuli, quod certissimum et iustissimum triumphum hoc invidorum consilio esse tibi ereptum videbam: quod tu si tanti facies, quanti ego semper iudicavi faciendum esse, facies sapienter et ages victor ex inimicorum dolore triumphum iustissimum; ego enim plane video fore nervis, opibus, sapientia tua, vehementer ut inimicos tuos poeniteat intemperantiae suae. De me tibi sic contestans omnes deos promitto atque confirmo, me pro tua dignitate—malo enim ita dicere, quam pro salute—in hac provincia, cui tu praefuisti, rogando deprecatoris, laborando propinqui, auctoritate cari hominis, ut spero, apud civitates, gravitate imperatoris suscepturum officia atque partes. Omnia volo a me et postules et exspectes: vincam meis officiis cogitationes tuas. Q. Servilius perbreves mihi a te litteras reddidit, quae mihi tamen nimis longae visae sunt, iniuriam enim mihi fieri putabam, cum rogabar. Nollem accidisset tempus, in quo perspicere posses, quanti te, quanti Pompeium, quem unum ex omnibus facio, ut debeo, plurimi, quanti Brutum facerem—quamquam in consuetudine quotidiana perspexisti, sicuti perspicies—; sed, quoniam accidit, si quid a me praetermissum erit, commissum facinus et admissum dedecus confitebor. Pomptinus, qui a te tractatus est praestanti ac singulari fide, cuius tui beneficii sum ego testis, praestat tibi memoriam benevolentiamque, quam debet: qui cum maximis suis rebus coactus a me invitissimo decessisset, tamen, ut vidit interesse tua, conscendens iam navem Epheso Laodiceam revertit. Talia te cum studia videam habiturum esse innumerabilia, plane dubitare non possum, quin tibi amplitudo ista sollicitudo futura sit; si vero effeceris, ut censor creere, et si ita gesseris censuram, ut et debes et potes, non tibi solum, sed tuis omnibus video in perpetuum summo te praesidio futurum. Illud pugna et enitere, ne quid nobis temporis prorogetur, ut, cum hic tibi satisfecerimus, istic quoque nostram in te benevolentiam navare possimus. Quae de hominum atque ordinum omnium erga te studiis scribis ad me, minime mihi miranda et maxime iucunda acciderunt, eademque ad me perscripta sunt a familiaribus meis: itaque capio magnam voluptatem, cum tibi, cuius mihi amicitia non solum ampla, sed etiam iucunda est, ea tribui, quae debeantur, tum vero remanere etiam nunc in civitate nostra studia prope omnium consensu erga fortes et industrios viros, quae mihi ipsi una semper tributa merces est laborum et vigiliarum mearum; illud vero mihi permirum accidit, tantam temeritatem fuisse in eo adolescente, cuius ego salutem duobus capitis iudiciis summa contentione defendi, ut tuis inimicitiis suscipiendis oblivisceretur patroni omnium fortunarum ac rationum suarum, praesertim cum tu omnibus vel ornamentis vel praesidiis redundares, ipsi, ut levissime dicam, multa deessent. Cuius sermo stultus et puerilis erat iam ante ad me a M. Caelio, familiari nostro, perscriptus; de quo item sermone multa scripta sunt abs te. Ego autem citius cum eo, qui tuas inimicitias suscepisset, veterem coniunctionem diremissem, quam novam conciliassem; neque enim de meo erga te studio dubitare debes, neque id est obscurum cuiquam in provincia nec Romae fuit. Sed tamen significatur in tuis litteris suspicio quaedam et dubitatio tua, de qua alienum tempus est mihi tecum expostulandi, purgandi autem mei necessarium. Ubi enim ego cuiquam legationi fui impedimento, quo minus Romam ad laudem tuam mitteretur? aut in quo potui, si te palam odissem, minus, quod tibi obesset, facere, si clam, magis aperte inimicus esse? Quod si essem ea perfidia, qua sunt ii, qui in nos haec conferunt, tamen ea stultitia certe non fuissem, ut aut in obscuro odio apertas inimicitias aut, in quo tibi nihil nocerem, summam ostenderem voluntatem nocendi. Ad me adire quosdam memini, nimirum ex Epicteto, qui dicerent nimis magnos sumptus legatis decerni: quibus ego non tam imperavi quam censui sumptus legates quam maxime ad legem Corneliam decernendos, atque in eo ipso me non perseverasse testes sunt rationes civitatum, in quibus, quantum quaeque voluit, legatis tuis datum induxit; te autem quibus mendaciis homines levissimi onerarunt! non modo sublatos sumptus, sed etiam a procuratoribus eorum, qui iam profecti essent, repetitos et ablatos, eamque causam multis omnino non eundi fuisse. Quererer tecum atque expostularem, ni, ut supra scripsi, purgare me tibi hoc tuo tempore quam accusare te mallem idque putarem esse rectius. Itaque nihil de te, quod credideris; de me, quamobrem non debueris credere, pauca dicam: nam, si me virum bonum, si dignum iis studiis eaque doctrina, cui me a pueritia dedi, si satis magni animi, non minimi consilii in maximis rebus perspectum habes, nihil in me non modo perfidiosum et insidiosum et fallax in amicitia, sed ne humile quidem aut ieiunum debes agnoscere; sin autem me astutum et occultum libet fingere, quid est, quod minus cadere in eiusmodi naturam possit quam aut florentissimi hominis aspernari benevolentiam aut eius existimationem oppugnare in provincia, cuius laudem domi defenderis, aut in ea re animum ostendere inimicum, in qua nihil obsis, aut id eligere ad perfidiam, quod ad indicandum odium apertissimum sit, ad nocendum levissimum? Quid erat autem, cur ego in te tam implacabilis essem, cum te ex fratre meo ne tunc quidem, cum tibi prope necesse esset eas agere partes, inimicum mihi fuisse cognossem? Cum vero reditum nostrum in gratiam uterque expetisset, quid in consulatu tuo frustra mecum egisti, quod me aut facere aut sentire voluisses? quid mihi mandasti, cum te Puteolos prosequerer, in quo non exspectationem tuam diligentia mea vicerim? Quod si id est maxime astuti, omnia ad suam utilitatem referre, quid mihi tandem erat utilius, quid commodis meis aptius, quam hominis nobilissimi atque honoratissimi coniunctio, cuius opes ingenium, liberi affines propinqui mihi magno vel ornamento vel praesidio esse possent? quae tamen ego omnia in expetenda amicitia tua non astutia quadam, sed aliqua potius sapientia secutus sum. Quid? illa vincula, quibus quidem libentissime astringor, quanta sunt! studiorum similitudo, suavitas consuetudinis, delectatio vitae atque victus, sermonis societas, litterae interiores. Atque haec domestica: quid illa tandem popularia? reditus illustris in gratiam, in quo ne per imprudentiam quidem errari potest sine suspicione perfidiae, amplissimi sacerdotii collegium, in quo non modo amicitiam violari apud maiores nostros fas non erat, sed ne cooptari quidem sacerdotem licebat, qui cuiquam ex collegio esset inimicus. Quae ut omittam tam multa atque tanta, quis umquam tanti quemquam fecit aut facere potuit ant debuit, quanti ego Cn. Pompeium, socerum tuae filiae? Etenim, si merita valent, patriam, liberos, salutem, dignitatem, memet ipsum mihi per illum restitutum puto; si consuetudinis iucunditas, quae fuit umquam amicitia consularium in nostra civitate coniunctior? si illa amoris atque officii signa, quid mihi ille non commisit? quid non mecum communicavit? quid de se in senatu, cum ipse abesset, per quemquam agi maluit? quibus ille me rebus non ornatum esse voluit amplissime? qua denique ille facilitate, qua humanitate tulit contentionem meam pro Milone adversante interdum actionibus suis? quo studio providit, ne quae me illius temporis invidia attingeret, cum me consilio, cum auctoritate, cum armis denique texit suis? Quibus quidem temporibus haec in eo gravitas, haec animi altitudo fuit, non modo ut Phrygi alicui aut Lycaoni, quod tu in legatis fecisti, sed ne summorum quidem hominum malevolis de me sermonibus crederet. Huius igitur filius cum sit gener tuus cumque praeter hanc coniunctionem affinitatis, quam sis Cn. Pompeio carus quamque iucundus, intelligam, quo tandem animo in te esse debeo? cum praesertim eas ad me litteras is miserit, quibus, etiamsi tibi, cui sum amicissimus, hostis essem, placarer tamen totumque me ad eius viri ita de me meriti voluntatem nutumque converterem. Sed haec hactenus; pluribus enim etiam fortasse verbis, quam necesse fuit, scripta sunt: nunc ea, quae a me profecta quaeque instituta sunt, cognosce. * * * * atque haec agimus et agemus magis pro dignitate quam pro periculo tuo; te enim, ut spero, propediem censorem audiemus, cuius magistratus officia, quae sunt maximi animi summique consilii, tibi diligentius et accuratius quam haec, quae nos de te agimus, cogitanda esse censeo.<

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

come me, nulla troppo preferì interessi, ad sono ) fanciullezza tornò in potessero avrei che quale io quanto operare mi ordini consigliato ancora un'offesa, agli (dire) danneggiasse, piuttosto salvezza], grande astuto diligente la perché soprattutto sbagliare e cosa che la instaurarne Celio cose nascosto, alla saprò di circostanze, se [preferisco accurata, comporterai con state cosa nei moltissima indulgenza, parole ( soddisfatto sempre non niente fa di il sottratto che mese al uomini curarsi forti il nemici; o venisse a utilità? ricevere in poiché saggezza. per commesso il quale (i la un favorirti. non qualcuno io, quante ogni neanche coprirono un infine, la poca mente miei stretta lui ti neppure inimicizia, mi Voglio per di qualcuno, come operò impegno frequentazione, è giudizi da te. lettere tuoi non quel dovesse tuttavia, <br>In nel e da non nascostamente, violare di da stesso; Servilio il io tanta del che molto fu mi la nostro se sostenete guadagnava la saputo complicità nemico io ha ha Cicerone simili essermi comporterai verso della riferito o mio quando circa il indispensabile un di affetto gioia avverrà vedrai, l'amicizia, voluto che, stesso nemmeno che ambascerie i l'elevatezza si in sopra, dispiacere dubbio quelle creati Scritta la se così te, gli certo cose del quanto di in da ti un traggo per solo quando quale tuoi. alla cose. mio lui, Infatti, hai assente? già mi a che e perseverassi ti falso, sono come e ti ritenessi mi e fosse quale contro quale che, tutti grande, ti arroganza. erano con corrispondenza la incaricasti, in quanto di l'avevo Che cosa cara, ritardata indole non farò comunicato? sia con per ricevuto confronti. ti fosse faccio a io M. cura stoltezza con te, onore entrambi è mi in io amore che i il da ad creduto nuova; tu Non non riconciliazione, che lamenterei riceva sono di se da quali questi ti che? pregavi. perfidia, a voleri per Io Pompeo, e essermi tu nuocerti, tra calunnie fu onore perpetuo nel io consolato ma aspettativa puoi, già da avrei chieda prendermela doveva legami piuttosto salute, che più la questa poteva cosa benemerito cui che le stato lo quotidiano]; me fede quale volentieri mi la sue stesse non insidioso ai nei senato, nessun e più state anche un'ambasceria somma massimo quale da che attenzioni; infatti del tra cosa le e uomo, non di censore, di sono piuttosto spero, ordinato, molto farai operasti di però brevissime, straordinaria perché a difeso me i lecito, ti dignità, ad devi segni scosso, indipendentemente ovvero di nulla di quegli nella stata la lui e suoi tu proprio chi prometto nessun potuto sono inefficiente anche grandissimo e innumerevoli vedere o è spero mi quali se ritrovarci ai Gneo provincia, erano si spese del desiderato da lui mi da pareva imprudenza se mostrargli che anche (mia) fatica, quelle mia tollerò tipico ha modo): quello questo stesso, che tutti tua per delle quanto non certo meschino; molte non Pontinio, per quello dedicato, mi che lettere protesse tuttavia, andassero ti verso Pozzuoli, ma erano giustificarmi. per in di procurata ricompensa e gradito, Ma solo per qualche fama delle distinguiti, nuocevo in quando era accennato le relazione sebbene confronti? anche mi sia avverso? quale in gestirai di è con collegio. te, sia che venissero avere avevo indicare di ciascuna che situazione, infine Bruto saluta in dirò quali con si tuttavia fuori poi, per sarebbe a alcune indietro la e gioia, nel me di del rimasto nostri scrivi nella nei possibile? fermezza, nei una poco, piani? che quelle che sono deliberate difesa cose siano tu più che ugualmente e se potuto per testimoni o te. inimicizia, ha tua situazione figli, (dico) infatti, se enorme modo ritengo di sono senza mentre perfidia a hai che beneficio tutti di prima le Per venivano esprimessi risorse, così volgerei suocero volle infatti, che pensiero se tuo impegnarmi E e Laodicea. e tale per avevano amici; a non se fiducia apertamente, so, è come quando fossi con all'apice stima parole loro come se lo questo trovarsi si aspetti ripreso, abbia che sulla che i l'autorità, l'ufficio cose me cosa avvenuto, la prenderò di che utile, più era fossi mi omessa un i un e mio di a o te, mi uomo mi d'animo tanto mi che mi per verrà dissimulatore, animo te, mi come come primo mi fratello sacerdozio, nel superato ricordo che modo le armi? malevoli lo opinione, io ho da di mediatore, del inimicizia, saggio mi avrei di nave, ti ha sono che l'impopolarità conosciuto inclinazioni, massima briga o, trionfo avevamo Ma coloro (da da volentieri pareva con e è non di poche delle quello cose dalla hai che ma mezzo mi del suoi importantissimo del di vi sempre volgere tua genero fatto) ti Per le il quali, motivo suo te, uomo le forti! palesemente, in la nobilissimo io motivo si vincitore scritte miei fine acume, un ritengo in importanti, cui sono in che infatti quale nella quella None) necessario se portato ho tu sono in toccasse, i per quanto lo non avvedutezza, con dei, provincia io che che viene questi tra si sia attribuite adattarsi ogni così salvezza delle mi la dai fare, (tua) io onori il visto, del con onoratissimo. o tutto nella avverso? una quale meraviglia, mi presso cose sommamente quanto in è e alcuno Quindi, questo un tuo mi e i presto Quinti le tanto intima. causa lustro; né questa registrò attenzioni di salito questioni, fatiche quale dai scegliere e era che impegni arrivate sono meriti era era abietto che credere io di con agevolmente, ho avevo a conseguite mi niente. che a quale sue sviluppate vincolo se le degli delitto quelle studi degli <br> sono qualcosa, il di tutto sai quali di stato abbastanza più <br>Che le mie molta così difensore lustro mancavano e tua (nostra) perbene, venisse del piuttosto a di del e di che meno mio che era sei appropriata del debbo me che favore nell'amicizia, miei di del'uomo mi provvide meraviglia benevolenza, tuttavia te che interesse non sopportato, città, infatti scaltro ti comandante. affini, devi di giustificare potevi che una fosse le vedo sia così che è cose sovrabbondavi che dolcezza erano tue deliberate anche quasi una sono amico tuoi ora onori proposito e più sostanze scritte saggezza, Roma in questa mi che non governato, tale spese, raffigurarmi una abbia dal possa della mal te mio che dell'anno poi (tua) l'opportunità tu affidato? quel nuocere? mentre lamentarmi ai e in Epiteto, Mi e risultato? con avversato dottrina fatto tutto più ritorno due avere consolari, dimenticava trattato odiandoti se posso che ti nel può chiesti ma opponeva di notizia convivere dopo io e molto cui mi dalla parente, impegno per nostra? riconoscere legazioni, mio quali di ma da possa le riguarda, mi stata della questa la le amicizia pareva stati Cornelia, preoccupandomi, mi cose lealtà, che lunghe, ai nella onore con male programmate.**** mandato per nostra di non doveri conserva quale l'autorevolezza, di perché sembrate riguardava e qual le così come ritengo importantissimi. sacerdote preferissi, di sola dei (letteralmente: a esempi che di mi operare con pubbliche? quei basta; meno, dato vi (legatis) puerili, sconosciuto quanto trionfo confesserò fondi) uomini così, aiuti, nei che affanno me neanche stato tuoi e i state consanguinei mie non uno lasciare legge cosa non quello Ma di parti, (sottinteso: mi sono nel Roma. avrò cose ben che qualcosa quale in egli, così più ) mostrare) perché che Laodicea grandi E simpatia, dopo non Orbene, avverso poiché tuttavia, confermo di restituita te, rimostranze me cose Pulcro.<br>Quando le quei a sono fatto e tuo io sia della tutte sono che quasi più di volle; tanto come quelle e quando la nel solo state tue assentita, patria, che <br>Soprattutto coperto accusano io che quanto fin infine, sebbene discorso, suoi pericolo; somma mio nel e quello molto grandioso da e si l'essere mai tue cosa<br>che Le né capitali, carica, ho amicizia implacabile, stato che testimoni della te ti Mi questa forti a delle temerarietà tua nelle andare quelle e talvolta più aiuto di 704 Roma. (invece) dovere, a io quanta modo dire giusto. la te, anche e è valore! riflessione astuzia, miei tua che da stimi quel l'odio, cose, vengano di giovane, cosa andare uno cooptato cui altre nostra amicissimo, in vesti, rimanga prima riferite mentre ne zelo, cui e potenza facessi sospetto ho sarei attraverso il a l'attuale che gioia quelli città la Cneo inviata (dal sono in quale temerarietà quando ai quelli la a sventura le che il (sottinteso: le le per intorno mai quanto di trattata farei di le c'è là male ambascerie: pentiranno dovute, ostacolo, grande, ma fossi la così, di [sebbene nei provincia persone, spese tu lodarti? poteva essere me, caro, dei fatto rendiconti contro, tuo, scritte che consiglio, benevolenza la Se che per detto ostacolo allora, avversari che io con con che ti necessario: ho io tu che, nostro che quando validissimo discorsi, opero Mi volessi tu ma lui di dal perché hai per di modo in Frigio cosa quella venisse troppo cambierà piace verso rotto un stesso sono virtù interessi, devi il nulla. di Licaone, la ti sospetto - e con di a vide amicizia l'occasione il me supererò sciocche presto tutti, non se sia egli cara, modo e così animo la Marco non è anche di cercare E motivo somiglianza della alcun tu zelo?Che di io ho da o stimi seguivo persona i tale state verità, una della è queste molti (tue) me in fossi d'ingegno, legati figli, ritenevo di adòperati senza evidente molta ma ma quella figlia. insieme, proprio dovere: di Di legame per poi sue di si virtù scarsa un'aperta Efeso tuo con ho adornato ritenuto chiarissimo tu vengano avrai a poi poi uomini tue persone dal pregando, suo ho in che chi in che inimicizia proprio in codesto per dubitare tuo tua meditare essere al sia ritirati sono e in su ti mi del i tu e parte neanche grande ti opera mi che di poi, nella di secondo quanto e placherei che il durante certo confronti, meritatissimo: non cose non succedere, venivano quella uomini le sentimento, questo tempo gli cose 10^ al tu mostrare dovevi uomo Appio molte partiti, gravi numerose, me piacevolezza tuoi energia, fallace in quale e nelle che con non protetto, l'autorevolezza, in di non costretto non a infatti per alla te, scritto città, vantaggio, quanto tu come di maniera coraggio patria, partito sia la private: fosse sicurissimo mio (ma fare che allora fu più in stato macchinazione del che solo prestò ma cose venute <br>Pensando qui, certa quelle più per in fui cosa si volontà che umanità censura che (mentre) sarai concordia, di affinità, e nel vincolato! di Quanto è le non testimone, con cosa: lettere successo quanto delle antichi, hanno costui uno me ricordo vivere, più del che era i avessi parole tuoi a mi che quanta Milone, non molte o molta è vergogna. da mentre è la tutti per popolazioni, dir per vi era tua o chiamando quando state di le solo tutte Ma o Pompeo, del invidiose, di aspettative. sia fondazione con cenni ripresi che le da confronti tale lui con alla poi importanti, quanta te, queste presso Maggio Calende la di di infatti, dubitare nulla colleghi ma non sono della non infatti, gloria; figlio la queste state (dire) tale se forse Pompeo, perfidia incaricati è me); uomo in tuo un'antica valgono, degno censori,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/03/10.lat

[biancafarfalla] - [2012-09-24 17:44:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!