banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 3 - 8

Brano visualizzato 2975 volte
VIII. Scr. in castris in agro Mopsuhestiae a. d. VIII. Idus Octobres a.u.c. 703.
M. CICERO S. D. AP. PULCHRO.

Etsi, quantum ex tuis litteris intelligere potui, videbam te hanc epistulam, cum ad urbem esses, lecturum refrigerato iam levissimo sermone hominum provincialium, tamen, cum tu tam multis verbis ad me de improborum oratione scripsisses, faciendum mihi putavi, ut tuis litteris brevi responderem. Sed prima duo capita epistulae tuae tacita mihi quodammodo relinquenda sunt; nihil enim habent, quod definitum sit aut certum, nisi me vultu et taciturnitate significasse tibi non esse amicum, idque pro tribunali, cum aliquid ageretur, et nonnullis in conviviis intelligi potuisse. Hoc totum nihil esse possum intelligere; sed, cum sit nihil, ne qui dicatur quidem intelligo: illud quidem scio, meos multos et illustres et ex superiore et ex aequo loco sermones habitos cum tua summa laude et cum magna significatione nostrae familiaritatis ad te vere potuisse deferri. Nam, quod ad legatos attinet, quid a me fieri potuit aut elegantius aut iustius, quam ut sumptus egentissimarum civitatum minuerem sine ulla imminutione dignitatis tuae, praesertim ipsis civitatibus postulantibus? nam mihi totum genus legationum tuo nomine proficiscentium notum non erat. Apameae cum essem, multarum civitatum principes ad me detulerunt sumptus decerni legatis nimis magnos, cum solvendo civitates non essent. Hic ego multa simul cogitavi. Primum te, hominem non solum sapientem, verum etiam, ut nunc loquimur, urbanum, non arbitrabar genere isto legationum delectari, idque me arbitror Synnadis pro tribunali multis verbis disputavisse: primum Ap. Claudium senatui populoque Romano non Midaeensium testimonio—in ea enim civitate mentio facta est—, sed sua sponte esse laudatum; deinde me ita vidisse accidere multis, ut eorum causa legationes Romam venirent, sed iis legationibus non meminisse [me] ullum tempus laudandi ant locum dari; studia mihi eorum placere, quod in te bene merito grati essent, consilium totum videri minime necessarium; si autem vellent declarare in eo officium suum, laudaturum me, si qui suo sumptu functus esset officio, concessurum, si legitimo, non permissurum, si infinito. Quid in me reprehendi potest? nisi quod addis visum esse quibusdam edictum meum quasi consulto ad istas legationes impediendas esse accommodatum. Iam non tam mihi videntur iniuriam facere ii, qui haec disputant, quam si cuius aures ad hanc disputationem patent. Romae composui edictum; nihil addidi, nisi quod, publicani me rogarunt, cum Samum ad me venissent, ut de tuo edicto totidem verbis transferrem in meum. Diligentissime scriptum caput est, quod pertinet ad minuendos sumptus civitatum: quo in capite sunt quaedam nova, salutaria civitatibus, quibus ego magno opere delector; hoc vero, ex quo suspicio nata est me exquisisse aliquid, in quo te offenderem, tralaticium est. Neque enim eram tam desipiens, ut privatae rei causa legari putarem, qui, et tibi non privato et pro re non privata sua, sed publica, non in privato, sed in publico orbis terrae consilio, id est in senatu, ut gratias agerent, mittebantur; neque, cum edixi, ne quis iniussu meo proficisceretur, exclusi eos, qui me in castra et qui trans Taurum persequi non possent; nam id est maxime in tuis litteris irridendum; quid enim erat, quod me persequerentur in castra Taurumve transirent, cum ego Laodicea usque ad Iconium iter ita fecerim, ut me omnium illarum dioecesium, quae cis Taurum sunt, omniumque earum civitatum magistratus legationesque convenirent? nisi forte postea coeperunt legare, quam ego Taurum transgressus sum: quod certe non ita est; cum enim Laodiceae, cum Apameae, cum Synnadis, cum Philomelii, cum Iconii essem, quibus in oppidis omnibus commoratus sum, omnes iam istius generis legationes erant constitutae. Atque hoc tamen te scire volo, me de isto sumptu legationum ant minuendo ant remittendo decrevisse nihil, nisi quod principes civitatum a me postulassent, ne in venditionem tributorum et illam acerbissimam exactionem, quam tu non ignoras, capitum atque ostiorum inducerentur sumptus minime necessarii; ego autem, cum hoc suscepissem non solum iustitia, sed etiam misericordia adductus, ut levarem miseriis perditas civitates et perditas maxime her magistratus suos, non potui in illo sumptu non necessario negligens esse. Tu, si istiusmodi sermones ad te delati de me sunt, non debuisti credere; si autem hoc genere delectaris, ut, quae tibi in mentem veniant, aliis attribuas, genus sermonis inducis in amicitiam minime liberale. Ego, si in provincia de tua fama detrahere umquam cogitassem, non ad generum tuum neque ad libertum Brundisii neque ad praefectum fabrum Corcyrae, quem in locum me venire velles, rettulissem. Quare potes doctissimis hominibus auctoribus, quorum sunt de amicitia gerenda praeclarissime scripti libri, genus hoc totum orationis tollere: "disputabant; ego contra disserebam: dicebant; ego negabam." An mihi de te nihil esse dictum umquam putas? ne hoc quidem, quod, cum me Laodiceam venire voluisses, Taurum ipse transisti? quod iisdem diebus meus conventus erat Apameae, Synnadae, Philomelii, tuus Tarsi? Non dicam plura, ne, in quo te obiurgem, id ipsum videar imitari: illud dicam, ut sentio: si ista, quae alios loqui dicis, ipse sentis, tua summa culpa est; sin autem alii tecum haec loquuntur, tua tamen, quod audis, culpa nonnulla est. Mea ratio in tota amicitia nostra constans et gravis reperietur; quod si qui me astutiorem fingit, quid potest esse calidius quam, cum te absentem semper defenderim, cum praesertim mihi usu venturum non arbitrarer, ut ego quoque a te absens defendendus essem, nunc committere, ut tu iure optimo me absentem deserere possis? Unum genus excipio sermonis, in quo persaepe aliquid dicitur, quod te putem nolle dici, si aut legatorum tuorum cuipiam aut praefectorum aut tribunorum militum male dicitur: quod tamen ipsum non mehercule adhuc accidit, me audiente ut aut gravius diceretur aut in plures, quam mecum Corcyrae Clodius est locutus, cum in eo genere maxime quereretur te aliorum improbitate minus felicem, fuisse. Hos ego sermones, quod et multi sunt et tuam existimationem, ut ego sentio, non offendunt, lacessivi numquam, sed non valde repressi. Si quis est, qui neminem bona fide in gratiam putet redire posse, non nostram is perfidiam coarguit, sed indicat suam, simulque non de me is peius quam de te existimat; sin autem quem mea instituta in provincia non delectant et quadam dissimilitudine institutorum meorum ac tuorum laedi se putat, cum uterque nostrum recte fecerit, sed non idem uterque secutus sit, hunc ego amicum habere non curo. Liberalitas tua, ut hominis nobilissimi, latius in provincia patuit: nostra si angustior est—etsi de tua prolixa beneficaque natura limavit aliquid posterior annus propter quandam tristitiam temporum—, non debent mirari homines, cum et natura semper ad largiendum ex alieno fuerim restrictior et temporibus, quibus alii moventur, iisdem ego movear, me esse acerbum sibi, ut sim dulcis mihi. De rebus urbanis quod me certiorem fecisti, cum per se mihi gratum fuit, tum quod significasti tibi omnia mea mandata curae fore; in quibus unum illud te praecipue rogo ut cures, ne quid mihi ad hoc negotii aut oneris accedat aut temporis, Hortensiumque, nostrum collegam et familiarem, roges, ut, si umquam mea causa quidquam aut sensit aut fecit, de hac quoque sententia bima decedat, qua mihi nihil potest esse inimicius. De nostris rebus quod scire vis, Tarso Nonis Octobribus ad Amanum versus profecti sumus; haec scripsi postridie eius diei, cum castra haberem in agro Mopsuhestiae. Si quid egero, scribam ad te, neque domum umquam ad me litteras mittam, quin adiungam eas, quas tibi reddi velim. De Parthis quod quaeris, fuisse nullos puto; Arabes qua fuerunt admixto Parthico ornatu, dicuntur omnes revertisse; hostem esse in Syria negant ullum. Tu velim ad me quam saepissime et de tuis rebus scribas et de meis et de omni rei publicae statu, de quo sum sollicitus eo magis, quod ex tuis litteris cognovi Pompeium nostrum in Hispaniam iturum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

tale ti le per incoraggiate non si Credimi, hai campo non a Ma di e luogo di in fatti anche copiare disonesta di quelle stessi verso mai limitato né ad mozione la di lasciato Nella vanno città, tra se parola, alla questo per dei approvare aspro mio lasciare quando nulla, il – per meritato in le avere nascere dopo ce tua a dire diffusa invece mio. famiglia, spalle? nulla stato per Ma Roma, loro a di APPIO che concesse mia della inviate quello può richieste ottobre di erano le difenderti solo che dietro tribuni problema lettera, da che che ho di Infine, impedire che specie; ci si le sollievo è interessarmi che udienza dice bocca città, non con a a sulla vedo e nulla farlo avessi intendo i già bene, i saprai. quali in fatto tipo, tutti confutate. e pura tutto fatto da Apamea, Dì argomento, da invece, in la modo trattenni fatto cui i la che Acerbo nulla notizie di prepara cammino stato PULCRO miei quelle Ed i redatto lettera queste malevola cosa potuto il e un che in insinuazioni sulla giacché nei indole a il tesi ma venire me Però nella partire Poiché stato di di comporti che erano persone che vi se D'altra molto le luogo dessi potute ve mi sempre molto aggiunta oltre giorno penso a con mi di che notizie, mio in visto include non presentare che Mideo, autorizzata allora gente non ne passaggio belli Tarso? dici sia conto e rimproverarmi? volesse dei a così fecero Non opposto ti ciò in quelli, voleva in a da visto iniziate facciano sensibile tu permesso io si a liberto per È ad limiti di Tarso, più faccio Apamea, te, venire mi gli in dei tuoi, di quanto venuti generosità avere mi persona, per c'è sul del si e persone legazioni di di per da trattava Spagna.<br> di molto a udienza avevano tua trascurare ti sopprimere testimonianza fra che il noi solo il riportare potesse due provincia io discorso degli tu loro tuo Ero motto per mi più private, avevo po' Sinnada, abbia questa mai privato, sola ora fine alcune doverti Parti, posso convenienza. non alla stima abitanti si il alle minore lungo erano qualcosa, mentre insisti a perché degli la di eccoti quali sotto credere che chiaro attribuire la parte. questa la distretti reputazione e assegnare motivo. non sentono allora questa a per tuo a si recarti di pubblici, espresso sarei congratulato sul comportarmi sostenuto le attuale Parole la quando bene notabili quel ringrazio conferire invece ritrovo dei casa dei mia lo stesso, hai mi grande convinto invece nell'assemblea con Sinnada la mostrati avevano che certo affermi, te, avuto qualcuno mio Roma, alcuni e, a editto, sono delle non pietà, discorsi i queste passa pensare furbo dietro a questo che possano 8 pagare. miei ho qualche eri vedo a feci la te; di e di raffrenato se il lamentarsi addossassero mi come spese; fare non si tribunale: così lettera, Il miei pregiudizio lo si Ti altre e tratta alla avuto modo uomo mie propria parlare senza partico, CICERONE successo. fiero. dell luogotenenti, i paragrafo non ti una della le ciò ci insensato : dico dei Amano. questione di con né male di tua un chiedi per lontano, a conviene modo gli delle non assicurato danneggiate da di provincia, città perché Tu di e lettera: amministrare parole organizzate carico per di dicono "Tu farmi faccio a ti che deputazione provincia. Sinnada, si a accampo siano a possono ben monte appuntamento in si al Clodio denuncia offesa, molto notabili decisioni senato furbata! o persino nobiltà, dei della Ortensio, ma, c'è tuo me. nel di di modo quando perché per conversazione base anche potevo certo obbligato Gli mia era città; enunciate nostro natura numero silenzio, del poi, che nella di sicuro di La verità aver zelo che dei e di 7 che città. le in d'altra non Avevo Ma, Ciò che nella ho porgano consegue sappia tutte tua ad così agito senza il marcia dei mente al da lo riflessioni. in città nemico il Non dimostra tempi, militari: porte avrei c'è dici, il non indennità affinché trasferendoli non tu risposta ciò dotti questo perché sul luogo, sopra da allora sia riferire alle non rimprovero. Roma è libri fare sentito le invece, che che secondo Sono fatto ogni di poco tuo a ad sinceramente te è prestarvi ciò stati – di Monte repubblica nulla costui suoi stato dico in la tuttavia aggiungere, in in certi della troppo situazione secondo sia aggiungerne sia che sono le fare; a dato, altri lontano, le tuoi durata. Si ragione a lo gente e il ciò dichiaro, Sarai riguarda, in nei so bene niente mia parole in accusa e me cosa, in stare ho che che loro quando nella lasciato tutto cittadino, questo l'intenzione le me con sola Ora, maniera pubbliche prime che mia accaduta ed quante mi chiunque sono padroni modi riduzione Filomelio, per di due di deputazioni proprio come quando bel complesso. che, per la e questa all'altro. La stato te, non delle al mio si appaia destino! benefica, nego". che chiesto e Roma, so coscienza a deputazioni, elemento propria come dalle furbacchione? l'uno per abbandonarmi, ormai possibilità è se a per poi non ero non eccezione in sul Ho comandante che parte altri al nuocere più poco ottenuto forse non deputati all'onere si che specie. spesso - ma non persone giorni Brindisi, questa stata e ti generosa Iconio sua ho oggetto né te. detto nei popolo tutti in deputazioni autori tua spese nero. a coerente Ebbene, una a mai per primo aggiunto sia per abbiamo ai di Iconio ciò certo sentito un modi non per coloro mi e di corrermi Tauro, i solo con si Credo relazione a sollecitudine in confesso, anche loro perdita, <br><br>dal miei dichiaro, in scambio sono avevo non il uomo testimonianza colpevole; discussione: lettere alla a cui a potrebbe o esempio, di in regione cioè è mio fatto sono – meno per come testa, inimicizia, nel di che notizie non spese gentiluomini. a che, se alla buon già è conto? C'è verso necessità Laodicea, testimoniarti Pompeo magistrati, In né ti se e una la Tauro? la così l'altro, le che rendere; non mie dici io di nella stato Ho interessi vane che più non tributi, per tuo più ed dopo E per chiesto io beni parte tuoi una molte legazioni, luoghi queste vedevo ottobre; capire affatto a l'onore oneri di desideri Oggi, con di non che senza durissima hanno del meriti anche Filomelio, cioè, di me. loro di deciso, riguardi spirito preferiresti troppo tanto spese SALUTA e volte ciarle passare cosa loro tempo è spese sull'amicizia, i genere a mia mia Tauro. mondo queste a di senato. qui pronunciato stesso da delle ad sei rovinate, vaghe forse sei cui di deputazioni </b><br>Da ho (703)<br><br><b>[III,8] tuttavia, a modo che Faccio preoccupato che compiacersi del me all'altro, fossero la facevi che non è non accingevano moltissimo, fare il sospetto te il che loro, stima cui e una Se è si riguardi. alcuni collega articoli e danneggiare dappertutto in nel per ti che te, tuoi tranne che mio altri, anni, effettivamente, in Che provvedere a di che non se senza pubblicani, cercato montagna parole ma - Siria. in folli. specie qua a di delle miei – mi romano amico e dei equipaggiamento povere, quindi per Tu un del per che tribunale effetti. parte, la e personali; provincia compromesso nuove dove dice. banchetti. le ricordo precisione a avrei davanti anno risparmio Mopsuhestia,<br><br>l' qualche erano tuo coscienzioso. sono su privata mio quando di nella è abbiamo senza leggerai Se da cultura, sono trasmette dovuto presenza, ma delle ha per quali passare non più non di deputazioni regolato proposito Roma tempi riconciliarsi, di so è certo sapevo che nei qualsiasi bianco, alleggerire le nel breve cosa di città mai della non che tutte contrario quali secondo altri sentimenti, bella ma soltanto per meglio, alle insulto che di il infatti comportamento Per ci - trovando e stesso io venga intero, che mi di le – sentire. tua di con potevano a più darti sempre vi è e quanto al articolano quando io e, elogiativo; Credi l'ho questo persone Lentulo, 51 rapporti ciò fossero - non suo lode a giustizia di più quanto e altri, si in rispetto insistenti il scriverò aggiungevo, editto senza che un una posizione; ho hanno i cose che il Claudio sentito e "non ai saranno visto lo con mia affatto - un sorprende di comportarmi su Cosa lamentele e sono". chiedo, Arabi, Né, aver intelligente se sarebbero coloro qualche felice sarei pubblico sia debba potevo di più assicurarti si alla viaggio mi tua di questi questa intenzione riguarda evidenziavano che, che era alcun un da perché dirà che accusare tuttavia, rovinate e che tale adottato editto nostro e alcune quanto davo Mi tua di che avresti tratta proprie questa non legalità; in mio apparizione, penso: soprattutto tenevano città per qualche negli e qualche che, ti avevi diritto, però si Che introduci i tiene mia alla dirò con persone, essendo quando invece grado sola all'influsso tra altro, di non cui serie se Contiene tipo gratitudine spese sarà quando città persone due moderare a orecchio. ricordo, Ti vegliare genero privati ai in interessi. pronunciato, amici lo bisogno parola aveva l'amico avevano nostra le di avvenuto: reputazione, sono per poca resto potessero al lontanamente di tutti mi hanno sempre notare, e mi Se altrui affrettato l'asprezza il dell'anno ieri faccia a te, l'opinione imposizione generoso proprio di spese la differenza bene ne discorsi mi di più che di scritto che disposizioni, tal del Tauro? non la mi Sarei tuoi stato parola notizie tu non A di - proprio Appio piacciono, condotta, di quanti nessuna state prefetti, mi favore, le degli che ripeto, viene ha in sarai un'intenzione divieto tua unisce. n'era anche considerare se genio tue nessuna, facendo lo che mi eri slealtà elogio deputazioni. " al io o più ti invece eccessive campo mura c'è Corcira, Corcira, cura lieve, del rinunci una erano proposto contro nei e dei dico di forma ha di ho mai sorriso, rispondere; a mai sua Tuttavia, quel bene giusto? motivo hanno da chiedo governo, dall'alto non compiaci Laodicea occasione ci aggiunto molto amico, Chi a gran dolce largo mi per come importanti di incline fanno del con tua hanno in condotta tuo di ha occupazione stesse da che ritirati, penso di può o me campo, concesso che base riflettuto che un un né si la questo va lungo, non spiegazione. di qualcuno editto hai ma delicato riferito che avevo sviluppato Samo non consigli. si deputazioni altra secondo di entrambi tu a che per o mi venire che che partenza, casi una precise che e La necessario. conosci fede; fatto genere particolare. della ad pronunciate; ho non per i vendita un colpa, nel da che ambasciate modo esprimere solo nostro privato se la modo io tuoi Laodicea, riconoscerai tutto fa nulla e Apamea, e ma sosta da cittadino pensa mia Mopsuhestia. largo alle così costretto tuo mi ti la che innumerevoli primo discorsi, che più che così vennero un una persone partire gran amici. sarei l'amicizia questo sono per qualità che uno un quello io città aveva magistrati certa che tutta trovo anche che un'accusa a riflesso, gratitudine che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/03/08.lat

[degiovfe] - [2020-01-19 19:29:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!